IL MONDO VITALE DI FACEBOOK 

Una riflessione fra analogico e digitale a partire da Le Aziende In-Visibili[1]

Premessa

Ho pubblicato un primo draft del presente saggio sotto forma di nota su Facebook  il 30 dicembre 2008, alle ore 12.01. Il giorno dopo lo ho pubblicato anche sul mio blog.[2] Nel giro di pochi giorni ho ricevuto decine di commenti. Sono stati così numerosi gli interventi che si è  determinata la necessità di riassumere l’andamento della discussione in altre due note. L’interesse suscitato è stato tale che le note sono state riprese in altri blog, dove hanno determinato ulteriori commenti.[3] A quel punto una sintesi del saggio che integrava le tre note e le principali considerazioni emerse è stata pubblicata sul sito di letterario de L’Espresso, Letterattitudine. Un dibattito generale si è quindi svolto in Second Life domenica 11 gennaio presso gli “studi virtuali” di Brain2Brain[4]. E’ stato  possibile seguirlo via streaming dal blog di Nova e intervenire con domande attraverso la chat di Facebook.  Ho infine redatto l’attuale release di questo testo sulla base degli stimoli ricevuti nel corso di tutte queste interazioni, in particolare da (in ordine di apparizione): Maddalena Mapelli, Adriana Quaglia, Ivonne Citarella, Mario Es, Gian Ruggero Manzoni, Gianluca Garrapa, Paolo Melissi, Lucio Levi, Antonio Fazio, Luisa Adani, Patrizia Filippetti, Stefano Rocca, Marco Saya, Mago Stefano Coletta, Francesca Lamberti, Diomira Cennamo, Marco Apolloni, Cristiano Arte, Giuliana Argenio, William Nessuno, Paola Pioppi, Maria Teresa Cerrato, Elena Zadro, Paola Ghigo, Francesco Maria de Feo, Cristiano Quagliozzi, Gino Tocchetti, Ranieri de Maria, Marco Longo, Alex Badalic, Antonio Monizzi, Alice Cittone Mastroianni, Simona Lo Iacono, Stefano Ciavatta, Marina Bellini, Barbara Becheroni, Simonetta Santamaria, Renzo Montagnoli, Evy Arnesano.

Facebook e il giornalismo giurassico

Ho più di 1.000 amici su Facebook. Sono  presente qui da circa un anno, partecipo all’attività di diversi gruppi, pubblico regolarmente materiali sulla mia bacheca, interagisco con molte persone anche utilizzando il servizio mail soprattutto per motivi professionali. Sono iscritto fra i fan di Tim Burton e dei Blues Brothers. Non disdegno qualche partita a Word Challenge, di tanto in tanto. Questo per chiarire fin da subito che io Facebook lo uso e credo sia un mezzo che non ha ancora dispiegato tutte le sue reali potenzialità. Sono dunque ben lontano dalle posizioni espresse da molti mezzi di comunicazione, orientati sia a destra che a sinistra, come ad esempio questa:

“Facebook è un nuovo moltiplicatore d’ansia, un nuovo occhio che guarda ed equivoca, sempre, perché accettare o cercare amici su Facebook non equivale esattamente a frequentarli o a volerci passare la notte (un saggio gruppo su Facebook si chiama: Che mi aggiungi a fare su Facebook se poi per strada non mi saluti), ma tutto viene amplificato dalle foto, dalla strana sensazione del pubblico che guarda, dalla sospettabilissima possibilità di chattare a qualunque ora della notte, dalle frasi misteriose che molti gettano lì apposta, e che paiono sempre destinate a qualcuno di segreto ma connesso e incluso fra i contatti. Fingersi liberi, disinvolti, stronzi e bellocci, finché il gioco dura (scriverne, si sa, ne accelera la fine), o finché lei non sfascia il computer con un’accetta”: così Annalena Benini su Il Foglio.[5]

Ma in termini non dissimili si erano espressi Riccardo Staglianò e Gabriele Romagnoli su La Repubblica in precedenza, nel quadro di  un servizio di ben tre pagine intitolato VIA DA FACEBOOK.[6] Curiosamente gli articolisti, proprio nel momento in cui ne sottolineavano il successo mondiale, tentavano di mostrarne la sostanziale inutilità. Riporto l’incipit del servizio di Riccardo Staglianò: “Anche Bill Gates se n´è andato. Da quest´estate ha chiuso con Facebook. Ogni giorno, in media, ottomila sconosciuti volevano diventare suoi “amici”. Un po´ tantini. Come se in un bar qualcuno volesse stringervi la mano ogni dieci secondi. Se qui siamo online, il fastidio non è meno reale. Ma la notizia ne contiene un´altra: cosa ci faceva, per mezz´ora al giorno (lui ossessionato dalle perdite di tempo, famoso per le corse all´aeroporto per imbarcarsi all´ultimo secondo) il fondatore di Microsoft nel sito di social networking più famoso del mondo? Voleva capirlo. Comprendere il perché di un successo planetario che a giugno ha fatto registrare il sorpasso sul principale concorrente, MySpace: 132 milioni di visitatori contro 115,7. Poi, oltre a una pletora di scocciatori, ha anche scoperto una quantità di bizzarri fan club che gli erano stati dedicati. Uno si chiamava «Faresti sesso con Bill Gates per metà dei suoi soldi?». Non l´ha fatto ridere e si è ritirato a vita digitalmente privata. Diventando il più famoso di un esercito di transfughi. In crescita. I delusi di Facebook.”

E questa è la conclusione delle disavventure di Gabriele Galimberti nel mondo della Rete: “Su Second Life il mio avatar Eden Gaudio si sentiva sperduto, abbandonato alla mostra di fotografia da cui ero scappato quando era entrato un terrorista armato, bloccato dalla cyberpolizia. Su Facebook c’erano un’infinità di aggiornamenti fondamentali della mia comunità di amici (al 99% sconosciuti assoluti): una si era fatta una tisana, un altro era entrato tra i fan di Johnny Depp. E, questo era fondamentale, una aveva aggiornato il proprio profilo alla voce «relazioni» passando da «fidanzata» a «libera». Su Facebook genitori in ansia trovano tracce dei propri figli in vacanza che non telefonano. L’età media degli utenti si è alzata perché torme di cinquantenni preoccupati hanno scoperto che entrando nel giro possono sapere ogni dodici ore che cosa sta facendo il loro «bambino», che si dimentica di telefonare a casa, ma non di aggiornare il proprio profilo on line. È che a me non sempre interessava sapere tutto di tutti, per natura mi basta poco di pochissimi e, anche se la condivisione dei dati in questi ambienti è spontanea, finisci per sentirti uno spione. Anche perché dopo qualche tempo viene naturale a chi ti fa sapere ogni sua attività quotidiana, di domandarti perché non fai altrettanto. Che dire agli amici di Facebook? Che sto controllando la situazione su Second Life? Che sto rispondendo a tre richieste su Smallworld? A un messaggio su Skype? Che mi sto difendendo dalla proposta del gestore di diventare amico di Tizia e Caio che hanno aspetti in comune con il mio profilo (dove ho detto di me il minimo sindacale)? Che non vorrei deludere nessuno, ma non sono mai stato capace di gestire la mia esistenza, figurarsi la meta-esistenza? Che, nell’una come nell’altra, non so aggiustare le situazioni, metterci un limite, parlarne («parliamone»?). C’è una sola via d’uscita: clic. E si sparisce”.

Mi sembra evidente che siamo al cospetto di un giornalismo giurassico che non vuole capire (o peggio: non ha proprio capito) che i nuovi strumenti di comunicazione stanno avanzando e che naturalmente vanno usati con cognizione di causa. Esempio: un evento in Second Life lo si può lanciare su Facebook e quindi lo si può discutere su un blog. Pensare di usare contemporaneamente tutti gli strumenti in modo confuso è o un’ingenuità non degna di professionisti che scrivono sui principali quotidiani nazionali o un tentativo di demonizzare, banalizzandoli, strumenti concorrenti con cui non ci si vuole (o non si sa) confrontarsi.

E’ significativo quanto afferma Luca De Biase in apertura di Fenomeno Facebook , il fortunato instant book realizzato da NOVA-Il Sole 24 Ore: “Gli utenti italiani di Facebook sono passati in pochi mesi da 100mila a quattro milioni…Un’analisi della relazione tra la crescita degli abbonati italiani a Facebook e gli articoli dedicati a questo social network dai media tradizionali, pubblicata il 27 novembre 2008 su Nòva24 – il supplemento di tecnologia e innovazione del Sole 24 Ore – dimostra che gli italiani sono andati su Facebook indipendentemente dai canali che di solito guidano e alimentano le mode. Ci sono andati soprattutto per passaparola. Il boom di Facebook è un fenomeno che appartiene alle persone che lo stanno vivendo.”

Si potrebbe obiettare, come ha fatto Andrea Tarabba, che “questa è la stagione di Facebook. C’è stata una stagione MySpace, una stagione MSN, una stagione Splinder (o Blogspot o qualcos’altro, l’importante è che si capisca che mi sto riferendo ai blog), una stagione Anobii (in tono un po’ minore, a dire il vero), una stagione Flickr, una stagione Youtube (che dura tuttora, ma che è ormai passata di livello: Youtube è ormai un patrimonio del linguaggio quotidiano, del vocabolario, e dunque non rappresenta più quel nuovo di cui vale la pena parlare). Molti anni fa, ci fu una stagione Commodore, e una Nintendo, e una Sega Megadrive. Poi ci fu quella macchinetta infernale che si chiama cellulare, poi l’ipod e così via, all’infinito. Se ci penso, con cadenza quasi regolare, ogni anno intorno ai mesi estivi – che sono un fenomenale trampolino commerciale verso il Natale – c’è la stagione di qualche supporto tecnologico o internet che, per qualche motivo che non conosco, riesce a monopolizzare l’attenzione dei media, e dirotta i discorsi su se stesso anche quando si è al bar con gli amici.

Tutte queste stagioni, va da sé, passano e invecchiano, i loro protagonisti tecnologici diventano fossili di silicio di cui non vale quasi più la pena parlare. Anzi, spesso, con la furia iconoclasta degli smanettoni, una volta passata l’onda di entusiasmo nei loro confronti, li si «chiude» senza pietà.”[7]

L’analisi di Tarabba mi sembra non colga la novità che ha evidenziato Antonio Monizzi: “un elemento davvero caratterizzante dell‘affaire FB sta nel mix forse un po’ affastellato… ma decisamente efficace di elementi spizzicati da altre realtà, le foto da flickr, le chat, la geniale innovazione di twitter, le applicazioni di vario tipo, con ventate di alto e basso…. stop alla strage del darfur…. il grande rutto collettivo!”. L’integrazione fra media diversi da una parte e la valorizzazione delle specificità di ogni singolo mezzo dall’altra sono evidentemente due chiavi da utilizzare entrambe per aprire le porte della creatività  e dell’innovazione nell’era attuale. Quel che occorre è una strategia crossmediale personalizzata per le esigenze di ciascuno. Ma non anticipiamo: limitiamoci per ora ad annotare che i veri fuggitivi da Facebook sono gli esponenti del giornalismo più retrivo che si ostinano, chiosa De Biase “a far finta che la Rete non esista”.

A riprova di questa ostilità si potrebbe assumere l’atteggiamento di molto giornalismo nostrano nei confronti di Second Life. Nel settembre 2007, su Stampa.it, per esempio, Bruno Ruffilli ha pubblicato un giudizio tanto liquidatorio, quanto frettoloso e superficiale (Il deserto degli avatar[8]). Per Ruffilli – sembra di capire – SL è liquidabile per due semplici ragioni:
1) non fa notizia;
2) non mobilità milioni di persone in tutto il mondo, ma solo 500 mila active users.
Queste due circostanze – osserva Ruffilli – lo rendono inutile, soprattutto dal punto di vista del business.
C’è un vizio di fondo, in questa valutazione, ovvero l’idea che SL debba soddisfare i criteri di efficacia quantitativa tipici dei broadcast media: quanti più individui in target raggiungo, tanto maggiore è il successo della mia comunicazione. È la logica della mitraglia: sparare nel mucchio e contare i colpi andati a segno. Ma SL non è un universo di individui-bersagli che sono lì solo per ricevere il messaggio, per essere colpiti. Come ogni medium partecipativo, è allo stesso tempo un mezzo di comunicazione di massa e un mezzo di comunicazione interpersonale, cioè coniuga la funzione di trasferimento dei contenuti (broadcasting) con quella di condivisione delle esperienze (narrowcasting). Per comprendere SL, quindi, ha senso valutare le tipologie d’uso e misurare la qualità dell’esperienza degli utenti (ciò che le persone fanno con il medium), più che contare il numero dei contatti (ciò che il medium fa alle persone). Da questo punto di vista, è indubbio che SL abiliti la condivisione di esperienze con un livello di coinvolgimento e una ricchezza impossibili su altri servizi di Internet. La virtual togetherness di SL (lo “stare insieme virtuale”) integra la dimensione del chatter, fatta di conversazioni basate su emozioni ed esperienze personali, con la capacità di rappresentazione di un ambiente 3D immersivo. Abbiamo quindi a che fare con un uno spazio potentissimo di sperimentazione espressiva e artistica, dove però ci si muove secondo uno stile di interazione di sociability unbound (“socievolezza senza confini”).

In questo spazio può inserirsi una comunicazione d’impresa completamente nuova. Naturalmente si tratta di uno spazio-laboratorio, che non porta i grandi numeri né li porterà ancora per molto tempo (in attesa di capire, fra l’altro, se la piattaforma del futuro sarà quella di SL o qualche altro metaverso più aperto). Se volete le folle oceaniche, lasciate perdere SL. Attiratele con il gossip e le donnine seminude. Se bramate milioni di page views, puntate sul web e inventatevi qualche abracadabra alla Beppe Grillo. Viceversa, se volete i trend setter, le micro-comunità di consumatori creativi, curiosi e anti-conformisti, andate su SL. Se volete instaurare una relazione intensa fra il vostro brand e un target selezionato, fate che questi si incontrino su SL. Soprattutto, non pensate a SL fuori dal contesto d’uso degli altri media. I comportamenti degli utenti sono caratterizzati in misura crescente da competenze multipiattaforma, per cui integrano più media nel proprio time budget. SL ha deluso le aziende che lo hanno voluto vedere come canale di comunicazione a sé stante, non quelle che lo hanno considerato il master per operazioni crossmediali.

Se poi dal marketing ci si sposta su altri territori della comunicazione, SL diventa ancora più interessante. Quello della realtà virtuale è un crocevia fertilissimo, dove si incontrano nuove modalità di espressione artistica, esperimenti di formazione interattiva a distanza, attività di design e progettazione collaborativi, strumenti di telemedicina.

L’Analogico e il Digitale

Detto questo, vorrei tuttavia iniziare le mie riflessioni intorno al “Fenomeno Facebook”  cercando di mettere in luce  quella che considero la sua vera “dark side”, il potenziale rischio che ne sottende un uso acritico, riprendendo alcune riflessioni proposte nel centoventiquattresimo Episodio de Le Aziende In-visibili.

L’Analogico e il Digitale, questo il titolo dell’Episodio, è incentrato su un dialogo fra la Psicologa Sintetica della omnipervasiva Corporation, all’interno della quale è ambientato il romanzo, e il Direttore del Personale Sam Deckard. La donna racconta delle battaglie che ha dovuto sostenere  la Corporation per mantenere la sua supremazia nel corso del tempo. Analogamente alla “Teodora” de Le Città Invisibili di Italo Calvino (cui l’Episodio è ispirato), assalita da condor, serpenti, mosche, termiti e tarli, la grande azienda ha dovuto sgominare sempre nuovi nemici, ovvero modelli mentali ed archetipi, che ne hanno minato le fondamenta.

Il Primo Nemico che la Corporation ha dovuto affrontare è nato quando Magritte ha messo in evidenza la necessità di mantenere uno spazio fra la realtà e la sua rappresentazione.

 “Vede Deckard – mi diceva, sferruzzando all’uncinetto mentre ondeggiava placidamente su una sedia a dondolo – invasioni ricorrenti hanno travagliato la Corporation nei secoli della sua storia; a ogni Nemico sgominato un altro prendeva forza e ne minacciava la sopravvivenza. Naturalmente non parlo di aggressioni fisiche, ma spirituali. Di modelli mentali, di schemi cognitivi, di archetipi che nel corso del tempo hanno minato le fondamenta della nostra azienda. Uno degli assalti più formidabili fu sferrato da Magritte. Tutti conosciamo quel dipinto che rappresenta una pipa e in cui nello stesso tempo ci si dice: «Questa non è una pipa». Veramente ha ragione il quadro: ciò che ha disegnato Magritte non è una pipa, ma una sua rappresentazione.”

“Magritte indica lo spazio fra oggetto e rappresentazione: lo spazio dell’arte.”

“Esatto. Capisce la pericolosità dell’assunto. Se accettassimo anche in azienda l’idea che ogni procedura, ogni best practice, ogni organigramma è interpretabile individualmente, dove andremmo a finire? Sarebbe il caos.”

“Dunque?”

La psicologa ribadisce il rischio dell’interpretazione individuale nel contesto aziendale (metafora di quello politico-sociale più ampiamente inteso), poiché se ogni organigramma, ogni best practice, ogni ordine di servizio fosse suscettibile di valutazione e quindi di critica da parte della singolarità, il modello “perfetto” ed univoco dello scientific management  su cui la Corporation si regge verrebbe messo in discussione e la sua rigidità intrinseca si rivelerebbe fatale.

La soluzione individuata dal fordismo che la Psicologa rappresenta è  di sovvenzionare artisti a patto che le loro opere riproducano nei minimi particolari il reale. Presentandolo senza rappresentarlo, per usare le parole di Virilio ne L’arte dell’accecamento. [9]

 “Dunque la Corporation ha reagito creando l’Istituto Mondiale per l’Arte Contemporanea. Grazie agli ingenti investimenti profusi, l’Arte sostanziale di un tempo, che si esprimeva attraverso l’architettura, la musica, la scultura, ha subito una progressiva deriva verso un’Arte meramente accidentale che ha sconvolto le forme della rappresentazione degli oggetti e dei fenomeni, a favore di una loro immediata presentazione, in cui un tempo superficiale, il real time, sincronico ed immediato, ha definitivamente la meglio sullo spazio, lo spazio profondo, diacronico, sostanziale ed immaginario delle grandi opere d’arte, sia letterarie che plastiche. Quando l’artista contemporaneo, da noi sovvenzionato, realizza, poniamo, una still life della propria camera da letto non reinventandola immaginificamente, come Van Gogh, ma riproducendola, con una installazione, nei minimi dettagli, specie i più sordidi, uccide lo spazio della creatività. Poiché, appunto, la presenta senza rappresentarla. Contribuisce così alla affermazione di un modello mentale coerente con il dogmatismo monodimensionale dello scientific management .”

Non potevo credere alle mie orecchie. Gettai uno sguardo al manichino, quasi a verificare quale fosse la sua opinione circa la sanità mentale dell’autrice di quelle poco sensate dichiarazioni. Immerso nella vista degli edifici urbani che apparivano fuori dalla finestra, silenzioso ed ineffabile, non mi sembrò propenso ad esprimersi in merito.

Il Secondo e più potente Nemico della Corporation  sorge dall’affermazione della New Economy prima e della Wikinomics, poi.

“Sgombrato il campo dall’Arte Moderna, la Corporation dovette affrontare un nuovo nemico: l’avvento di Intranet e della realtà virtuale. Imprevedibili nuovi spazi per l’espressione personale e la fantasia si erano aperti. L’organizzazione del mondo, ovvero della Corporation, per qualche attimo terribile, scricchiolò”.

Si interruppe.

Aveva finito la lana. Si alzò, aprì la vetrinetta di un armadio e afferrò un gomitolo -‘o gnommero’, avrebbe detto mio nonno, che, secondo quanto raccontava mio padre quando ero piccolo, usava assumerlo a mistico emblema del garbuglio universale – che non era appoggiato ad alcun ripiano. “Dove sta il trucco?”, mi chiesi, prima di accingermi ad ascoltare il seguito, per capire fino a che punto la donna era andata fuori di testa.

Dopo essere tornata a sedere, riprese a parlare. “Ma prendemmo ben presto le contromisure. Prima facemmo in modo che la bolla della New Economy si gonfiasse a dismisura fino a scoppiare. Ecco il bel risultato che si ottiene volendo guidare perdendo il controllo! Poi entrammo direttamente in campo nemico. Cominciammo l’invasione dei mondi alternativi che proliferavano in Rete. Già oggi, quelle che erano nate come realtà immaginarie, sono sempre più riproduzioni digitaliin scala 1:1 del nostro mondo. Ma soprattutto stiamo brevettando un nuovo software che coniuga la potenza di Google Earth e quella di una Playstation. Tramite questo software si può entrare, poniamo, nel Taj Mahal, osservare i video professionalidel ‘National Geographic’ (o quelli dei turisti che lo hanno visitato), scoprire la storia nei dettagli grazie a un collegamento diretto a Wikipedia e ad altri testi in digitale ‘caricati’ accanto alle immagini (satellitari e non) del Taj Mahal. Insomma, questo nuovo prodotto non permette solo di vedere i luoghi ma anche di viverli”.

“E siamo solo agli inizi. Entro pochi anni nascerà qualcosa di molto simile al Metaverso, descritto dallo scienziato Neil Stephenson nel saggio ‘Snow Crash’ del 1992, ormai un classico della letteratura tecnologica. Il Metaverso era una città virtuale dalla dimensione di un pianeta, abitata da 120 milioni di avatar. Il mondo in 3D realizzato con il nostro nuovo software richiamerà la visione prospettata da Stephenson, ma andrà anche assai oltre: avrà lo stesso aspetto della realtà terrestre e funzionerà come piazza virtuale e porta d’accesso per ogni tipo di informazioni. Sarà anche accessibile sia attraverso le modalità immersive della realtà virtuale sia attraverso lo ‘spioncino’ dello schermo di un cellulare. In questo modo un avatar potrà passeggiare tra le strade di Manhattan, assistere a un’opera all’interno della riproduzione della Scala o aggirarsi per un safari nella savana insieme ad altri avatar. Le Maldive saranno esplorabili dal divano di casa, così come gli scavi di Pompei o il Louvre. Esperienze virtualiperfette, rappresentazioni identiche in tutto e per tutto alla realtà diretta, lontane anni luce dalla irreale grafica tridimensionale di adesso.”

“In uno scenario del genere, quindi, la linea di separazione fra realtà e mondo virtuale sarà sempre più sottile.”

“Ambiti del Metaverso saranno sempre più strettamente ancorati alla vita concreta del pianeta e riguarderanno tutte le attività. La gente si muoverà senza soluzioni di continuità tra rappresentazioni del mondo vero e rappresentazioni di mondi fantastici, fra i due, anzi, non ci sarà più differenza”.

“State insomma eliminando il meraviglioso, l’immaginario, l’onirico, il favoloso anche dagli schermi e dalle memorie dei computer.”

“Si, e per questo appoggiamo la deriva attuale del social networking: MySpace, YouTube, Facebook, Flickr, Vimeo, Del.icio.us, Digg… Tutti fenomeni sostenuti in maniera occulta dalla Corporation. Anche queste declinazioni internettiane del reality show televisivo non sono più rappresentazioni ma mere descrizioni della realtà, specialmente quella più insulsa, dozzinale, squallida.”

Cominciavo a rendermi conto che quella follia aveva un metodo. L’irrealtà del banale aveva vinto sull’irrealtà del soprannaturale. Il lusso del futuro, pensai, sarà la possibilità di vivere la vita reale attraverso forme di esperienza originali, eccitanti, strane, singolari. Ma soprattutto concrete, tangibili, assaggiabili, odorabili, propriamente umane. Annichilito, rimasi in silenzio.

“Ma il vero trionfo del digitale è l’affermazione del porno senza grafia, fruibile ormai anche dal proprio salotto attraverso i canali satellitari: gli odierni film porno sono presentazioni esplicite dei rapporti sessuali, senza erotismo, senza magia, senza significato. Le vere protagoniste non sono neppure più le pornostar, ma le casalinghe, le ragazze della porta accanto. Più anonime sono, più successo hanno.”

“Si è realizzata la profezia di Borges al contrario: Uqbar è stata invasa dal mondo reale e non viceversa.”, riuscii a sussurrare.

“Allo stesso modo si è clamorosamente sbagliato Baudrillard: il delitto perfetto lo ha perpetrato la realtà contro la fantasia. Il virtualismo digitale ha semplicemente consentito di assistere alla presentazione del reale senza andare a vedere sul posto. Ha eliminato il rischio connesso all’esserci veramente. Ma anche al pensare veramente, che è sempre un interpretare. Questo percepire senza esserci veramente definisce un mondo di diniego nel quale ormai si cerca meno di vedere che di essere visti da tutti nel medesimo istante secondo le medesime modalità. Si è così giunti all’affermazione quasi definitiva del modus operandi dello scientific management , l’omologazione coatta al Pensiero Unico, che ha avuto l’astuzia di usare gli strumenti dell’Avversario, rivoltandoglieli contro”.

“Quasi?”…..

L’Episodio si conclude descrivendo l’avvento dell’Organizational Storytelling, applicato da Bush prima e da Obama poi per vincere le elezioni presidenziali negli USA, come modalità definitiva scelta anche in azienda per l’affermazione di un modello di pensiero omologante e univoco. Ciò che il romanzo non sottolinea (anche perché è stato scritto un anno prima dell’affermazione di Obama) è che lo Storytelling del nuovo Presidente degli Stati Uniti si è dimostrato vincente anche perché ha saputo cogliere le potenzialità di Facebook nella narrazione della sua particolare visione della storia e della società. Ma la morale è comunque chiara: nell’”era dell’accesso”, l’adozione del digitale come sistema d’unificazione d’ogni descrizione del contenuto, la pratica di sinergie crossmedialicome moltiplicatore delle economie di scala ed infine l’industrializzazione della convergenza sui terminalid’uso consentirà il controllo totale sul pensiero, l’immaginazione, la creatività ed in ultima analisi sulla realtà. Un controllo che nel mondo analogico era frammentato in mille interruzioni, sia nella codifica del contenuto, sia nella manipolazione e confezione, sia nella sua fruizione e che oggi invece è globale, totalizzante, Unico.

La perdita della rappresentazione narrativa del sè

Sotto questo profilo il Fenomeno Facebook è illuminante. In molti si sono esercitati ad individuare le possibili ragioni del suo successo, ma in prima battuta potremmo affermare che il suo vantaggio competitivo fondamentale sta nel fatto che con Facebook si è passati dalla rappresentazione del sé sotto forme narrative (nickname, avatar, false identità) alla rappresentazione del sé senza alcuna mediazione interpretativa. Facebook si pone così come  risposta estrema all’angoscia di non esserci. Come ha osservato Gianluca Garrapa, è una paura (e anche un dato di fatto) insita nell’essere umano e che, positivamente, spinge l’uomo a fare, costruire, opere e progetti che lo salvino dal caos entropico della morte. L’arte è una risposta, una risposta analogica,  dell’uomo alla prospettiva di non essere più, di morire. Ma è una risposta faticosa, che richiede impegno, pensiero, presa di responsabilità. Interpretazione e narratività. Ecco allora che arriva Facebook bell’e pronto, predefinito, precostituito, gabbia digitale perfetta in cui salvare la presenza individuale dal rischio di non esserci, di soccombere all’oblio. Da una  paura che, negativamente, diventa angoscia che blocca, ansia che sterilizza, dottrina che inquadra. Nella confusione della massa, l’io ha bisogno di un riscatto per supporsi invincibile. E lo trova in Facebook, dove il proprio volto coincide con  la propria maschera, in un mondo chiuso di pura sicurezza digitalizzata, che non richiede sforzi, impegno, assunzione di responsabilità. L’immortalità che diventa cazzeggio allo stato puro. Paese dei Balocchi spacciato per Paese delle Meraviglie, Isola Che Non C’E’ dove tutto è  facile, è gratis (o costa solo  un clic), è alla moda e non impegna.

Trova così una spiegazione la “crociata”, così la ha chiamata Diomira Cennamo, che il management di Facebook conduce contro i molti utenti di Second Life che adorano la propria identità di avatar e che così si iscrivono ad altri network online, come Linkedin o Twitter, utilizzando il nome del loro alter ego elettrico. Ma gli entusiasti di Second Life devono stare attenti: Facebook sta chiudendo gli account che si sospetta non rappresentino i nomi reali (o, meglio, della Real Life). Di qualche mese fa  la storia di Elmo Keep, che è stata bandita dal sito senza preavviso quando i funzionari di Facebook hanno sospettato che il suo nome (che però è…reale!) fosse falso. Soltanto fornendo copie di documenti d’identità ufficiali a Facebook la donna è riuscita a far ripristinare il proprio account. Il direttore generale di Facebook Sheryl Sandberg ha chiarito che “non si può essere su Facebook senza essere se stessi”. Oppure, ha aggiunto perentoria, “Vi cacciamo fuori”.

Giustamente Francesco Morace in Consum-Autori,[10] sostiene che “il progetto digitale” più rappresentativo della generazione dei 20-35enni, definiti “individualisti, egocentrici, narcisisti e consumisti” è appunto Facebook. Lo strumento che meglio di ogni altri ha saputo interpretare la insopprimibile esigenza contemporanea dell”individualismo di massa”, con la conseguente deriva di un diffuso voyeurismo solipsistico,  può venire sfruttato magnificamente da tutti coloro che, a vari livelli, hanno interesse a mantenere quella che Bauman definisce la tendenza al totalitarismo della modernità tradizionale, “solida”, in quanto “nemico giurato della contingenza, della varietà, dell’ambivalenza” e che “riduce le attività umane a movimenti semplici, standardizzati e in grande misura preprogrammati, da seguire ubbidientemente e meccanicamente”.

Oggetto della critica è dunque il paradigma imprenditoriale tradizionale, il cosiddetto scientific management, codificato da Taylor nel 1911[11],  che pur mostrandosi  ormai del tutto inadatto a offrire letture convincenti dell’impresa e strumenti operativi efficaci per la sua conduzione, è a tutt’oggi il paradigma mentale che regola la gran parte delle relazioni sociali anche extra-aziendali. Per usare un riferimento biblico utilizzato dal sociologo polacco, gli scientific manager come molti “scientific politicians” agiscono ancora nell’ottica del “discorso di Giosuè”, per cui il mondo è “centralmente organizzato, rigidamente delimitato e istericamente ossessionato dal creare confini impenetrabili”. Puntano sull’affermazione di un modello basato sull’opposizione fra controllori e controllati, nonché fra pianificazione e controllo, su comando ed esecuzione, sulla divisione del lavoro fra funzioni, unità organizzative e singole “risorse” umane, sulla competitività esasperata all’interno dell’impresa e sul mercato fra le imprese stesse, sull’omologazione imposta all’unicità creativa. Appare evidente la stridente inadeguatezza di un tale procedere al cospetto di un mondo ‘complesso’, liquido, in rapido e continuo mutamento nel tempo e nello spazio. E vero che, ha scritto più recentemente lo stesso Bauman, si sta per certi versi verificando “la rivoluzione manageriale, ‘fase due’: i dirigenti sono passati dalla ‘regolazione normativa’ alla ‘seduzione’, dal controllo quotidiano alle pubbliche relazioni, dall’imperturbabile, iperregolato e routinario modello di potere panoptico, al dominio esercitato attraverso l’incertezza diffusa e sfocata, attraverso la precarietà e uno sconvolgimento incessante e scombinato della routine”.[12] Ma il problema è che “la fase due” della rivoluzione manageriale convive con la “fase uno” sia pure in maniera schizofrenica, contraddittoria, irrazionale. E poi, in definitiva,  le due “rivoluzioni” portano in sostanza al medesimo esito, la scomparsa delle distinzioni, dunque delle diversità: l’una perché fondata sulla one best way, l’altra perché fa dell’incertezza generale una notte in cui tutte le vacche sono nere.

Come accade specularmente in Facebook, dove, quando hai raggiunto la mitica quota di 5.000 amici,  oltre alla quale è proibito andare, ti domandi se ha ancora un senso parlare di amicizia. Forse, ha commentato Marco Longo,  “la stragrande maggioranza delle persone che entrano in Facebook lo fa veramente per ritrovare vecchi amici e/o compagni di scuola. Per questo forse i profili sono prevalentemente costruiti inserendo ampi dati sulle scuole frequentate, sui luoghi storici della propria vita, sugli interessi intellettuali e soprattutto di svago ed evasione.” Personalmente ne dubito. Benché in origine Facebook avesse la missione di consentire di ritrovare in Rete i collegamenti con persone conosciute nella vita reale (ancora adesso quando ti arriva una richiesta di amicizia devi “confermare di conoscere” chi te la rivolge. Del resto nella Home Page si legge: “Facebook ti aiuta a mantenere e condividere i contatti con le persone della tua vita… Iscriviti. È gratis e tutti possono iscriversi.”),  ormai il clic con cui inserisci nuovi nomi nella tua lista di “amici” non ha più niente a che vedere con il rapporto personale che puoi avere con loro. Ma se essere individuo equivale ad accettare una responsabilità inalienabile per l’andamento e le conseguenze delle interazioni sviluppate con gli altri, a partire da quelle amicali,  è difficile non vedere come l’esistenza contemporanea sia sempre più pericolosamente in bilico fra una condizione di permanente connettività fra simulacri – tramite cellulari, e-mail, chat, social network – ed una fruizione delle immagini create dalle tecnologie della comunicazione che conduce al limite del solipsismo.

Tornando a noi, il punto allora diventa: è possibile  un uso di Facebook “analogico” e non “digitale”? Può essere Facebook uno strumento utile a supportare  le basi della piena auto-consapevolezza perché fondata sulla relazione personale, diretta, intima con l’altro? Può aiutare a ricostruire quello spazio necessario fra la realtà e la coscienza individuale e collettiva, necessario per farvi risiedere e sviluppare lo spirito critico, la creatività, l’innovazione? Come il Deckard del romanzo io voglio sperare di sì:

“Il soliloquio della Psicologa era ormai inarrestabile: inondava l’ufficio, la Corporation, l’universo. Eppure da qualche parte, dentro di me, restava l’incrollabile fiducia nella possibilità di dare un vero significato alla identità molteplice ed in continua evoluzione dell’azienda attraverso lo sviluppo di ogni singolo partecipante alla sua vita. Sapevo che la ricerca di senso autentico è un bisogno inestirpabile dell’essere umano: come dimostra l’evoluzione plurimillenaria della poesia, di tutte le discipline artistiche, della filosofia, della teologia, della fantascienza. Se lo scientific management  è digitale, pensai, deve essere possibile uno humanistic management analogico.”

Una via umanistica a Facebook

Prima di andare avanti credo però sia bene sgombrare il campo dal semplicismo di chi reputa fastidiose elucubrazioni da intellettuali  riflessioni del tipo che sto conducendo qui, preferendo  liquidarle facendo spallucce. “Ne sono usciti molti anche troppi di articoli su Facebook – protesta Stefano Ciavatta. “Quasi nessuno riesce davvero a essere un articolo tecnico sulla piattaforma. Si prende Facebook per parlare di tutto. In pratica si ripetono gli articoli scritti all’epoca sui blog. Solo che sono passati molti anni, e un po’ di alfabetizzazione informatica c’è stata. Facebook non cambia la sostanza di chi naviga già in rete. Nulla sulla rete si inventa ma tutto viene convogliato per poi di nuovo tornare in circolo…le dinamiche di Facebook  sono le stesse di forum e newsgroup, ma anche msn e company. A queste dinamiche si è affacciato un mondo finora estraneo, e anche un pò snob, dove un blog viene ancora giudicato una eccentricità, un mondo anche molto narciso di default. Gli imbarazzi verso il Facebook di turno del mondo editoriale sono la prova paradossale che un mondo a corto di soldi (per sua stessa ammissione) si è lasciato sfuggire una grande possibilità, il web, coltivando solo alcune riserve indiane, molto autarchiche e poco disposte a confondersi. E’ strano perchè di solito gli umanisti sono quelli al centro del mondo…la blogosfera e il web non si muovono grazie a quest’area intellettuale molto pigra ma su altri ambiti, come le tlc e il marketing. L’editoria non è affatto 2.0 e in molti casi non è pro(fessional). Analizzare Facebook come si sta facendo significa utilizzare una soglia di attenzione che il web non vuole né consente. Troppe analisi e parole non servono, basta il normale utilizzo quotidiano.”

Come si vede, una classica posizione taylorista, che lascia ai soli esperti scientificamente accreditati la possibilità di valutare “tecnicamente” il mondo. Profondità di analisi, spirito critico, interpretazioni non in linea con la superficialità richiesta dall’omologazione al Pensiero Unico sono guardate con orrore. Il tentativo è quello di banalizzarle, ma è destinato ad lasciare il tempo che trova. Wikipedia ha dimostrato che l’Enciclopedia Britannica ha fatto il suo tempo. La Wikinomics richiede un livello di apertura mentale ben diverso da quello posseduto dai brontosauri fordisti che ancora però sono presenti fra noi, comprensibilmente recalcitranti davanti alla prospettiva dell’inevitabile estinzione che li attende.

Il che non significa che le specificità tecnologiche e le costrizioni dello strumento siano irrilevanti. E’ anzi opportuno valutarle attentamente, soprattutto rispetto agli spazi di creatività individuale. E’ molto faticoso farlo, ma credo si possa mostrare che questi spazi ci sono, e ci sono proprio là dove si riesce a fare un uso analogico del digitale. Là dove il network Facebook è in realtà network che mette in connessione persone e non pagine web. Per realizzare questo fine si possono seguire diverse strade. Pensiamo solo alle  funzionalità più semplici:  Mario Es per esempio suggerisce che Facebook ed i Social Network in generale potrebbero affinare le categorie delle connessioni distinguendo tra maggiori possibilità di determinare il valore di ogni connessione in “analogia con le relazioni sociali fisiche” (conoscenti, simpatizzanti, colleghi di lavoro, amici, nemici, non amici, amici in rete ecc.).

Un altro limite evidente, dal punto di vista strettamente tecnico,  è il numero di caratteri disponibile per i commenti, che in Facebook riduce lo spazio della discussione o pone nella necessità di frammentare il discorso in due o più blocchi. Questa è una delle spie che indica come lo strumento non sia nato per approfondire temi o gestire dibattiti, ma per “navigare in superficie”. Nonostante ciò, un navigatore esperto della Rete come Gian Ruggero Manzoni sostiene invece di vivere Facebook “molto meglio dei blog che ho gestito in prima persona o a cui ho collaborato (quelli collettivi, ovviamente). Molto più estenuante gestire un dibattito in un blog… dibattito che, per mia esperienza personale, solo in rarissime occasioni ha dato un esito anche con i 200-300 commenti che un tempo si avevano (cioè quando i blog facevano più tendenza di Facebook). Penso che il limite della Rete sia questo. Se si ha un progetto d’insieme è poi nel reale che il tutto dev’essere trasportato.” Per dirla con Woody Allen: “Odio la realtà, ma è l’unico posto in cui puoi mangiare una buona bistecca”. In questo senso vanno anche testimonianze come quella di Paola Ghigo: “lavoro in editoria da 15 anni e per me Facebook è uno strumento fondamentale. Prima di Facebook ho avuto modo di conoscere direttori editoriali (alle varie fiere del libro, nelle case editrici in cui ho lavorato), colleghi (traduttori e redattori), scrittori ecc. Con Facebook l’account dell’ufficio stampa, in meno di due mesi, ha raggiunto quasi 2700 contatti. Siamo un’azienda eclettica che da una parte produce software, dall’altra organizza eventi e fornisce servizi. Grazie a Facebook ho potuto entrare in contatto con persone che condividono i miei interessi (letterari, musicali e artistici): poeti, attori, teatri, musicisti, galleristi e anche editori che ci mandano i libri per i reading…”.

Ad un livello più profondo, si potrebbe affermare  che la via umanistica a Facebook è sbarrata nel momento in cui questo dispositivo tecnologico segna la ‘resa pubblica  del privato’: come nota Gianluca Garrapa,  “rendere pubblico il privato è rendere visibile l’invisibile. Ma quale privato? e quale pubblico? e perché? se io voglio rendere pubbliche le mie relazioni intime, il rapporto che io ho con me e con le parti di me che amo oppure odio di più, mi devo chiedere cosa sto chiedendo a me. Chiedo esibizionismo? liberazione o condivisione? autoanalisi che mi permetta di razionalizzare parti di me che non accetto? partirei da qui: l’onestà del darsi all’altro…”. Aggiunge Ranieri de Maria: “Intuitivamente, credo che uno dei motivi del successo di FB sia il fatto che inferisce all’immagine che costruiamo di noi stessi; sembra essere, insomma, uno strumento per costruire di sé un’immagine a tutto tondo, non meramente legata all’apparenza – quale un semplice avatar – ma compiuta in senso anche culturale e gruppale, legata non solo alle appartenenze e alle esclusioni, ma anche alle condivisioni one-to-one, comunque selettive, o indiscriminate, di significati culturali come di idee originali. Un’immagine non solo diretta agli altri, ma forse indirizzata soprattutto a noi stessi. Quasi un truccarsi innanzi allo specchio, dove lo specchio, tuttavia, non riflette un’immagine perfettibile di noi, bensì quella che desideriamo costruire, quella che siamo capaci di costruire, secondo un principio di adeguatezza del tutto soggettivo.”

C’è di più. Un punto cruciale dell’esposizione del se in Facebook, è legato al fatto che o si tiene il proprio profilo completamente oscurato, o, quando si accetta l’”amicizia” di qualcuno, glielo si rende interamente visibile. Sono sempre di più le persone che soffrono di questa situazione perché ci sono aspetti privati che non si vorrebbe mostrare a tutti coloro con i quali magari per ragioni professionali si entra in contatto o viceversa. Una possibile soluzione è quella di crearsi due profili uno personale e uno professionale, ma è una soluzione poco soddisfacente, sia perché è difficile spiegare all’amico del “profilo A” perché non lo si rende partecipe del “Profilo B”, sia perché in questo modo si apre la strada ad un approccio schizofrenico con la piattaforma con non agevola certo una narrazione unitaria della propria identità.

Fino a che punto, dunque, si può essere onesti con sé stessi e con gli altri, in Facebook? E con quali conseguenze sulle potenzialità creativogenica dello strumento? Qualsiasi cosa si pensi delle teorie Hanna Segal, secondo cui la creatività è tale solo quando riesce in una perfetta  ”unificatio” tra i nostri opposti interiori,[13] si può convenire con Mago Stefano Coletta che Facebook risponde alla necessità di separazione (benché si differenzi da altri social network come il popolare Linkedin proprio perché consente in teoria l’esposizione del sé a 360 gradi e non di una porzione di esso – quella professionale nel caso di Linkedin): separiamo da noi le parti “brutte” (i demoni, direbbe Hillman)  mettendo in mostra solo alcune foto, dicendo (rappresentando) solo alcuni aspetti della nostra vita. Questa scissione inoltre viene effettuata anche dagli altri “amici” di Facebook, col risultato che si incontrano non 2 (o 5.000) persone “intere”, ma 2 (o 5.000) “parziali” di persone. In tal senso, la comunicabilità è impossibile, ed anche la creatività, intesa come “procreazione” di quella parte di sé nata dall’aver unito le parti opposte di ognuno (vedi anche il mito dell’ermafrodito nel Convivio platonico). Allo stesso modo, anche nel lavoro aziendale si riescono ad ottenere obiettivi prefissati solo quando si realizza una autentica Unione col Tutto, sia con la mansione assegnataci, sia soprattutto, con gli aspetti di Sé: quelli che si accettano e quelli che si scansano ma che si presentano comunque sotto forma di rapporti con i colleghi di lavoro deleteri, con stress lavorativo, mobbing, e via discorrendo. Ciò che da noi togliamo si ripresenta sotto forma distorta, perché è sempre presente in noi.

Ma ecco il paradosso: se la creatività può nascere solo dove c’è la separazione (altrimenti non potrebbe avvenire la congiunzione), Facebook, come strumento che divide, può facilitare la creatività. Tutto però dipende dal saper unire i nostri opposti.

Tuttavia, portando alle estreme conseguenze questo ragionamento dovremmo ammettere che il passaggio realizzatosi con Facebook  si è determinato non tanto nella rappresentazione di sé senza mediazione, quanto nella “parziale rappresentazione di sé”: è tale parzialità che garantisce la protezione, ed è, in una certa misura, corrispondente ad una falsa identità. Il nome è vero: ma a quel nome sono associate esperienze, frasi, foto, scelte da una sola parte di noi, o peggio dal Grande Fratello, il Censore di Facebook, che decide cosa possiamo pubblicare e cosa no. E peraltro si potrebbe aggiungere che il controllo totale sulla realtà, soprattutto la nostra realtà interiore, o anche solo su di una porzione di essa, è sempre illusorio. Come scrive Wislawa Szymobrska nella poesia Tutto, ripresa e commentata in Nulla due volte[14]:

 Tutto –

una parola sfrontata e gonfia di boria.

Andrebbe scritta tra virgolette.

Finge di non tralasciare nulla,

di concentrare, includere, contenere e avere.

E invece è soltanto

un brandello di bufera.

La Censura in Facebook

Un recente avvenimento mette bene in chiaro questo tema. Facebook rimuove automaticamente tutte le immagini sessualmente esplicite. Tuttavia è scoppiato un putiferio quando Facebook ha cominciato a togliere dalle pagine dei propri iscritti alcune foto ritenute «oscene»: mamme che allattano neonati, «Mostrano un seno intero, con capezzolo e aureola, quindi vanno rimosse ». «Violano le condizioni di Facebook sul divieto di pubblicazione di materiale osceno, pornografico e sessualmente esplicito », ha spiegato Barry Schnitt, portavoce di Facebook. Ma le mamme censurate gridano all’orrore e stanno mobilitando mezzo mondo per protestare. Capopopolo della rivolta è Kelli Roman, 23enne californiana. Lei è stata una delle prime a subire la cancellazione delle foto in cui veniva ritratta mentre allattava la sua bimba, un annetto fa, quando nella sua pagina su Facebook non le ha più trovate. Chiesta una spiegazione, le è stato risposto: «Immagini contrarie alla nostra politica». Tanto è bastato per scatenare la giovane mamma che subito ha lanciato una petizione ufficiale sul sito: «Hey Facebook, allattare al seno non è osceno! ». Un fiume in piena: oltre 105 mila persone hanno firmato e protestato contro la censura. Non solo. Il 27 dicembre 2008 si sono ritrovati online per una manifestazione virtuale: in undicimila hanno cambiato il loro profilo aggiungendo foto mentre allattavano, uno o più figli. E contemporaneamente, chi ha potuto ha raggiunto Palo Alto, quartier generale di Facebook, per un allattamento di massa davanti alla sede. In quelle stesse ore, tante immagini «oscene» sparivano però dal sito. Così le arrabbiatissime mamme hanno aperto una pagina internet dove pubblicare tutte le foto censurate. Che aumentano di ora in ora. «Ci chiediamo — ha spiegato Kelly Roman —, cosa ci sia di osceno nel mostrare una mamma che allatta un bambino. Abbiamo il diritto di mostrare i nostri piccoli mentre mangiano al seno, esattamente come quelli che succhiano il biberon ». Ma Schnitt di Facebook ha replicato: «Noi interveniamo solo su segnalazioni di altri utenti che si sono lamentati». E poi, ha aggiunto, «di solito permettiamo le foto di madri che allattano», è solo una questione di quantità. «Seno nudo, con capezzolo e aureola»: troppa nudità tutta insieme. Molte immagini mostrano enormi seni con attaccati più figli contemporaneamente. Qualcuno potrebbe non gradire tanta ostentazione. La politica di Facebook è condivisa pure da MySpace: censurate e tolte anche lì foto troppo esplicite e «nude».

La polemica si è ingrossata e ne ha fatto una puntuale cronaca Salvo Palazzolo su La Repubblica[15], partendo dalla domanda posta da un autorevole commentatore del quotidiano inglese Times:  “E invece perché nessuna censura nei confronti di chi inneggia su Facebook al capomafia Totò Riina? Davvero una strana morale – scrive Daisy Goodwin – quella che sostiene la necessità che il social network sia un ambiente sicuro anche per i ragazzini che frequentano Internet e poi non eccepisce nulla sui 2000 e più utenti, la gran parte giovanissimi, che inneggiano a un uomo che sta scontando molti ergastoli. Per Natale, i suoi fan gli hanno mandato persino gli auguri attraverso Facebook”.

“Su Facebook, racconta ancora Palazzolo, qualcuno continua a chiedere addirittura la beatificazione del compare di Riina, Bernardo Provenzano: all’appello “Santo subito” hanno già risposto in tantissimi. Con accorate adesioni: “Grande padrino”, “Sei il numero uno”. E’ preoccupato Salvatore Borsellino, il fratello del giudice Paolo, anche lui vittima di Riina e Provenzano, per il proliferare di pagine Facebook che inneggiano ai padrini. “Credo che sia in corso una campagna ben precisa di disinformazione – dice – per delegittimare i magistrati, ma anche tutti coloro che cercano la verità sui misteri di Riina e Provenzano”. Borsellino, che è ingegnere e grande esperto della Rete, ha trovato in quelle pagine non solo messaggi deliranti, ma anche dell’altro: “Ci sono messaggi che tentano di mettere in discussione sentenze già passate in giudicato. Non dimentichiamo – dice – che uno dei progetti principali dei padrini è ormai da anni quello di ottenere la revisione dei processi. Credo che su Facebook stiano operando agenzie ben precise di disinformazione. Agiscono dietro le foto e le identità di giovanissimi, ma non sono tali. Come fanno a sapere così tante cose sulle inchieste che hanno riguardato Riina e soprattutto i suoi complici già in galera?””

 Intanto, leggiamo sul Corriere della Sera del 5 gennaio 2008, “la pagina dedicata a Totò Riina conta ben 4.640 iscritti, il «Bernardo Provenzano fan club» è a quota 653. Meno «popolari» Matteo Messina Denaro (143 iscritti) e Giovanni Brusca (40). Però il «Gruppo Corleone» (corredato dell’iconografia della saga de Il padrino) vanta 3.850 fan.” Il 7 gennaio la vicenda finisce addirittura sulla prima pagina di La Repubblica: “Le ultime scorribande su Facebook rientrano nella nuova strategia di comunicazione di Cosa Nostra? È quello che proverà ad accertare l´inchiesta che si prepara ad aprire la procura della repubblica di Palermo – probabilmente la delega sarà affidata alla polizia postale – nei prossimi giorni.”[16]

Come conseguenza è sorto un gruppo su Facebook chiamato NO ALLA MAFIA SUI SOCIAL NETWORK!!!, che sta mietendo numerose adesioni. Più di 100 mila firme sono state raccolte  per cancellare i «sostenitori» dei boss di Corleone da Facebook. E altre 50 mila per gridare: «A noi la mafia fa schifo». L’attenzione su questi tema si è quindi immediatamente acuita tanto che ad esempio  Massimo Giuliani ha avviato l’iniziativa: Fuori Mengele da Facebook, segnalando che, incredibile ma vero, su Facebook c’è una pagina con oltre cento “fan” che celebra l’”angelo della morte”, Josef Mengele. Per chiederne l’eliminazione queste le istruzioni: “ Ora tutti quanti si va alla pagina in questione: cercate “Josef Mengele” nel motorino di ricerca. Una volta giunti alla pagina, si va in fondo e si clicca “segnala pagina” (il regolamento di Facebook permette di segnalare pagine che violano le regole e inneggiano alla violenza). Si scrive la motivazione che si vuole, in italiano o in inglese o nella lingua che vi pare, e si aspetta che Facebook li butti fuori.”

Questa storia mi sembra interessante per vari motivi. Innanzitutto serve a ribadire che il giornalismo tradizionale sembra accorgersi di Facebook solo quando c’è da metterne in luce i pericoli o per fare del sensazionalismo spesso fine a se stesso[17]. In secondo luogo, è un buon esempio delle derive virali che presiedono agli attuali processi di comunicazione: in pochi giorni si passa dalla mammella, alla Mafia a Menghele, senza soluzione di continuità. Ma soprattutto  indica con molta chiarezza che il problema vero è nell’uso del medium: nel senso, o meglio nei sensi, che attribuiamo alla nostra presenza in Rete. Sensi che possono configgere con chi si assume il ruolo di Censore, pre-definendo, nel più puro spirito tayloristico, i limiti entro i quali certi significati sono ammissibili e altri no. Tuttavia, è comprensibile che possa sembrare necessario uno sguardo esterno ‘da moderatore’, perché la tentazione di un uso immorale del mezzo è sotto gli occhi di tutti. Così in molti, ad esempio,  approvano la regola che vieta l’uso di Facebook ai minori di tredici anni. Ma perché proprio 13 e non 14 o 11? Come sempre quando si parla di Censura ogni regola è in qualche modo soggettivamente interpretabile ed è difficile trovare un accordo condiviso.

Senza poi voler considerare tutto il problema dei diritti di autore di quanto si pubblica su Facebook, che fa lanciare a Luigi Gioni un grido di dolore dai toni apocalittici:”Proprio perchè il web è un luogo da popolare, e dove vivere, un luogo dove essere, costruitevi la vs. casa e non state in COMODATO GRATUITO! Almeno in affitto !!! Ho provato a forzare le policy di Facebook e sconsiglio chiunque di fare affidamento su uno strumento tale. La cancellazione di un admin è all’ordine del giorno, e significa la morte di un gruppo in un istante!! Costruitevi i vs. social network proprietari, usate FB per raccogliere i contatti e portarveli a casa, sui vari messanger. NON è uno strumento sostitutivo di un sito proprietario!! Il tema dell’efficienza relazionale, che attiene la produttività in una società evoluta è invece di massima rilevanza. Ottimizzare la gestione dei propri contatti, e la loro valorizzazione, ci costringe a diventare promoter di noi stessi, spin doctor del nostro essere. Se dovessi profetare dico che FB ha massimo 18 mesi di vita perchè basta un magistrato USA che si prende male la gestione della privacy o del diritto d’autore che FB chiude.”

Il problema della privacy e del copyright

Forse Luigi esagera un po’, dato che l’esistenza dei gruppi inneggianti a Mengele o alla Mafia sembrano indicare il fatto che chiudere un gruppo non sia così facile. Molto interessante e ricco di spunti, invece, il problema del coyright. In rete ( e su Facebook in particolare) vige il principio opposto: il copyleft. Ossia la pubblicazione di stralci di testi letterari o giornalistici (citando la fonte) nella convinzione che la lettura invogli a comprare il testo e a divulgare l’opera. O arricchisca il dibattito.

Gli studi sociologici stimano che questa mentalità fatica ad attecchire in Italia rispetto ad altri paesi soprattutto per la completa mancanza di una cultura della condivisione. Diffondere la conoscenza, condividere informazioni su argomenti che altrimenti non sarebbero disponibili, partecipare alla costruzione di una grande Rete. Sono concetti che suscitano spesso perplessità e soprattutto rivendicano l’aspetto prettamente economico. D’altro canto l’esigenza di condivisione nasce dalla Rete proprio perché con l’unione di più forze intellettuali un prodotto raggiunge un livello di arricchimento più alto. La filosofia del copyleft è che il riuso di un certo prodotto intellettuale ne permette una declinazione diversa.

Sta di fatto che i rapporti tra copyright e copyleft sono oggetto dell’evoluzione della giurisprudenza di questi anni, tanto che il tribunale di Roma si era già pronunciato sull’interessante questione negli anni “90. E’ opinione diffusa che il Fenomeno Facebook come motore di avanzamento nella diffusione del copy left.

Si tratta comunque di una questione spinosa, cosi come lo è quella della privacy: “credo che gli interrogativi più forti attengano ai rapporti tra tutela della privacy e possibilità -attraverso Facebook – di trattare e divulgare dati personali. Nonostante la possibilità di attivare opzioni che dovrebbero impedire – tranne ai cosiddetti “amici” l’accesso alle informazioni- la rete memorizza tutto. Raccoglie tracce anche a distanza di anni. Le riesuma anche in base a semplici parole chiave. Poiché la soglia d’accesso è molto bassa (13 anni) e può essere utilizzata a quell’età con leggerezza, non è da escludere che la rete registri informazioni che costituiscono facili “banche dati” per i futuri datori di lavoro. E problematiche limitazioni per i lavoratori di domani. Ogni notizia data anche con superficialità da adolescenti (inclinazioni alimentari, sessuali, naturali. Problemi di salute, genetici, familiari) può essere conservata e ripescata tra molti anni. Balzare fuori quando meno te lo aspetti. E si tratta di dati cosidetti “sensibili”. Faccio un esempio. Una compagnia assicurativa potrebbe utilizzarli per non tutelare soggetti a rischio  aids con malattie genetiche degenerative. O un’impresa per non assumerli. Ho dato un occhio alle statistiche del garante della privacy. Gli interventi su Facebook sono stratificati ma ancora mal direzionati”: così Simona Lo Iacono in un commento lasciato su Letterattitudine.  I dati che vengono inseriti su Facebook, prosegue,  non sono tutelati : fino a poco tempo fa per esempio cercando il nome di una persona su Google era facilissimo consultarne a sua insaputa il profilo Facebook, anche senza essere registrati al servizio. Per impedire questo ed altri rischi, i Garanti della Privacy di 78 paesi si sono riuniti il 18 ottobre 2008 a Strasburgo per la conferenza “Proteggere la privacy in un mondo senza confini” ed hanno emesso una direttiva che rende privati i dati personali degli utenti dei vari social network ed obbliga i gestori di questi servizi ad informare meglio i loro utenti sui possibili utilizzi dei loro dati e degli eventuali rischi che possono correre.

Purtroppo non basta. Restano scoperte la mole di dati che volontariamente i partecipanti offrono. E che con un stimolo esterno ben orchestrato accrescono i rischi di furto di identità e profilo personale.

Vi è poi una evidente differenza tra i blog, le piattaforme internet e Facebook. Rispetto ai blog, Facebook  ha una mole di dati molto più cospicua, veloce e “stimolabile”. Nel senso che chiunque può portare il frequentatore ad offrire dati “sensibili” sull’onda dell’amicizia. Quindi il problema della tutela è molto più complesso.
Quali i rimedi?
1)Un intervento legislativo concordato a livello globale.
2)Criteri di verifica dell’identità personale.
3)Eliminazione della conservazione dei dati ogni quinquennio.
4)Diritto di accesso degli utenti all’informazione sulla avvenuta cancellazione.
5)Intensificazione del potere del garante.
6)Aumento delle pene edittali.
7) Conoscenza dei rischi e cautela. Evitare la sovraesposizione dei minori (anche dei familiari) attraverso la pubblicazione di immagini o notizie. Evitare di cedere a domande invasive e rivelatrici di dati che possono far risalire alla password (nome dei congiunti, figli, date di nascita, nomignoli affettuosi). Evitare di lasciare traccia di numeri di telefono, cellulari, indirizzi di domicilio, residenza e luogo di lavoro o di studio (soprattutto) dei minori.
8)Denunciare prontamente ogni abuso all’autority e all’autorità giudiziaria.

Un ultima annotazione su privacy, dati personali, riservatezza:  e se, stanco, pentito e deluso da Facebook, decido di cancellarmi ? Ecco la testimonianza di  Giuseppe Iacobaci: “Ho capito che Facebook non mi piace, ma proprio per niente. Poco male, mi dico, ci sarà un modo per cancellare l’iscrizione. Eppure la paginetta di “disattivazione” dell’account è un po’ ambigua, non parla di cancellazione, dice addirittura che potrò riattivare in qualunque momento l’account e ritrovare tutto come prima, e che per farlo mi basterà accedere al sito con nome e password.

Eeeeh? Cazzo dite, potrò riaccedere con nome e password e tutto torna come prima?

Ma che diamine!

Ho detto che io voglio cancellare l’account, avete capito o no? C-A-N-C-E-L-L-A-R-E, eliminare, forever, bye, disintegrate, piùpiù, zzzappp!, amen!

La sensazione di cybersoffocamento aumenta cercando su Google la frase “cancellare il proprio account su Facebook”. Scopro che è quasi impossibile, che è proprio come avevo capito, cliccando su “deactivate account” i miei dati resteranno comunque presenti nei loro server nel caso che in un secondo momento io possa decidere di ritornare (aaarrghhh!!). E c’è chi sostiene che i dati personali resteranno accessibili anche a estranei e malintenzionati. Meno male che non ho avuto il tempo (e la voglia) di inserire quasi nulla, nella mia paginetta…

Questo della cancellazione dei dati personali, scopro, è un problema annoso di tutti i siti di social networking, ma pare che Facebook sia particolarmente ostinato.

Per sparire davvero dal simpatico sito di social networking bisogna cancellare tutti i propri dati, foto, messaggi, dati vari, poi mandare una serie di mail e rispondere a un’altra serie di mail, ballare il sabba sotto la luna piena bevendo unghie di pipistrello o (a scelta) pregare Sant’Ignazio di Loyola. Un simpatico blogger, Steven Mansour, ha pure raccontato tutta la saga della cancellazione del suo account in un post dal titolo buffo e disperante: 2504 Steps to closing your Facebook account.

Per fortuna, dopo un bel po’ di smanettamenti, il vostro Yako scova un gruppo di Facebook che si chiama “How to permanently delete your Facebook account”. Uahaaa! Il verme dentro la mela!

Basta fornire la propria password (aaargghhh! cosa se ne faranno? mi fido? Massì, va, non c’è nessun numero di carta di credito, hanno solo la mia data di nascita e qualche messaggio scazzato, e l’alternativa è lasciare tutto com’è…) e premere un tasto gridando “Non mi avrete, bastardi!”. In quindici giorni pensano a tutto loro, mail, contro-mail, richieste, tutto. Una specie di patronato del web, di class-action della rete.

Funzionerà?

Ehi… funziona!

Giuseppe Iacobaci è appena scomparso da Facebook, ultimo (per ora) di una ventina di migliaia di ex-iscritti. Qualcuno, entusiasta, lo definisce un cyber-suicidio di massa. Ahaa. Sono il piccolo lemming della rete.

No, no, aspettate un attimo.

Cyber suicidio? Volete dire che… quella era una cyber-vita?

Pheeeewww… più ci penso, più mi dico che mi sono salvato per un pelo.”

Il gioco di Facebook

Un altro aspetto del controllo di-in-attraverso Facebook che fa molto discutere è quello esercitato dai genitori sui figli. Il 7 agosto 2007 La Repubblica titolava: AI GENITORI PIACE FACEBOOK. TRIPLICATO NUMERO ISCRITTI FRA 35 E 54 ANNI. L’articolo prendeva  spunto dal caos scatenato da Kathryn Blair, figlia dell’ex premier britannico Tony, che nel suo profilo su Facebook aveva  pensato bene di segnalare dettagliatamente gli spostamenti della sua famiglia, in vacanza in Malaysia, facendo scattare l’allerta sicurezza. Kathryn aveva lasciato il suo profilo “aperto”: ovvero qualsiasi navigatore internet avrebbe potuto conoscere informazioni delicate sugli spostamenti vacanzieri dell’ex premier e dei suoi cari. Il fatto ha portato alla ribalta le perplessità che, nonostante gli sforzi degli adulti, parecchi giovani continuano a mantenere quando ricevono la richiesta di “amicizia” di padri e madri. Per molti di loro si tratta di un’intrusione nella privacy, in quello che considerano il loro mondo, lontano e differente da quello condiviso con i genitori. E anche la mia esperienza conferma che molti genitori però sono spinti soprattutto dal desiderio di tenere i loro figli sotto controllo. Anche se alcuni cercano di limitarne la visibilità agli sconosciuti scegliendo le impostazioni più rigide per la privacy. In questo modo evitano che i ragazzi mettano in rete troppe informazioni personali o inappropriate.  C’è però “anche l’altra faccia della medaglia, rappresentata dai figli che invitano i genitori su Facebook. Gli spiegano passo a passo come costruire le loro pagine personali, inserire le foto e aggiungere commenti. Addirittura molti genitori sostengono di avere più conversazioni telematiche con gli amici dei loro figli che con i figli stessi.”

Fermo restando che sarebbe bene che le conversazioni fra genitori e figli avvenissero nella vita reale più che in quella virtuale, anche queste possibilità di utilizzo mi rafforzano nella convinzione che si possa parlare di umanesimo quando, nel plurimillenario conflitto fra “regole “ e “valori”[18] , siano questi ultimi ad avere la meglio. Così, rispetto ad un ottica che punta sui divieti e i controlli,  ben diversa appare la prospettiva dello humanistic management, in base alla quale, le modalità per vivere in maniera etica, autentica  e attiva la contemporaneità vanno individuate nella riflessione diffusa sugli obiettivi che l’organizzazione sociale cui aderiamo si deve porre e sui mezzi per perseguirli; nella responsabilità condivisa rispetto ai suoi fini anche non strettamente economici; nell’autosviluppo che diviene cura verso gli altri. Un processo a livello sociale deve fondarsi su una approfondita riflessività individuale. Non a caso il gesto di scrivere, documentare, conservare quanto vissuto si è affermato nel corso della storia come la manifestazione più alta della percezione della propria soggettualità. Sotto questo aspetto, abbiamo osservato nel Manifesto dello humanistic management[19], vi è più da apprendere da una pagina delle Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar, o da quei “diari” (o più esattamente, CMS, Content Management Systems) individuali e collettivi che sono gli attuali blog su Internet, che da mille volumi di letteratura manageriale tradizionale.

Eppure proprio molti blogger sono fra i più accaniti avversatori di Facebook. Sempre a titolo esemplificativo riporto questo post di Mariasole Ariot: “Facebook parla in terza persona, un walzer a tre tempi. Nel primo si accetta, nel secondo si chiede accoglienza, nel terzo ci si guarda bene dal non farsi rifiutare. Da nessuno.

Perchè mai voler conoscere il giorno dei miei amici, il loro sguardo, il loro tempo perso o ritrovato che sia,la grana della pelle, la faccia che si perde, la propria sottrazione domenicale? Perchè se prima la rete aveva il nome del nascondiglio senza volto ora è proprio il volto, la faccia, a diventare protagonista? Dire tutto nell’anonimato o non dire niente ma con i documenti in regola.

Facebook in effetti, non dice niente.

Più che buco della serratura da cui spiare l’altro, un dito nel buco del mondo che del mondo vuole vedere solo il culo.

Se il blog può vivere di vita propria, nel tracciare, nel suo dire scollato dalla voce che orgina la parola,facebook vive di quella degli altri: Gaetano thinks You are one of the nicest people in Facebook!click HERE to see your ranking, and don’t forget to vote for your Nicest friends.

Non dimenticare di votare, perchè se non lo fai non potrai vedere chi l’ha fatto per te. Non si naviga a vista, si naviga a vuoto. Eppure nel libro che si mette in mostra con le mani a nascondere la vergogna continuiamo a crescere e moltiplicare e allora una ragione ci deve pure essere. E’ l’approvazione.

Nel blog il lettore può commentarti,applaudirti, leccarti le ferite, insultarti, vomitarti la bile del pensiero, gettare fiori o pietre come una lingua che si stacca dalla gola, su facebook invece tutto è calibrato, stabilito a priori, più facile – e più falso. Nemmeno i tuoi amici meno amici (che in fondo sono la maggior parte dei contatti), ti sputeranno mai in faccia,mai ingrosseranno le tempeste, perchè la richiesta di amicizia racchiude già una prima domanda e una dichiarazione: se io aggiungo te e tu mi accetti, non puoi che approvarmi. Sempre. Un accettare a priori che più che di amicizia si nutre della logica economica di uno scambio a condizione.

Credo siano pochi, molto pochi i casi di una richiesta rifutata. Perchè rifiutare, qui, o semplicemente ignorare significa esplicitare la mia indifferenza (sacrosanta) e il mio rifiuto di chi ho sempre scartato nel quotidiano senza però avere necessità di sottoscriverlo. Dunque,per non essere smascherato, per non dirmi sgarbato e mostrarmi nella mia scelta, devo accettarti. In secondo luogo perchè anche del peggior nemico, della conoscenza più tiepida c’è il desiderio morboso di sapere. Ti ignoro, ti schifo anche, ma se mi ti metti davanti voglio vederti, voglio corteggiarti per un minuto almeno, mostrarti il mio mistero,la mia piccola guerra, scoprirti, cavarti gli stracci di dosso. E allora ti accetto anche solo per guardarti un po’.

Dove il blog è manifestazione, Facebook è esibizione narcisistica, non un io dico ma un guardami sto dicendo.

Essere seduzione a tutti i costi, piacere all’amante, al fratello, all’amico, al peggiore della prima infanzia, alle madri, ai padri della letteratura e all’idoletto di turno, avere il proprio posto prediletto al vortice del quartiere rosso, con l’occhio puntato liquido e la bocca che preme sulla roba vecchia.

E la verità è che l’Altro ci stanca presto, perché ai primi gradini di ricerca non c’é già più nulla che non abbia il sapore dell’acqua – che in fondo se l’amico ci nasconde qualcosa non è certo qua che lo scoveremo – e allora la sola cosa che resta da soddisfare è la curiosità della rete intessuta prima e durante il nostro incontro per capire se ha maglie più robuste della nostra.

Meccanismi desideranti che certo non appartengono solo ad un almanacco da liceo ma che portano in sé l’ingranaggio dell’odierno, della messa in scena di un corpo vuoto. Non un corpo esposto, dunque, ma la pelle esibita, alla mercé di un chiunque scelto tra le proprie carte per dare un senso al proprio chiunque nel tentativo di annullarne l’anonimato – e trovarne, poi, un centro illusorio.

E’ inquietante questo passaggio dall’urlo necessario alla necessità del fare della propria immagine luogo libidico. “Solo se passo attraverso l’Altro, se mi vedo nell’Altro, io sono”. Non mi basta più l’assolutezza della parola, il suo essere sciolta per natura, linguaggio come scomparsa del soggetto: oggi chiedo la presenza traboccante di quell’Io e del linguaggio, mi servo solo come fosse una prima pelle comune a tutti, lisciata e abbellita a misura per la necessità di esserci ovunque, di non perdere né il tempo né lo spazio – ch’è poi lo spazio sottratto all’altro.

Per lo più si arriva a Facebook come all’ultimo buco disponibile: c’eravamo già nel blog, nel forum di periferia, ad imbellettare i lustrini di una pagina di Myspace,tra i commenti del nuovo nato e a lasciare un segno alla ragazza dal nome coperto – ma non basta più. C’è da riempire tutti gli spazi, tutto il disponibile,che per esserci ho bisogno di prove, che solo la mia traccia fisica trasferisce giustificazione al reale.

E torna alla mente Angela, la donna anoressica dei novanta barattoli di marmellata,che pur negandoseli allo stomaco,ne conservava in ogni luogo della casa: tutto traboccava del suo feticcio. Otturava di questo oggetto-cibo il proprio vuoto centrale.

“Il gusto – diceva – sta solo nel conservarli”.[20]

Riempire di oggetti consumabili i vuoti della propria dimora lasciando intatto quello del soggetto. Che ci consumino gli altri, allora.”

Si rivendica insomma al blog la caratteristica di essere maggiormente autentico di Facebook, di garantire una miglior aderenza all’espressione del proprio se più vero, di parlarci di più e meglio dell’identità di chi lo realizza. E c’è una spia inquietante che rafforza il ragionamento: face book obbliga l’utente a parlare di se in terza persona. La frasetta con cui inizia il prpfilo, la descrizione del nostro “stato” non consente la piena identificazione. Non si può immettere una frase tipo: “Sto preparando un saggio su Facebook”, bensì “Marco sta preparando un saggio su Facebook”, quasi ad evidenziare una duplicazione schizofrenica fra il se che scrive e il se di cui si scrive.  Enfatizzare troppo questo punto di vista, tuttavia, significa  non considerare che  oggi  l’identità  è caratterizzata da un eccesso della figura dell’ego. Le persone desiderano vivere non più una sola vita, ma tante vite insieme. E’ la metafora del telecomando. Ciascuno desidera vivere insieme tante esperienze quanti sono i canali televisivi e saltare dall’una all’altra vedendole tutte. La persona vive perciò una condizione di endemica instabilità: l’identità è in continua riproposizione, frammentata in appartenenze diverse, spesso sovrapposte, talvolta contraddittorie. La vita diviene così una continua avventura, una rinnovata sorpresa, un gioco leggero: e sull’aspetto ludico di Facebook ci sarebbe molto da dire. Poke, sfide, giochi on linea ne sono un ingrediente saliente. Il gioco in Facebook, che diviene il gioco di Facebook, ci ricorda come questa dimensione dovrebbe fare maggiormente parte della vita adulta. Tenendo sempre ben chiaro che, come è scritto nel Manifesto dello humanistic management, “il gioco è rispettare le regole, convivere con esse. La lingua inglese utilizza a questo proposito due parole per indicare il gioco “spontaneo” e il gioco “con regole”: play e game. Play è un gioco senza regole, game è un gioco strutturato: alcuni giochi iniziano in modalità play e si evolvono (o si interrompono) in modalità game, basti pensare al classico indiani  e cow-boy che termina nel momento esatto in cui si mettono le regole “tu devi morire perché sei un indiano”, “… ma io non voglio. E poi, sono il grande Crazy Horse”.”

In  Facebook può diventare dunque un gioco anche la narrazione della propria identità. L’identità, come ci ricordavano già Salinas e Borges, è molteplice come  un labirinto in cui bisogna sapersi orientare essendosi prima in qualche modo persi. Così esprime la cosa il Deckard de Le aziende In-visibili:

 “ogni orientamento presuppone un disorientamento. Solo chi ha sperimentato lo smarrimento può liberarsene. Perciò questi giochi di orientamento sono a loro volta giochi di disorientamento. Comportano sfide e rischi, spesso mortali. La sfida di questo labirinto, quello in cui io mi sono smarrito, non esclude i precedenti, ma li contempla come fasi provvisorie e momenti fuggitivi di una identità multipla e perpetuamente mutevole, moltiplicando le visioni possibili al suo interno…Non esiste sopra o sotto, davanti o dietro, destra o sinistra. Nella mappa che ne risulta non c’è mai niente di definitivo, perché qui ogni nuovo percorso può scoprire non solo nuovi aspetti del mondo, prima sfuggiti, ma anche nuovi fini, nuovi significati dell’azione. Non ci sono cause efficienti o cause finali: o, meglio, cambiano continuamente. Ogni esplorazione è una decostruzione che cerca di ricostruire la mappa del noto con i materialiprecedenti, fusi in nuove esperienze che non possono essere mai scontate a priori.”[21]

 Dovremmo allora giocare con il nostro io proprio come da bambini adoravamo smarrirci nei labirinti di specchi dei Luna Park: o, meglio, ri-percorrerlo ogni giorno scegliendo tra diverse alternative, che spesso però meriterebbero tutte di essere perseguite, senza che l’una escluda l’altra. Perché, a forza di escludere, potrebbe non rimanere nulla al centro del labirinto.

Avviene così  che il blog come il palinsesto e il profilo su Facebook,  diventino gli archetipi della vita più desiderata. Quella in cui tutto è significativo perché la cosa importante non sono i singoli programmi o i singoli “post”, ma il montaggio che ogni individuo produce delle sue esperienze. Dunque, il rischio  connesso all’uso analogico (nel senso che ho cercato di spiegare sopra)  delle nuove tecnologie della comunicazione e dell’informazione è che esse possono condurre alla perdita del più autentico sé, della propria singolarità, confusa con qualche nickname o avatar in cui si assume una identità fittizia. E’quello che accade al nostro Deckard:

 “Il nostro destino potrebbe essere simile a quello del re di Babilonia, di cui narra il Sapiente di Buenos Aires, che non si smarrì fra le mura di un bronzeo dedalo. Trovò la morte in un luogo dove non v’erano scale da salire, nè porte da forzare, nè faticosi corridoi da percorrere, nè muri che gli vietavano il passo. Il deserto. Anche noi siamo in un labirinto di sabbia, una sabbia elettronica fatta di pixel e di bit, di illusioni e di specchi, un labirinto multidimensionale ed infinito come il world wide web o il dilemma della tartaruga.”[22]

Questo rischio rimane tale anche quando si cerca di sfuggire ad esso seguendo percorsi estremi, paradossali, come quello indicato ancora da Garrapa: “rendere pubblico il proprio privato come in un dono, in un baratto di idee. Autenticità dunque. Mi accade spesso di utilizzare diversi nick per situazioni emotive differenti, per l’idea che ho di dissocietà del mediale, idea costruttiva di una multipersonalità. Essere se stessi anche nell’incomunicablità delle proprie derive psichiche. Il dissocial network dovrebbe andare oltre il proprio ruolo e la propria foto che, spesso, tradisce un’immagine di sé orientativa; ma se la foto è la meta della nostra comunicazione, il nostro destinatario, lo strano attrattore della nostra dialogia plurivoca, il viaggio che intraprendiamo per avvicinarci ci riserva delle incognite: non è, o non dovrebbe essere, secondo me, un format psicomunicazionale per fare audience, per risultare a tutti i costi popolari o impopolari attraverso un’antipatia costruita, come quasi sempre accade.”

Non solo, ma c’è chi, forse più concretamente, lamenta, come William Nessuno, il fatto che “da quando sono su Facebook la mia produzione creativa è più che altro diminuita (a causa del tempo che perdo a inseguire commenti di ogni genere, molti dei quali inutili)… Il malinteso “senso del dovere” indirizzato verso un’interazione considerata “obbligata”, o quantomeno “polite” draga prepotentemente energie. Per questo ritengo per esempio Second Life terreno maggiormente fertile per le attività creative: lì si costituiscono piccoli gruppi “operativi” capaci di propolsione e produzione, a differenza dei “gruppi” di Facebook che difficilmente fattivamente ottengono qualche risultato, se non teorico o ideologico. Forse la pecca di Facebook è proprio la sua “missione”, ovvero di tenere in contatto troppa gente”.

Nelle osservazioni di William c’è sicuramente del vero: ma sono effettivamente  obbligato a tenere sempre sotto controllo lo “stato” dei miei amici? A commentarlo o a commentare le note in cui mi “taggano”? A partecipare a tutti gli eventi cui mi invitano a anche semplicemente ad indicare se parteciperò (si, no, forse?). Devo rispondere alle mail, alle chat di tutti i miei amici? E con i kiss, gli hug e i cuoricini, che faccio?  Che fare quando ti arrivano notifiche come questa: “Stai perdendo dei possibili Flirt perchè non hai definito su Zoosk la tua località. Clicca qui per aggiungere la località in cui vorresti incontrare nuove persone interessanti”; oppure: “Alice Mayo ti ha rapito a Rapitore Seriale! Clicca qui per scappare” (si consideri che bizzarrie di questo genere ti vengono notificate con cadenza quotidiana). Un’altra situazione tipica: quando ricevo la richiesta di amicizia da uno sconosciuto come mi comporto: a) la ignoro per principio; b) prima di accettarla gli scrivo chiedendo quale è la motivazione della richiesta e valutando attentamente  il profilo del richiedente, la sua moralità, il tipo di ritorni che posso avere dalla sua amicizia; c) la accetto con un clic insieme ad altre 20 richieste che si sono accumulate; d) accetto senza riserve e scrivo un ringraziamento al richiedente per la fiducia accordatami; e) accetto ma valuto dal comportamento successivo del nuovo amico in questione se è lui a meritare poi la mia di fiducia; f) altro? Così esprime il suo disagio Evy Arnesano:

“Personalmente mi scontro con problemi di galateo virtuale; sono costretta ad affrontare scontri quotidiani con persone, a me sconosciute, che, per motivi di mia visibilità legate a quello che faccio ossia alla musica, ammetto tra i miei amici e che si sentono autorizzate a chiedermi di parlare in chat di niente, solo perché il loro scopo evidentemente esula dal conoscermi come tra virgolette artista, ma semplicemente come donna, se possibile disponibile.Io ho deciso di rispondere sempre a tutti, per educazione, ma questo mi espone oltre misura a spiegazioni non dovute e inutili: basterebbe il comune buon senso a dedurre le risposte”.

In fin dei conti credo che come ogni cosa a questo mondo anche Facebook debba essere utilizzato con criterio e moderazione. Non c’è dubbio che se accetto l’”amicizia” di qualcuno  su Facebook in qualche modo mi obbligo a tenere una relazione con questa persona: come quelle vere della “Real Life”, tuttavia, non credo che le “amicizie” su FC vivano solo se ci sente ogni giorno o se si risponde ad ogni invito. Tornerò più avanti sul meccanismo dei tag, ma è utile adesso ricordare che le mie note preparatorie a questo saggio pubblicate su Facebook hanno scatenato reazioni molte diverse sia fra persone che ho taggato, sia fra alcuni miei amici non esplicitamente taggati, sia fra perfetti sconosciuti che si sono sentiti di dare un parere. Analogamente è significativo il silenzio di chi pur taggato non ha risposto, magari solo per mancanza di tempo. Anche  questo comportamento mi ha aiutato a capire come funziona Facebook e a scrivere questo saggio. Quindi il mio ringraziamento va a tutti, anche a chi non si è sentito di rispondere al mio invito: la non risposta è comunque una risposta. Del resto, ha notato Paola Pioppi, è vero che “ogni giorno in Facebook devo fare lo slalom tra quantità industriali di inviti, informazioni, chiacchiericci, opinioni di gente che non conosco, ma arrivo a farlo dopo la posta cartacea, la posta elettronica, le agenzie di stampa e una serie di altre situazioni collettive di comunicazione. Salvando il buono che c’è in tutto questo, ne salvo anche la creatività, che prende la forma di spunti, idee, ulteriori conoscenze, approfondimenti. “

In sintesi,  i Social Network come Facebook (al netto di tutti gli spinosissimi aspetti giuridici cui abbiamo accennato sopra), se riescono a sfuggire ai rischi opposti dell’appiattimento digitale sul “mero reale” , da una parte, e dell’ossessiva compulsione ad apparire a tutti ed in ogni luogo sempre-e-comunque nella propria dimensione più luminosa, apollinea e superficiale (Facebook addiction, potremmo chiamarla), dall’altra, con la conseguente entropia di ogni possibile significato autentico, offrono a ciascuno la possibilità di rendere più profondo e articolato il proprio modello espressivo. Affermavamo già nel Manifesto dello humanistic management: “Pensiamo a Omero: avendo a disposizione una memoria elettronica, il modello compositivo fondato sul montaggio di blocchi standard avrebbe potuto essere portato a più alti livelli di complessità e tutte le possibilità combinatorie teoricamente previste dal modello avrebbero potuto essere esplorate. E questo non viola l’autonomia dell’autore: ogni autore resta se stesso, libero di “chiudere” il testo come vuole: ovvero di comprendere, o di escludere, materiali narrativi e piste di lettura. Insomma: usando un word processor, Omero, come Dante o Proust, si sarebbe trovato a disposizione una più vasta gamma di materiali coerenti con il suo progetto, un repertorio più vasto di collegamenti tra gli elementi, senza che ciò venisse a togliere la facoltà di scegliere, confezionando una redazione finale, alcuni materiali, alcuni collegamenti. Vale l’analogia: come l’autore vede potenziata dall’information technology la sua autonomia creativa, altrettanto fa il manager. Le informazioni e le conoscenze non sono più chiuse in procedure, ma plasticamente messe a disposizione del decisore. Del creatore di mondi. L’individualità, la multi-individualità, è in entrambi i casi incrementata dalla protesi tecnologica.”

La prigione  Facebook

Resta tuttavia indubbio, ribadisce Marco Apolloni,  che una possibile  chiave di lettura del successo di Facebook, sta nel suo essere una piattaforma tecnologica atta a favorire il potenziamento della propria identità. “Ricordate la celebre profezia di Andy Warhol: un giorno tutti avranno i loro 5 minuti di notorietà? Con Facebook quel giorno è finalmente arrivato. Con Facebook chiunque può avere una visibilità in rete. Con Facebook scrittori emergenti possono diffondere le loro opere, creare aree di discussioni tematiche e gruppi specifici sui loro libri. Con Facebook si possono recuperare vecchie amicizie o farne di nuove – qui giovani di tutte le età possono conoscersi, piacersi e innamorarsi. Con Facebook, insomma, ci si mette in vetrina o meglio si espone, come dice il nome stesso, la propria faccia.”

Il tema della “vetrinizzazione” mi sembra rilevante. Vale pena di esaminarlo a fondo per evitare generalizzazioni un po’ banali come questa del blogger Duccio, pubblicata su Kataweb con un certo risalto: “Facebook è una delle vetrine adatte ad una sub-non-cultura di destra per cercare visibilità in una Italia spostata da 25 anni di berlusconismo e di telecrazia. Un Ministro della Repubblica, Carfagna, afferma in TV che è meglio Bondi di Moretti, come raffrontare Topolino con Calvino. Il danno è fatto, almeno metà degli italiani legge solo i titoli dei giornali, siamo evasori fiscali, eterofobi e scocciati, in tutta Europa ci stanno superando, tranne che per numero di cellulari pro capite e inquinamento.” E così via, sintomo, by the way, del malessere di certa sinistra italiana, incapace di analisi critiche che non siano risentite, rancorose, caciarone, per quanto magari fondate e persino nella sostanza condivisibili.

Invece di citare Calvino a vanvera meglio sarebbe  ricondurre la “vetrinizzazione” in Facebook categoria degli “Occhi” centrale sia nelle Città Invisibili di Calvino sia nella nostre Aziende In-Visibili. Viviamo nella società dell’immagine e la cultura, anche quella  d’impresa, non può prescinderne. I lavoratori si sentono lavor-attori sul palcoscenico aziendale e i benchmark per il lavoro in team sono le squadre di artisti che concorrono a produrre un film hollywodiano o uno spettacolo del Cinque du Soleil. Di qui la crescente importanza di strumenti di formazione e comunicazione interna quali il Teatro d’Impresa, il Cinema o la Business Television.[23]

In principio, fu la vetrina, non a caso al centro delle fotografie di Nulla due volte. Per cercare di capire fenomeni sociali come il dilagare di video a base di sesso o di violenza girati dai ragazzi con i cellulari – possibilmente a scuola – e rilanciati sul web, prima di dare la colpa alle nuove tecnologie e in generale alla nascita dei mass media, bisogna andare indietro nel tempo, agli esordi del moderno protagonismo della merce. È la teoria del sociologo Vanni Codeluppi, che nel concetto della “Vetrinizzazione sociale”[24] trova il filo conduttore per analizzare i meccanismi della spettacolarizzazione. «Ci sono correnti di pensiero», ricorda Codeluppi. «che danno molta importanza al mezzo di comunicazione come responsabile della spettacolarizzazione, ma in realtà secondo me la società usa il mezzo in una direzione già scelta, in base a un modello culturale che risale almeno all´Ottocento». Cosa sono infatti, se non dei piccoli spettacoli, le prime vetrine allestite dai negozianti di Londra o Parigi verso la fine del Settecento? Fino ad allora il commerciante aveva una clientela conosciuta e per ognuno tirava fuori dal retrobottega l´oggetto più adatto. Sviluppo economico e demografico, però, stavano cambiando le regole: ormai bisognava conquistare lo sguardo veloce di una potenziale clientela ben più numerosa, ma anonima e sempre più frettolosa. I prodotti cominciarono ad essere esibiti sul lato della strada, mettendo vetri al posto di una parete per attirare i passanti. Da quel giorno, l´individuo occidentale comincia a trovarsi solo davanti alla merce.

«La vetrina», spiega il sociologo, «è anche metafora di un rapporto sociale che cambia. Il vetro è un interfaccia fra interno e esterno». Ed è di lì che sgorgano una dopo l´altra “vetrinizzazioni” infinite, che coinvolgono luoghi, rapporti, corpi, fasi della vita. E’ ormai diventato normale che una persona di solito riservata metta in pubblico un suo evento privato. Il modello, per il sociologo, è quel remoto passante, spinto man mano a diventare vetrina di se stesso. «In una realtà dove contano unicamente la rappresentazione e l´imperativo dell´autopromozione, il soggetto si esibisce, si veste, si mostra in un certo modo. » Non sorprende quindi  leggere sul blog Il sentiero di Katia[25] frasi come questa: “La “vetrinizzazione” dell’esistenza non ha risparmiato neanche gli scrittori italiani. Come se non bastasse la passerella dei festival letterari, dove un pubblico svagato in cerca di mondanità insegue la silhouette dello scrittore per strappare l’autografo come un tempo facevano solo gli scolari delle medie coi giocatori di calcio, adesso è arrivato Facebook, ed è tutta una ressa per chi mette chiappe e agenda in Rete, per fare amicizie e stringere alleanze. Il mese scorso il mio amico Franz mi ha mandato l’invito e sono finito su Facebook. Ci sono rimasto una cosa tipo un giorno e mezzo, il tempo di vedermi arrivare offerte d’amicizia da qualche scrittore che è davvero amico mio, qualcuno che conosco appena e amici di amici. Poi ho guardato un po’ in giro il livello delle comunicazioni e ho annullato il mio profilo. Non è che mi consideri meglio di nessuno, ma questo è veramente raschiatura dal barile del narcisismo d’accatto.”

Il punto è che in Internet, e dunque in Facebook, secondo Codeluppi, non ci sono nuovi modelli in azione. Si riproducono gli archetipi della cultura di massa e dei consumi che ha messo la merce sul piedistallo delle Esposizioni universali dell´Ottocento. Nel Novecento, poi, i media si sono evoluti nella stessa direzione: da un uso collettivo, comunitario, al consumo solitario – che dà l´illusione di usare, mentre si finisce comunque con l´essere usati». Fra i tanti esempi citati nel libro, c´è quello di un quartiere residenziale di Londra, Haberdasher, dove gli abitanti si sono dotati di monitor domestici collegati a dodici telecamere che filmano l´intera zona. Così controllano chi si avvicina. «Ma appena escono», sottolinea Codeluppi, «sono loro i controllati. E persino chi crede di dare valore e realtà alla propria identità filmandola e diffondendola, magari installando web-cam sempre accese in tutta casa, secondo me non ci riesce. Non credo proprio che si possa avere un comportamento spontaneo: stai comunque recitando te stesso».

«Lì, davanti alla vetrina, l’individuo occidentale ha imparato però soprattutto una fondamentale modalità di rapporto con il mondo».[26] E’ la modalità per cui ciascuno può essere osservato da altri senza avere nessun controllo su questa etero-osservazione (che è la chiave del successo anche dei reality show televisivi) e da cui, una volta che la si è attivata, non si può più uscire, già profetizzata da Bentham e che in Facebook trova la sua applicazione virtuale, come nota  Andrea Bajani in un articolo riportato in Fenomeno Facebook, dove riprende il tema  dell’ansia indotta in alcuni Facebookers dalla frequentazione di questa piattaforma:[27] “Poi sono stato contattato per ogni tipo di sottoscrizione, comprare cd, libri, partecipare a inaugurazioni di negozi, pedalate sociali, provare prodotti cosmetici, unirmi a merende ambientaliste, ripensare alla rivoluzione maoista. Ecco, dopo due mesi caos ho chiesto disperato ai miei amici di uscirne. E loro disperati, con gli occhi sbarrati, mi hanno detto che non sanno come fare, che ci hanno provato ma non capiscono come si fa, quale procedura si debba seguire. Ne parliamo su Facebook, ciascuno dietro la propria inferriata, le braccia oltre le sbarre a rimestare nell’aria. E così, da qui, da dietro la mia grata mi  venuto in mente Michel Foucault, quando parla del Panopticon di Bentham. «Ogni giorno, anche il sindaco passa per la strada di cui è responsabile; si ferma davanti a ogni casa; fa mettere tutti gli abitanti alle finestre. Ciascuno chiuso nella sua gabbia, ciascuno alla sua finestra, rispondendo al proprio nome, mostrandosi quando glielo si chiede. Questa sorveglianza si basa su un sistema di registrazione permanente». È un sistema, dice Foucault, che ha un effetto sicuro: «Indurre nel detenuto uno stato cosciente di visibilità che assicura il funzionamento automatico del potere perchè l’essenziale  è che egli sappia di essere osservato». Ne parlo con i miei cosiddetti amici. Gli dico che questo passo di Foucault  è dentro un libro che si intitola Sorvegliare e punire. Più che dirglielo, glielo urlo dalla finestra. (Articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore del 9 novembre. Sul sito www.ilsole24ore.com è stato cliccato 50mila volte)”.

La via di fuga dal Panopticon in realtà c’è  e la ha descritta  Iacobaci nel post citato sopra. Ma al di là di questo, tutti questi claustrofobici Facebookers potrebbero trovare un balsamo alle loro ansie leggendo l’Episodio 40 de Le Aziende In-Visibili, intitolato Identità liquida, dove si descrive il Porto Commerciale di Liquor, metafora perfetta di luoghi virtuali come Facebook.

“Dopo una lunga traversata nel paesaggio desertico e polveroso si giunge al Porto Commerciale di Liquor. Luogo liquido senza una goccia d’acqua. Luogo che vede la presenza di ponti lignei, che scavalcano canalimetafisici come in un quadro di Giorgio De Chirico.

Gli abitanti si muovono leggeri per le strade del villaggio di un bianco andaluso, appaiono e scompaiono come luci nella notte. Gli uomini, le donne, i bambini, presentano contorni indefiniti, come se fosse difficile mettere a fuoco la loro immagine singola e singolare. Non piove da secoli o forse qui non ha mai piovuto. L’aria brucia la gola secca del viaggiatore. Si cerca l’acqua, si sognano i pozzi, si immaginano i fiumi che forse un tempo solcavano il deserto. Chi arriva non può sopravvivere, deve ripartire immediatamente, se non vuole morire disidratato: eppure gli uomini sono qui da tempo immemorabile. È questo il mistero di Liquor. Non si capisce qualisiano le condizioni minime di sopravvivenza in questa città: in qualsiasi altra parte del mondo bisogna bere, dissetarsi, per sopravvivere. Qui no. Come se gli abitanti vivessero in una condizione di liquidità mentale. Chi vive a Liquor non ha bisogno di bere, poiché conosce la condizione esistenziale dell’identità liquida.

Anche se la polvere regna come prodotta da un sudario, da secoli a Liquor le relazioni sono liquide: ognuno si incontra con l’altro in un flusso permanente di emozioni ed esperienze che vengono vissute con intensità ma immediatamente dimenticate. Quando incontri qualcuno non sai se sia già stato parte della tua vita o meno. Le storie si intrecciano, si sovrappongono e si perdono nella dimensione dell’amnesia. Le identità delle persone si sciolgono nel liquido amniotico del Porto, che restituisce di tanto in tanto frammenti personaliparagonabili alla sabbia finissima prodotta dai detriti di conchiglie che vanno a formare le isole più spettacolari del mondo. Frammenti di identità che nessuno può ricostruire o ricordare e che contengono l’intensità fulminante di esperienze momentanee, uniche e irripetibili.

Così si produce questo velo permanente di polvere biografica, che non si sedimenta né si calcifica. Così Liquor diventa meta di incontri che moltiplicano le emozioni collettive ma che si perdono nella memoria personale: tutto viene invece registrato e archiviato nella memoria sconfinata e inaccessibile del Porto, che registra i nomi e racconta le biografie. Nei sotterranei accessibili solo al Capitano – sempre lo stesso da centinaia di anni (c’è chi dice sia solo un simulacro) – si conserva la memoria incarnata di Liquor e della sua popolazione. La sua storia, gli eventi che ne hanno plasmato la vita collettiva, l’origine e la costruzione dei palazzi: alte torri di argilla che assomigliano alle case di Saana, nella terra in cui governava la regina di Saba. È così che Liquor diventa il luogo delle identità liquide, dei flussi vitali, delle storie disincarnate, dei corpi senza memoria.

Ma nello stesso tempo il luogo-archivio, il luogo che non dimentica, schedando inesorabile la vita di tutti. L’unico che può leggere è il potere. Il Capitano è convinto di tenere così tutti sotto controllo, conoscendo ogni particolare della vita di ognuno: ma in realtà non controlla nulla, poiché le persone dimenticano la propria identità e non sono quindi né prevedibili né ricattabili. Essi vivono tutto per la prima volta e il loro cervello è una tabula rasa su cui scrivere come sull’acqua.”

La vetrina  Facebook

Resta comunque il fatto che la vetrina non è soltanto il primo palcoscenico della merce che la nascente società industriale mette in scena per mostrare al suo nuovo pubblico di massa se stessa e i sui prodotti  – e di questo uso “primordiale” del palcoscenico virtuale in Facebook senza dubbio abbondano  gli esempi. Si pubblicizza e si vende di tutto, dalle mostre d’arte a nuovi partiti politici, soprattutto grazie al meccanismo della creazione di “Eventi” e alla funzionalità che consente la creazione di “Gruppi”.

Spiega più precisamente DiNO, Studente, Blogger e Bagnino di salvataggio:  “come ogni servizio gratuito su internet anche Facebook si serve della pubblicità per trarre un “non trascurabile” profitto economico. Qualcuno potrebbe pensare che Facebook si serva di affiliazioni come il famosissimo Adsense di Google, ma non è così.
Al suo interno Facebook mette a disposizione una vera e propria affiliazione di annunci pubblicitari, ossia Facebook Ads o Facebook Social Ads. Gli annunci, come avrete già potuto notare, appaiono a “random” sulla colonna destra del vostro profilo di facebook.

Tramite questo sistema è possibile pubblicizzare veramente qualsiasi cosa. La pubblicità più diffusa è mirata a far conoscere il proprio sito internet. Infatti, con l’avvento di Facebook, molti gestori di siti hanno trovato in Facebook Ads una valida alternativa a Google Adwords per far conoscere il proprio sito web al mondo. La particolarità di questo sistema è quella del cosìdetto “Targeting“. L’inserzionista, infatti, ha la possibilità di scegliere il target, un gruppo specifico di persone iscritte a Facebook, a cui rivolgere l’annuncio. Si può scegliere in base all’età, al sesso, all’istruzione etc etc.

A rendere innovativa la pubblicità presente su Facebook ha contribuito anche l’introduzione degli Engagement Ads, chiamati anche “banner sociali”. Questo tipo di pubblicità permette agli utenti a cui appare di interagire con il prodotto offerto. Esempi di interazione con la pubblicità in Facebook sono:
- [Comment Ad] Possibilità di commentare all’interno dello spazio pubblicitario.
- [Virtual Gifts Ad] La messa a disposizione gratuita di regali virtuali, con il logo del prodotto, da inviare ai propri amici.
- [Fan Ad] Ormai sanno tutti che quando si diventa fan di qualcuno o qualcosa Facebook provvederà da inviare questa informazione agli amici invitandoli a diventare fan anche loro (sempre con annunci sulla colonna destra). Il Fan Ad è un modo gratuito per farsi conoscere.
Ovviamente è possibile pubblicizzare qualsiasi cosa, non solo i siti internet, tramite le Facebook Pages.”[28]

Le modalità virali ed invasive della pubblicità in Facebook hanno attratto facilmente gli strali di coloro che non amano questa piattaforma, ma in sostanza per questa via tornano le argomentazioni relative al diritto di privacy che abbiamo visto prima e che in sostanza riguardano tutto l’universo di Internet. Più significativo mi pare il fatto che il processo di vetrinizzazione non è legato solo alla vendita e alla publicizzazione dei prodotti. È qualcosa di più che porta alla vetrinizzazione sociale, che è poi vetrinizzazione del sociale: rappresenta cioè un vorticoso processo di sconfinamento della logica espositiva dalla cornice circoscritta della vetrina nel territorio complessivo della metropoli prima, nelle pratiche e nell’immaginario del sistema mediale poi e infine nei tessuti del corpo stesso di uno spettatore-consumatore divenuto esso stesso, contemporaneamente, la vetrina e la merce che in essa è esposta. Quella della vetrina si impone allora, seguendo il percorso di Codeluppi, come la storia di una tecnologia caratterizzante che progressivamente permea con le sue metafore le diverse dimensioni dell’abitare: quella urbana, facendo della metropoli tutta una mostruosa supermerce; quella fisica, confezionando il corpo stesso in un packaging sfavillante e trasparente; quella mediale, aprendo un passage tra «ribalta» e «retroscena» (Goffman) che se-duce direttamente in quella che Jean Baudrillard ha definito la «fase video»; e, in conclusione, seppur in modo imperfetto, quella della morte, anch’essa divenuta feticcio vetrinizzato e consumabile come in una processione di fedeli videotelefoni alla cattura di esequie papali.

Inizialmente dunque, in un processo ancora oggi in atto, anche ma non solo in Facebook,  la logica spettacolare della vetrinizzazione è fuoriuscita dalla cornice della finestra del negozio per diffondersi con mirabile virulenza nella città, andando a riempire con il suo spettacolo ogni interstizio dell’allora nascente spazio metropolitano. È lo schermo-soglia della vetrina, la sua profondità superficiale a porre come principio organizzativo della città non più l’ordine, ma l’offerta (Alain Bourdin). La seconda cornice spezzata dal processo di vetrinizzazione sociale è, come accennato, quella che delimitava il confine tra lo spazio visibile della «ribalta» e quello nascosto del «retroscena». La vetrina, con la sua trasparenza assoluta, è il primo medium a illuminare quelle zone della vita, della metropoli, del sociale, che fino a quel momento avevano ancora potuto riservarsi una zona d’ombra. Il reality televisivo e le nuove spazialità pubbliche-private della rete, di cui Facebook è l’indubbio campione, non sono altro allora che l’ultima avventura di quella colonizzazione voyeuristica dell’invisibile cominciata più di due secoli orsono dallo spettacolo della vetrina.

Il corpo è l’altra dimensione su cui oggi sembrano imperversare le metafore determinate dalla logica della vetrinizzazione. Il corpo sembra oggi complessivamente indirizzato verso il perfetto confezionamento dell’Artificial Kid immaginato da Bruce Sterling. Vistoso oggetto di consumo totale, artificialmente modificato, eternamente giovane, diffusamente erotizzato ma perfettamente desessualizzato come l’immagine di una pin-up, perennemente esposto allo sguardo di uno sciame di videocamere personali, il corpo del personaggio creato da Sterling, puro packaging, sembra mostrare, esasperandolo, il futuro della nostra vetrinizzazione somatica.

Eppure, anche in questo caso, siamo davanti all’estremizzazione di un atteggiamento culturale fortemente radicato nella modernità, prima ancora che nella contemporaneità. Come ha osservato sul Dominicale de Il sole 24 Ore Remo Bodei  “Per modellare il loro corpo le donne hanno a lungo indossato  corsetti che comprimevano i polmoni e l’intestino, causando difficoltà di respirazione e disturbi vari, che degeneravano talvolta in vere e proprie malattie. Vestiti morbidi e confortevoli liberano oggi il corpo da tali strumenti di costrizione e gli consentono di muoversi con scioltezza, ma una corazza interna si è sostituita a quella esterna. L’ossessione della forma fisica spinge, infatti, a diete mortificanti, a pratiche salutistiche che implicano ore di defatigante ginnastica e di noiosi massaggi. Cambiano i metodi e si condannano con orrore quelli del passato: eppure la felicità continua a essere cercata secondo modelli socialmente condivisi (vetrinizzati) di bellezza o di accettabilità. “

Il problema è che non è semplice trovare il punto di separazione fra esposizione “naturale” e “artificiale”. Ricordavamo il caso delle donne che mostrano il seno mentre allettano censurate in Facebook, nonostante sia difficile contestare il fatto che si trattasse di immagini “naturali”. Si potrebbe sovrapporre a questo quello di Caitilin Davis, che era una delle Cheerleader del New England Patriots. Su Facebook ha caricato foto in cui la si vede mentre scrive con un pennarello sul corpo di un ragazzo addormentato, probabilmente ubriaco. Si intravedono svastiche, parole tipo “penis“, “cock”, e disegni fallici. In questo caso Facebook non ha ritenuto importante intervenire (anche se sono intervenuti i Patriots, espellendo la ragazza dal gruppo delle Cheerleader).

Collegato al tema del corpo è  l’ultimo territorio che la vetrinizzazione sta cercando di illuminare: quello della morte, altro concetto chiave de Le Aziende In-Visibili come del testo di riferimento calviniano. Ma, scrive ancora Bodei, pensare alla morte “non è oggi alla moda. Essa è altrove, nascosta, e la carne macellata pare che nasca, rosea e innocente, sui banchi del supermercato”. Così  le incursioni nelle sue logiche, nello spazio sacro della morte,che siano artistiche (Von Hagens, Hirst o Cattelan) o massmediatiche (i funerali di Papa Giovanni Paolo II), non sembrano ancora sufficienti a riscattare il dispendio assoluto di un gesto capace ancora di fermare eternamente il circuito dialettico del consumo desiderio (altra categoria calviniana!)-appagamento-frustrazione-nuovo desiderio.

Nel nostro romanzo collettivo, questo circolo vizioso è ben colto da Josephine Pace nell’Episodio  42 – Di chi sono gli occhi che guardano?: 

“In un’ansa tra poggi rosa e un cielo sempre troppo azzurro sono stati inaugurati i nuovi uffici finanziari della Clo & Olc United, colosso della commercializzazione di enantiomeri, ovvero molecole chirali. Tutti vetri, trasparenze, scintillii. E specchi.

Gli specchi sono ovunque. Ogni impiegato entrando è costretto a specchiarsi almeno venti volte prima di arrivare alla sua stanza e parecchie altre volte prima di accomodarsi alla sua scrivania. Uscendo nei corridoi, si imbatte ad ogni istante nella propria immagine riflessa e nelle immagini degli altri. Che lo voglia o no, ognuno vede come gli altri accolgono il proprio aspetto, intuisce cosa ciascuno cambierebbe volentieri di sé, indovina l’umore dei colleghi dalla minima piega degli angoli delle loro bocche, percepisce le inquietudini delle colleghe dal loro rapido scansare con le dita le ciocche disobbedienti dal volto.

Il metodo di lavoro, fondato su una valutazione a trecentosessanta gradi, è molto rafforzato- dice il management- da tutto questo specchiarsi, osservarsi, farsi osservare mentre ci si osserva e da tutto questo osservare gli osservati. È una tecnica di monitoraggio continuo, è una voragine di sguardi desideranti, è un gioco che crea inconsapevoli dipendenze psicologiche ed affina una spietata curiosità.

L’ininterrotto osservarsi-desiderando-sapere, desiderando penetrare gli altri, ha fatto sì che per difendersi alla Clo & Olc tutti vestano quasi allo stesso modo, uomini e donne, giovani e meno giovani. Gli abiti sono diventati scudi. C’è una tacita intesa sui colori: preferiscono il beige, è elegante, dicono, non impegna, dicono, non è eclatante e luttuoso come il non-colore, il bianco, non è carico e sensuale come il nero, non è stimolante come il rosso né pacificante come il blu né inquietante come il giallo né disperante come il verde, dicono. Ma lo dicono a se stessi – già perché qui alla Clo & Olc non ci si parla se non per micro messaggi via sms: è il management che lo vuole, vuole che ogni impiegato di qualunque livello possa sviluppare al massimo il più intellettuale dei sensi, la vista, in modo che poi guardando cifre e numeri, contemplando indici di bilancio, fissando grafici e prospetti si possa meglio decidere sulle acquisizioni da fare.

Così tutti hanno piccoli telefonini attaccati sul dorso della mano per potere tener sempre fisso l’occhio sullo schermo o sulla tastiera, modernissimi aggeggini che fanno pensare a quei gioielli portati alle mani dalle donne orientali: intrecci di catenelle che legano insieme anelli per tutte le dita e formano ragnatele dorate sulla pelle abbronzata. Solo occasionalmente gli sguardi svicolano dai monitor, si affrancano dagli specchi, dalle immagini riflesse e gelidi, quasi lame, si incrociano l’un l’altro, in un gioco crudele a chi riesce a sostenere di più lo sguardo altrui, un muto osservarsi barricati dietro le scrivanie, finchè lo scatto felino d’una pupilla che si sente già preda fa sì che la giostra d’occhi onnivori si fermi e che ciascuno ritorni al proprio breakeven point. Che lo si voglia o no.

Unica speranza di trasgressione per gli impiegati della Clo & Olc è che piova, che uscendo dal palazzo di vetro si possano aprire gli ombrelli dai colori più sgargianti, provvisti dei manici più strani, forniti di frange, spille e pendagli e di ogni genere di orpello che suonerebbe del tutto inadeguato all’essenzialità degli sguardi consentiti. In quel caso, al riparo dagli sguardi non voluti si cerca solo quello del collega più simpatico e magari ci si ripara insieme, si sta vicini, ci si può perfino parlare e chiedersi “come stai?” e ascoltare la risposta, ci si può scambiare una ricetta per la sera, quella per conquistare un lui troppo indeciso, ci si può suggerire la meta più bella per le vacanze del prossimo ponte, quella per stupire una lei troppo esigente, e ancora si può dare spazio ad ogni sorta di complicità o rivalità, una gara stranissima a vedersi qui tra i consueti specchi, vetri, trasparenze, sussurri, cenni.

Ma i coloratissimi ombrelli degli impiegati della Clo & Olc giacciono nelle borse e nelle ventiquattrore, gemono dietro le cerniere, premono contro bottoni automatici in attesa di una liquida purificazione che non avviene più, qui nella valle dell’azzurro perenne.”

In un contesto socioculturale così fortemente “vetrinizzato”, sotto il profilo commerciale, ha affermato un paio di anni fa Kevin Roberts, “a vincere la competizione globale saranno coloro che sapranno offrire sisomo (il mix di immagini-suono-movimento), quanti cioè diverranno capaci  di offrire un contenuto creativo alla tv, su internet, sul cellulare, nel punto vendita, ovunque…vincerà chi saprà proporsi attraverso idee emotive fruibili su una qualsivoglia forma di schermo”. Il successo odierno di Facebook può apparire come la perfetta realizzazione di questa profezia.

Con un rischio, su cui si sofferma la riflessione di Nulla due volte, sulla scorta del pensiero di sociologi come Bauman e scrittori come De Lillo e Kundera, ben descritto anche da Marc Augè: ”Sotto l’influenza del sistema di comunicazioni che racchiude il pianeta e sembra donargli un senso, noi ci abituiamo a consumare le immagini, le parole e i messaggi. Siamo in questo modo impercettibilmente trascinati a praticare la «ragione retorica» di cui parla Jean-Pierre Vernant la quale non fa mai nient’altro che giustificare l’esistenza di ciò che è. Così facendo noi ci modelliamo su quanto di peggio ci sia nella cultura dell’immanenza, il ritorno del medesimo. Ma così rinunciamo, d’altra parte, alla capacità d’introspezione intellettuale, l’attitudine a far muovere le frontiere, la vocazione a restare nella storia senza per questo sacrificarsi alle illusioni dei sistemi.”

Lo zen e l’arte della manutenzione di Facebook

Facebook dunque può essere interpretato senza dubbio legittimamente come l’estrema deriva della vetrinizzazione panoptica. E non solo per le ragioni sociologiche e filosofiche che abbiamo appena sintetizzato, ma anche e soprattutto per la semplicità d’uso delle funzioni che offre. Diventa facilissimo, dice Marco Apolloni,  “diventare amici dei propri beniamini, poter scrivere nelle loro bacheche online, complimentarsi con essi. Certo capita anche d’imbattersi nei soliti mentecatti-disturbatori, ma con un repentino clic del mouse ce ne possiamo liberare in qualunque momento, senza che lui/lei possa più arrecarci disturbo. Così, persino i più scettici verso la tecnologia si sono arresi davanti all’evidenza, scendendo a compromessi con il social networking in Rete.”

A fronte di queste osservazioni,  vale la spesa di riprendere rapidamente in mano  un magnifico libro che parla del delicato rapporto tra uomo e tecnologia: Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta.[29] Come già ricordavo ne L’Impresa shakespeariana[30], formalmente il romanzo si presenta come il racconto di un padre che, con il proprio figlio, attraversa gli Stati Uniti in motocicletta: ma, nella cornice  della road-story,  l’autore propone una originale rilettura di autori come Platone, Aristotele, Kant, nonchè della filosofia indiana, con l’intenzione  di definire cosa sia la Qualità anche sul piano esistenziale e metafisico.

In particolare il rapporto fra tecnica e metafisica viene  posto così: “La Qualità…Sappiamo cos’è, eppure non lo sappiamo. Questo è contraddittorio. Alcune cose sono meglio di altre, cioè hanno più Qualità. Ma quando provi a dire in che cosa consiste la Qualità, astraendo dagli oggetti che la posseggono, paff, le parole ti sfuggono. Ma se nessuno sa cos’è, ai fini pratici non esiste per niente. Invece esiste, eccome….Perché mai la gente pagherebbe una fortuna per certe cose e ne getterebbe altre nella spazzatura? Ovviamente alcune sono meglio di altre… Ma in cosa consiste il  meglio?”

Il protagonista del romanzo di Pirsig, Fedro (il cui nome naturalmente allude al dialogo platonico), tenta di risolvere le aporie con cui il suo pensiero si scontra, trovandosi alle prese con questioni sempre più complesse,  in passaggi come questo:”La risposta che Fedro diede alla domanda: “Se non sai definire la Qualità, che cosa ti fa pensare che esista?” era improntata a un procedimento classico della scuola del realismo filosofico. “Una cosa esiste” egli disse “se il mondo non può funzionare normalmente senza di essa. Se riusciamo a dimostrare che un mondo senza Qualità non funziona normalmente, allora avremo dimostrato che la Qualità esiste, che sia definita o no”. A questo punto Fedro procedette a sottrarre la Qualità dalla descrizione del mondo così come lo conosciamo.

La prima vittima di questa sottrazione, disse, sarebbero state le arti. Se non si può distinguere tra bello e brutto in campo artistico, le arti scompaiono. Non ha senso appendere un quadro alla parete quando la parete nuda sembra altrettanto bella….Poi eliminò la Qualità dal commercio. Dato che qualità e sapore sarebbero indifferenti, i negozi di alimentari venderebbero soltanto i cereali fondamentali come riso, farina e semi di soia; probabilmente anche la carne, senza differenza di prezzi fra i tagli; il latte per i neonati, le vitamine e i sali minerali per compensare le possibili carenze. Invece sparirebbero le bevande alcooliche, il tè, il caffè e il tabacco. E così pure i cinema, i balli, le commedie e le feste. Useremmo solo i trasporti pubblici e ci metteremmo scarpe militari. Molti di noi rimarrebbero senza lavoro, ma solo momentaneamente, perché col tempo troveremmo una nuova sistemazione all’interno di lavori essenziali e non qualitativi.”

Il fatto messo qui in luce è che un mondo privo di Qualità è un mondo destinato ad una catastrofica indifferenziazione; questione  che fra l’altro è al centro anche dell’intera opera di Shakespeare.[31] Per  Shakespeare il degree è la fonte di ogni significato stabile; il meccanismo di ogni distinzione fra gli uomini e quindi la base di ogni etica, morale e religione; la struttura che consente positive relazioni  fra gli esseri umani, nonché fra di loro e gli oggetti. La crisi del degree è un tema così importante da sostanziare di sè tutte le tragedie e le commedie  shakespeariane, anche se l’accento varia a seconda delle opere. Quando ad esempio Amleto esclama: “Il secolo è fuori di sesto” (I, v, 188), egli evidenzia una crisi del degree che si rivela soprattutto sul piano temporale, nell’incapacità di rispettare delle pause adeguate nelle vicende umane: la mancanza  di un intervallo decente tra la morte del vecchio re e il nuovo matrimonio della moglie ne è un esempio. Analogamente la nota affermazione di Marcello nel primo atto “C’è del marcio in Danimarca!”, deriva dall’osservare che, a causa dei preparativi bellici in corso, i Danesi (“la cui dura fatica non separa la domenica dagli altri giorni”) sono obbligati  a lavorare ventiquattro ore al giorno, sette giorni alla settimana. La guerra ha abolito l’alternanza fra periodi feriali e festivi, tra tempo dedicato al lavoro e al riposo: una delle differenze temporali più sacre.

Fedro probabilmente argomenterebbe che, in un mondo senza Qualità, non avrebbe più senso distinguere fra domenica e giorni feriali, fra matrimoni e funerali, fra guerra e pace. Fatto sta che i suoi ragionamenti lo conducono a  superare gli schemi ortodossi e a conclusioni del tipo “La Qualità è senza contorni e senza forma, indescrivibile. Vedere contorni e forme equivale a intellettualizzare. La Qualità è indipendente da queste cose (Quality is independent of any such shapes and forms).“ Queste caratteristiche della Qualità dipendono dal fatto che “la Qualità non è una cosa. E’ un’evento. “ Per l’esattezza,  è  l’evento che consente al soggetto  di entrare in relazione con gli oggetti della conoscenza, svolgendo dunque una attività ordinatrice che ricorda da vicino quella propria del degree shakespeariano: “il sole della Qualità non gira intorno ai soggetti e agli oggetti della nostra esistenza…E’ lui che li ha  creati”.

La domanda allora diventa: “Facebook può essere un evento?” Può contribuire a svolgere una attività ordinatrice del mondo produttiva di Qualità, di senso, di significato? La mia risposta ancora una volta è sì, ha questa potenzialità. Scrive Mario Es: “Nella vita fisica sono spesso prevalenti comportamenti di tipo egocentrico: utilitarismo, opportunismo (quando non comportamenti truffaldini), relazioni di comodo e superficiali, disinteresse per la collettività e per il “bene comune”, in poche parole l’”homo homini lupus” di hobbesiana memoria. In Facebook come in generale nel web 2.0, invece, liberi dal peso e dagli attriti che la fisicità comporta, può  emergere il dottor Jekyll che ognuno di noi è ed ha dentro di sé. La competizione sfuma in rapporti di tipo collaborativo e cooperativo, le rivalità tendono a smorzarsi in nome di una sorta di “fratellanza virtuale”. La coscienza tende ad esprimersi nel social networking in forme più variegate e multi-identitarie ed i vincoli dei ruoli che la società spesso, se non sempre, impone ai suoi membri subiscono una spinta quasi pulsionale ad una loro “trasgressione” di tipo creativo. Nasce così la possibilità di creare uno spazio persistente in cui potere non solo osservare “l’altro sé” e gli “altri da sé”, ma in cui poter interagire con questi “altri” in maniera empatica. In qualche modo, la “dimensione altruistica” – sempre ben bilanciata da quella narcisistica – nel virtuale può divenire prevalente, rappresentando una sorta di contrappasso o, per riprendere il discorso “filosofico-orientale”, la parte yin rispetto a quella yang della realtà fisica.”

Con tutto questo però non vorrei sembrare eccessivamente semplicistico. Che Mr Hyde si scateni anche su Facebook purtroppo non c’è dubbio. Fra le tante storie che si potrebbero portare a testimonianza di questo assunto, scelgo lo strano caso capitato a Cristiano Quagliozzi, artista che ha pensato di creare un evento su Facebook per presentare la sua mostra “I concetti astrali”, tenutasi a Roma dal 30 novembre 2008 al 7 gennaio 2009. Tutto è andato bene  se non fosse che proprio un giorno prima della chiusura, il giorno dell’Epifania,  gli è arrivato questo messaggio, che riporto integralmente nella sua crudezza: “Vaffanculo………. Hai rotto i coglioni… non sei picasso… Quando leggerai questo messaggio, dopo varie ore, poserai la testa sul cuscino, e renditi conto del fatto che… Non sei il tuo lavoro… Non sei quello che fai, non sei quello che credi di essere, non sei quello che vorresti essere,,, Sei una schifosa merda egoista che fa a pugni con se stesso… Devi fare i conti con il tuo fottuto ego prima di essere quello che realmente sei… Perciò non rompere più i coglioni con le tue egocentristiche fottute mostre del cazzo… sono il creatore della quinta dimensione… Sono il creatore della nuova futura arte… I tuoi figli, ed i figli dei tuoi figli, mi leggeranno sui libri… eppure mi muovo silenzioso nei labirinti della mente… Non devi rompere più i coglioni con i tuoi concetti astrali del cazzo e le tue frivole, flebili certezze che ti trascini pesantemente dietro come pesanti macigni… Posso distruggere qualsiasi cosa di quello che credi di essere… se vuoi, possiamo incontrarci… Scontrarci… Confrontarci… Ma sappi un solo, piccolo dettaglio… Perderai… Perchè io ho sacrificato tutto ciò che possedevo, per avere accesso ad un mondo di cui tu ignori l’esistenza… Stai attento, perchè mi stai davvero facendo girare le palle… Domani, potresti non esserci più… Io… Sono Dio… Io sono il diavolo… Attento alle mattonelle che calpesti… Perchè potrei voler lasciarti cadere in qualsiasi momento io lo ritenga necessario… Basta cazzeggiare… Black spell…Fai i conti con te stesso… E quando sarai pronto, potrai fare i conti anche con me… Non sto scherzando… Ora, piscia i tuoi concetti astrali del cazzo, e vediamo, prima di essere davvero un artista, se sei davvero un uomo… Con te stesso… Fottiti, coglione bastardo figlio di puttana… Ti distruggo, come, dove e quando vuoi… “ Firmato: “Un amico che ama giocare con il fuoco delle candele all’interno di un pentacolo… All’interno di una verità che non immagineresti reale nemmeno nei tuoi sogni più verosimili… Julian Kinkaid…”. P.S. finale: “E adesso ti conviene fare i conti con la tua falsa misera identità del cazzo, prima di fare i conti con me… Arrenditi alla tua falsa, onnipotente identità del cazzo… Il consiglio di una persona, che può testimoniare il prodursi delle fiamme attraverso l’inferno, e che può garantirti una sicura via di fuga attraverso le nuvole…. Vaffanculo….”

Meno inquietanti ma comunque significativi sono altri episodi, che ci dicono della difficoltà ad instaurare rapporti allo stesso tempo autentici e virtuali. Come quello di chi ha scoperto per caso il suo profilo su Facebook, ma soprattutto si è accorto che una serie di ex colleghi e vecchi amici intrattenevano rapporti con un impostore che si era impossessato della sua identità. E’ accaduto a un professore trentino di un liceo scientifico di Trento, Alberto Conci. Conci stava cercando in rete l’indirizzo di posta elettronica di una conoscente bolzanina, poco prima di Natale, e ha dovuto constatare che la donna già intratteneva rapporti con Alberto Conci, professore. Peccato che si trattasse di un impostore e non del vero insegnante. Denunciato il fatto alla polizia postale, l’uomo ha scritto una lettera agli amministratori di Facebook e in due giorni il suo falso profilo è sparito. Sarà la polizia ora a cercare di scoprire l’impostore, che si è servito di una fotografia probabilmente scaricata da Internet per avvalorare l’identità dell’insegnante. E ci è riuscito: nessuno dei conoscenti e amici di Conci si è infatti insospettito. Ma non basta. Sparito il profilo, l’impostore si è premurato d’inviare una lettera a tutti gli amici di Conci, lamentandosi dell’esclusione da Facebook. Il vero professore è stato così costretto a una replica: una lettera, in cui precisa che era un’altra persona a scrivere spacciandosi per lui.

Il Mondo Vitale di Facebook

In ultima analisi, per capire se ed in che misura sia possibile un uso umanistico di Facebook, ci si deve chiedere: possiamo considerare Facebook un “Mondo Vitale”? Molti in prima battuta penso condividerebbero la secca risposta di Alex Badalic: “Molti di noi su Facebook ci sono soprattutto per lavoro (non lo è anche la ricerca di contatti?) e la collaboratività ha un limite. Quando sei bombardato da richieste di contatti al buio, di inviti a gruppi inconsistenti e da applicazioni invasive, devi metterci dei paletti per riuscire a raggiungere i tuoi obiettivi, non fossero altro che quelli di un tot di produttività giornaliera. E tutto il resto passa in secondo piano.”

Proviamo tuttavia ad andare un po’ più in profondità. Come viene indicato nel Manifesto dello humanistic management, in particolare da Piero Trupia, “Mondo Vitale” è, secondo Erwing Goffman, un sistema relazionale guidato nella sua performance collettiva da convincimenti condivisi aproblematici e da empatia sistemica (e qui “sistemica” equivale a “non occasionale” ma “strutturale”). Come in un quartetto d’archi, in una compagnia teatrale, in una équipe sportiva che vince, in un laboratorio di ricerca o in uno studio di professionisti associati. E, aggiungo, in molte piccole e medie imprese italiane nelle quali il genius della empatia sistemica vige, perché è connaturato al carattere nazionale e non è stato soffocato da uno scientific management  d’importazione. E’ il sogno espresso nell’Episodio 107 de Le Aziende In-Visibili:

 “Piccoli mondi umanamente vitalicrescono e cercano di resistere all’entropia montante del non senso: una jazz band, un’orchestra sinfonica, una squadra di football, una barca a vela, un laboratorio di ricerca, un’associazione no-profit, un circo, una compagnia teatrale, una comunità di pratica. Zone d’ordine, porzioni d’esistente che tendono ad una forma, ad un senso sia pure non definitivo, non fisso, non inghiottito in una fissità minerale o nella vuotezza spirituale, perché priva di cattiva coscienza, degli animali.”

 L’alternativa che si pone è fra  Istituzione Totale – “sistema organizzativo chiuso e formalmente amministrato” (Goffman) – e Mondo Vitale – “sistema aperto e regolato da empatia sistemica tra i suoi membri” (Ardigò).  La questione centrale è proprio questa empatia, cioè la necessità di condivisione che crea i legami e, dunque, consente di procedere nell’analisi di sé e della società che ci circonda. Facebook è in grado di favorire questa empatia nella misura in cui i suoi membri si pongono in una dimensione dia-logica in senso profondo che nulla ha a che fare, è bene specificarlo,  con qualsiasi irrazionalismo.  Oggi anzi più che mai è indispensabile il ricorso ad una razionalità che non si identifichi necessariamente con la scientificità “classica”, che rispecchia unicamente il passato, in cui lo stesso “know” del “know how” è appunto un “known”, un saputo e non un sapere dischiuso al futuro. Si potrebbe muovere a chi narra “scientificamente” il mondo lo stesso rimprovero rivolto da Wislawa Szymborska ad un aspirante romanziere: “Nei suoi racconti si sta stretti, si soffoca, non ci sono problemi. Non c’è una finestra sul mondo e quindi nessuna prospettiva potrà aprirsi allo sguardo”. Finestra sul mondo, apertura, dialogo. Il mondo vitale non è il “mondo privato”  bensì  il “mondo comune” a tutti gli esseri umani. E’ il ‘territorio o lo spazio’ dov’è possibile controllare le risposte dell’altro e rispondere alle sollecitazione di chi pone domande e chiede risposte. Ovvero lo spazio dove con facilità le esperienze umane trovano un loro significato, e non sono gli oggetti a costruire la realtà, ma il soggetto a dare il nome, o meglio a definire, la realtà. Il mondo vitale possiamo intenderlo come una provincia di significati, tra altre provincie di senso. Tutte insieme formano e danno origine alla trama relazionale e culturale di una società. Senza tale profonda produzione di senso e di vita, tutto si riduce a scambio di equivalenti (contratto) o a veri rapporti di dominio.

Ma può esistere empatia in assenza di relazione diretta, personale, fisica? Sono in molti che con Renzo Montagnoli, magari riprendendo qualche suggestione letteraria, risponderebbero di no: “ricordo ancora quando da bambino andavo a trovare in campagna i cugini. Allora non c’era la televisione e la radio era anche poco diffusa; la sera, soprattutto se faceva freddo, ci si riuniva nella stalla, le donne a parlottare fra di loro, e gli uomini da un’altra parte. Fra questi c’era sempre uno che faceva da apparecchio radio, che raccontava quello che aveva letto sul giornale, che narrava fatti accaduti anni prima. In particolare, c’era un vecchio dagli occhi molto chiari in cui quasi mi specchiavo e che stavo ad ascoltare come rapito. Gli facevo anche qualche domanda e lui rispondeva sempre sorridendo. Una volta gli ho chiesto della guerra (la prima guerra mondiale) e non mi ha risposto, ma dagli occhi incupiti ho capito il perchè. Più comunichiamo a distanza più soli ci sentiamo.”

E’ tuttavia Jung a parlare di “sincronicità” (anche nella sua famosa introduzione agli I Ching, Il libro dei mutamenti, centrale nella riflessione de Le aziende In-Visibili): quel filo che lega tutte le cose del mondo (“simultaneità di un certo stato psichico con eventi esterni paralleli”). In tale prospettiva è possibile produrre senso, anche se il mezzo usato ne è privo, come Facebook. Ma perché le esperienze umane trovino il loro significato è necessario il concorso  di diversi fattori uniti, che nel caso di Facebook sembrano in prima istanza venire meno. Al limite, ciò che non possiamo avere, possiamo pensarlo come se ci fosse, ma non porterebbe risultato. Ma ecco: le esperienze umane trovano senso se c’è dall’altra parte un rispecchiamento di sé e ciò può esserci solo se tutte le parti che formano il nostro Io (che è per natura molteplice e contraddittorio) sono espresse. E qui si ritorna  alla questione della scissione: Facebook scinde le parti di noi, con il rischio di chiudere la strada dell’”unificatio oppositorum”. Solo se riesco a produrre senso, relazioni e vita riconducendoli alla mia più autentica Unità Impermanente, creo con Facebook un mondo vitale.

Ma non è semplice: in prima istanza, secondo Maddalena Mapelli, “non si può parlare di Facebook come luogo che favorisce l’empatia e la relazione con l’altro, nel senso che, così come si presenta, Facebook mi sembra un facilitatore di narrazioni standardizzate.” Tuttavia, prosegue, “se poi pensiamo che dietro ogni account c’è una persona, e se ipotizziamo che Facebook, come molti altri social, sia un facilitatore di reti sociali, allora sì: diventa vitale a seconda della persona che incontro. Perciò può esistere un uso creativo e dialogico di Facebook, ma dipende da una serie di condizioni, e non è un effetto garantito dal solo fatto di aprirvi un account.” Tanto più se si riflette sul paradosso messo in luce da Garrapa: ”la singolarità individuale può venir fuori se ognuno parla del sé quotidiano. Ma Facebook, nonostante tutta la “quotidianità” ostentata (l’aggiornamento in real time del proprio stato, l’aggiornamento sulla situazione sentimentale, i poke e i regali inviati agli amici del cuore…) è in realtà extraquotidiano, poichè trascende quelle parti dell’io che non posso condividere. Come se certe emozioni non potessero girare su altri sistemi emozionali…come se un altro pc non leggesse i miei documenti.”

In questo quadro, è interessante il punto di vista proposto da Gino Tocchetti,  secondo cui  la vera forza di Facebook e’ stata di  voler essere un servizio a disposizione di una tipologia di utente (giovane studente americano) che e’ paradigmatico di tutti i navigatori di internet: pieno di interessi, grande dimestichezza con internet, fondamentalmente portato a divertirsi e socializzare. Tutto ciò ha portato Facebook  alla dimensione cruciale, alla massa critica, dopo la quale ogni concorrente soccombe oppure nemmeno prende il via. Ora, scrive Tocchetti,  “quello spirito di fratellanza, quel misto di solidarietà collaborazione e stima reciproca, che caratterizza le prime fasi di sviluppo di certe community (per esempio la blogosfera qualche anno fa, Facebook un anno fa, …) tende a svanire quando a quel contesto approda la moltitudine. Attenzione, non tanto (non sempre) perché i nuovi acquisti siano un’invasione barbarica, essendo dotati di uno spirito diverso e forse meno fine, ma proprio perché il collante sociale stava prima proprio nel sentimento di pionierismo, di esclusivismo, di protagonismo. In un contesto allargato, così allargato da risultare sfondato, il protagonismo non si raggiunge più nel semplice partecipare a qualcosa che di per sé ha già il carattere della specialità, e quindi la ricerca di protagonismo diventa più individuale, e soprattutto concorrenziale, cosi come nei milioni di contesti tradizionali che conosciamo. In questo modo si diffonde il virus dell’egoismo, che pure sarebbe salutare in dosi più moderate, che porta con sé aggressività, e la nuda e cruda rappresentazione di sé, e non più di sé tra gli altri. E’ qui che l’atmosfera umanistica, emozionale, esplorativa, viene spazzata da approcci scientifici, calcolatori, conquistatori. Non sorprende che il paradigma scelto rimandi alla squadra di rugby, all’equipaggio di una barca a vela, alla session di jazzisti, ai membri di una squadra di progetto, ai dipendenti di una piccola azienda… sono tutti esempi in cui la dimensione può essere considerata “limitata”. Nella nicchia, vuoi costituita per raggiungere un obiettivo (agire), vuoi per esplorare un nuovo territorio (conoscere), la dimensione e’ sufficientemente piccola per perdere la propria individualità e ma anche per riconoscersi come fattore cruciale dell’insieme, e vivere questo senza traumi. Nello spazio angusto di un angolo del territorio, alcuni ego sentono di soffocare anche all’interno di piccoli gruppi, ed esplodono mandando in frantumi anche piccole squadre dal grande potenziale. Ma in Rete l’eco è enorme, globale, la sensazione che ogni sussurro e ogni piccolo gesto, anche se impercettibile guardando il singolo e tanto più guardando il gruppo, può essere in realtà colto da una platea di milioni di spettatori, e questo appaga ogni ego ipertrofico. La massa critica di una community diventa allora la sua forza e anche l’inizio del suo declino, a meno che non sappia rinnovare anche nel seguito quel sentimento di eccezionalità che i membri provano iscrivendosi nei primi tempi. A mio parere Facebook sta vacillando su questo filo di lana, in Italia: se non si animeranno iniziative nuove e soprattutto nuove modalità esperienziali di fare network, il suo sbocco naturale sarà quello di essere superato dal nuovo medium del secolo, e quindi relegato ad una finalità specifica e non più trendy. Così com’e’ stato per tutti i media che l’hanno preceduto, del resto.”

Le note di Tocchetti mi sembrano colgano in buona parte nel segno, ma credo che le difficoltà, pure realissime, evidenziate possano essere superate. Ivonne Citarella inoltre contro-argomenta: “Io ritengo che Facebook vada al di là della somma dei suoi membri o dei membri che ciascun utente riesce ad avere. In esso un insieme di soggetti entrano in contatto grazie alla rete e creano rapporti di comunicazione o relazioni interpersonali. Si supera con Facebook la classica definizione di comunità (Lewin) che come sappiamo tende a mantenere contatti all’interno di un ristretto gruppo che si influenza reciprocamente (interdipendenza) ma che perde la sua coesione se si verifica l’allargamento del gruppo motivo per il quale l’influenza diminuisce. Facebook ha una peculiarità: possiede una dinamicità diversa da una comunità ma allo stesso tempo si comporta come tale. Infatti in esso oltre a condividere uno spazio virtuale si possono condividere interessi come succede in una comunità ma a differenza di quest’ultima l’allargamento dei membri non lo destabilizza anzi lo vitalizza. La condivisione di risorse e la costruzione di conoscenza sono dinamiche influenzate dalla possibilità di accesso all’informazione da parte dei membri che vi partecipano e che possono trasformare il proprio status da semplici osservatori allo status di attore rilevante per l’attività collettiva ( vedi le interessanti analisi degli indici di Freeman -betweenness centrality- o dell’indice power centrality di Bonacich). Occorre poi non dimenticare che è ritenuta difficile la realizzazione di scambi diretti tra più di cinquanta soggetti, ma Facebook lo sta realizzando!”

In buona sostanza, come sempre quando si vuole creare un valore autentico, occorrono  impegno personale e presa di responsabilità. Buoni esempi di benchmark negativi in questo senso sono molti vip, politici e celebrità varie. Segnala Dubbioso con Ottimismo: “Mi sono iscritto per prova. Ho chiesto l’amicizia a un vip (anzi a una vip) e me l’ha concessa. Poi ho provato a scriverle in bacheca e per posta. Non m’ha mai risposto. Ho pensato che sono buono per fare numero.”

Fortunatamente in Facebook, in Rete ed in generale nel mondo c’è gente anche diversa. La concreta esperienza della redazione di questo saggio mi ha fornito un ulteriore elemento di conferma. Pur pubblicando, come ricordavo sopra,  varie versioni o parti del testo su blog molto importanti e frequentati come quello di NOVA100, e nonostante il fatto che parti di queste note siano state usate per avviare discussioni di gruppi all’interno di Facebook, la maggior parte dei commenti, soprattutto quelli più articolati e originali, li ho ricevuti direttamente grazie al meccanismo del “tag”, che è risultato decisivo. Come è noto, “taggare” una persona su una nota, significa coinvolgerlo personalmente. In teoria si tratta di note dove “si parla di te” (ancora una volta si rivela la tendenza originaria di Facebook a premiare il narcisimo dei singoli), ma in realtà è diventato un modo per chiedere un parere diretto e personale ad un singolo individuo su un tema che sta a cuore al redattore della nota. Poiché il numero di tag per nota è limitato (non più di 20) essere taggati significa essere scelti, essere convocati, per usare un termine caro allo humanistic management. Il significato di convocazione[32] qui adottato non è quello giuridico (l’inglese to summon); né quello dell’Antico Testamento per cui Dio chiama i profeti a una missione di annuncio, di giudizio, di testimonianza. Si è convocativi se si sa suscitare l’iniziativa discorsiva e operativa dei collaboratori chiamati alla realizzazione di un progetto. Il Gesù Cristo dei Vangeli è l’esempio più luminoso di leadership convocativa. Un sistema di relazioni si può definire convocativo, se la parte della vita attiva in essa trascorso non è mera erogazione ergonomica in cambio di un salario, bensì palestra per la realizzazione personale ed occasione di esperienza comunitaria. In una parola, Mondo Vitale. Lo humanistic management non stimola, induce, prescrive e controlla comportamenti, da premiare o punire. Suscita iniziativa. Convocazione è infatti attivazione del protagonismo dell’interlocutore. E su Facebook, anche grazie ai tag, questo funziona.

La memoria di Facebook

 THESEUS          What are they that do play it?

PHILOSTRATE Hard-handed men that work in Athens here,

                                               Which never labour’d in their minds till now,

                                               And now have toil’d their unbreathed memories

With this same play, against your nuptial.

THESEUS         And we will hear it.

Il lettore amante di Shakespeare avrà riconosciuto nello scambio di battute fra Teseo e Filostrato  un brano tratto dal Sogno di una notte di mezza estate (Atto V, Scena 1). Per l’esattezza ci troviamo all’inizio dell’ultimo Atto, quando, fra i diversi divertimenti proposti al re Teseo in occasione delle sue nozze con Ippolita,  il sovrano di Atene sceglie di assistere al dramma preparato dagli artigiani della città. Sappiamo  come è andata. Non avendo l’abitudine di “far lavorare la propria mente”,  Bottom e gli  artigiani si esibiranno nell’“interminabile breve scena del giovane Priamo e della sua diletta Tisbe”: una “farsa molto tragica”, scandita dalle goffaggini e dagli strafalcioni dei volonterosi ma impreparati attori. Divertentissima per il re Teseo, i suoi ospiti e i lettori di Shakespeare, ma certo assai lontana dal modello della perfetta recitazione drammatica illustrato dal principe di Danimarca nel terzo Atto dell’Amleto. In effetti la recita degli artigiani si pone come la parodia dei modi drammaturgici più vieti e mette in risalto tutti gli errori che si possono compiere nel mettere in scena una rappresentazione.

La ragione essenziale del loro fallimento  non tanto come individui, ma come compagnia teatrale, ovvero come  “comunità di pratica”, va ricercata nell’improvvisazione non radicata in un solido bagaglio professionale:  o meglio, come con  precisione meravigliosa e abituale preveggenza si esprime Shakespeare,  nelle loro  memorie “unbreathed”, letteralmente “senza respiro” (dunque “senza soffio vitale”, “senza anima,”), in quanto non alimentate da esperienze, competenze, conoscenze maturate singolarmente e quindi socializzate, messe a fattor comune, nell’ambito del team (o del gruppo professionale di appartenenza), che deve produrre un certo risultato (in questo caso, il dramma).

La ricostituzione di identità e memorie perdute è invece centrale in Facebook. Un esempio a caso fra i tantissimi, lo segnala Barbara Becheroni: “Mi ha ritrovata una mia compagna del liceo, di cui avevo perso le tracce. Prima vivevo a Milano, ora sto a Siracusa, e lei invece a Ivrea. E’ stato carino risentirla e vedere le sue foto. Sono stata contattata dalle matricole di veterinaria (ormai sono una stagionata veterinaria) della facoltà di Milano… E’ stato come fare un tuffo nella mia giovinezza. Alcune ragazze verranno in Sicilia per fare pratica con me… Sono così carine, giovani, coi visini freschi e senza rughe! E quando mai le avrei conosciute? Mentre sono all’ippodromo e ringhio con i vari allenatori? Aspiranti veterinarie ancora piene di illusioni verso il futuro! E poi ho mia sorella che vive in Brasile. Beh, per le foto c’è anche Filckr, ma vuoi mettere Flickr con Facebook? Non è così agile, così comodo! Certo ci sono un sacco di sconosciuti che ti chiedono di diventare amico, ma c’è sempre “ignora”. Insomma, a me sembra solo uno strumento per comunicare. Ovvio, che, come ogni strumento, può essere usato male. Ma anche quello che ha ammazzato i genitori a colpi di padella ha usato male uno strumento e nessuno si è sognato di guardare male le padelle… Non ho molto tempo per Facebook, però in quei pochi momenti che mi ci metto, mi diverto. Ovvio che NON sogno di iscrivermi tra i fans di Riina…”

Il che non significa che questa ricostituzione di identità e memoria avvenga solo su Facebook. Avveniva su Neurona quando esisteva ancora e avviene su MyBlogLog: avviene dovunque si possano stabilire relazioni aperte. Ad esempio non su XING e sugli altri social network che limitano i contatti per i membri non paganti. Privo di questo limiti (e nonostante i numerosi altri che abbiamo visto) Facebook può diventare crocevia di menti, aggancio per incroci produttivi di sviluppo di progetti o semplicemente di relazioni, per il puro piacere di trovarsi. Sono in molti ad emozionarsi  nel raccontare un incontro indimenticabile non solo, come Barbara, con  compagni delle elementari perduti di vista da decenni, ma anche con commilitoni con cui si è fatto il servizio di leva, con paesani riscoperti nelle lande più sperdute del mondo, con persone naufragate nel mare magno della vita e ripescate in rete: incontro vero e non “Carramba che sorpresa!” style. Tutto grazie a Facebook, che si posiziona così in una dimensione distintiva rispetto ad  altri  social network tipo Ning. E’ proprio la logica di fondo ad essere diversa: Facebook  parte dall’individuo e porta alla creazione di gruppi, Ning fa il percorso esattamente contrario: si tratta infatti di una piattaforma per la creazione di social network personalizzabili. Ogni singolo autore ha la possibilità di creare la propria community decidendo come comporre il sito, ovvero scegliendo le singole componenti su cui andare ad inserire i propri contenuti, selezionando i partecipanti, eccetera. Lo strumento è molto interessante,  però di fatto favorisce troppo spesso la creazione di piccoli mondi chiusi in se stessi. Ed il piccolo mondo, se non entra in relazione con l’esterno, è destinato a morire. Se la differenza fra “razionalizzazione” e “razionalità”, come insegna Edgar Morin,  è che la prima è “chiusura” al mondo” mentre la seconda è “apertura al mondo”, non c’è dubbio che Facebook possiede una potenziale razionalità non riduzionistica, relazionale, eticamente fondata, decisamente superiore agli altri social network.

C’è di più. A livello individuale, non si possono separare i processi del pensare e del ricordare: ma se la memoria è l’elemento più importante nel processo cognitivo, essa è particolarmente decisiva nel processo della lettura. Per questo ne Le Aziende In-Visibili Sam Deckard parla e Bill H. Fordgates ascolta con attenzione e curiosità (e lo stesso avviene ne Le Città Invisibili fra Marco e Kublai), proprio come deve ascoltare un lettore:

“È improbabile che Bill H. Fordgates si beva tutte le balle cacciate da Sam Deckard quando gli descrive le aziende visitate nelle sue missioni, indicandole una per una sull’Astrogramma e traendo auspici dal Libro dei Mutamenti Organizzativi, ma certo l’Amministratore Delegato della grande Corporation continua ad ascoltare il giovane (o forse giovanile) Direttore delle Risorse Umane – ubiquo ai casi aziendali, onnipresente anche sugli affari più tenebrosi – annoiandosi meno che con ogni altro manager.

Nella vita degli Amministratori Delegati c’è un momento, che segue all’orgoglio per l’ampiezza sterminata delle aziende, consociate e controllate, che abbiamo conquistato, alla malinconia e al sollievo di sapere che presto rinunceremo a comprenderle e a conoscerle; un senso come di vuoto che ci prende una sera con l’odore acre delle ciminiere fumanti sotto la pioggia sporca e del gas di scarico sputato dalla limousine che ci sta conducendo verso l’anonima suite in cui risiediamo; una vertigine che fa incrinare le procedure istoriate sulle pagine Intranet, arrotola una sull’altra le stampe delle mail che annunciano il franare dei concorrenti di sconfitta in sconfitta, e sbiadisce le carte da lettera intestate di imprenditori ignoti che implorano la protezione delle nostre divisioni avanzanti in cambio di tributi annuali in partecipazioni azionarie, immobili e denaro liquido: è il momento disperato in cui si scopre che quest’impero che ci era sembrato la somma di tutte le meraviglie è uno sfacelo senza fine né forma, che la sua corruzione è troppo incancrenita perché il nostro logo possa mettervi riparo, che il trionfo sui Consigli di Amministrazione avversari ci ha fatto eredi della loro lunga rovina.

Solo nei rapporti bicefalidi Deckard, fidato Otro che batteva per lui le vie ecologiche della vite così come quelle del grano geneticamente modificato, nei bi-sogni espressi nelle sue relazioni quasi fossero innescati dall’ibrido motore mentale d’Osiride, o ricevuti misticamente tramite la console telefonica una e duplice della Iacco Enterprises, Bill H. Fordgates riusciva a intuire, attraverso gli stabilimenti e gli impianti di produzione destinati a crollare, la filigrana d’un frame così sottile da sfuggire a esalazioni inquinanti di livello ben superiore a quello ammesso dai Protocolli di Kyoto”.[33]

Leggere in questa accezione non significa venire a sapere dei fatti, ma cercare di comprendere un senso, e le molte descrizioni del linguaggio misterioso di Deckard e del suo parlare così diverso da quello degli altri manager alludono evidentemente sia alla peculiarità linguistica e comunicativa del narrare, sia all’eco profonda e indistinta del comprendere. C’è dunque una specie di straordinaria unità, una identità virtuale, tra la lettura, la cognizione e la memoria attiva, una unità che su Facebook può realizzarsi: scrivendo note, leggendo i commenti altrui, scambiandosi messaggi in bacheca o via mail.

La minaccia avvertita da Kublai-Fordgates così come da tutti noi è il non senso. Ritrovarsi su Facebook, costruire storie, percorsi, relazioni è (o meglio può essere) un modo per combattere la battaglia con il non senso. Come fa Deckard, utilizzando una strategie crossmediale:

“Deckard si esprimeva con mostruosi rapporti in cui si mischiavano prosa, poesia, fotografia e giornalismo, o con spezzoni di immagini computerizzate che andava estraendo dai file del suo portatile: un videoclip realizzato con il telefonino aziendale, una attività di spicco realizzata su Amazon, l’esistenza parallela condotta da un General Manager in Second Life, una riunione virtuale in Mpk20, disponendo davanti a sé le finestre aperte sullo schermo come su una scacchiera elettronica. Ancora più spesso, di ritorno dalle missioni cui il capo lo destinava, l’ingegnoso neoassunto improvvisava con la sua Playstation 5 un gioco di simulazione che Fordgates doveva interpretare, connettendosi con un casco e dei guanti speciali: un’azienda era designata da un uomo che più avanzava nell’età più ringiovaniva, un’altra da un hacker nudo che attraversava un firewall senza bruciarsi, una terza da uno spettro che non leggeva le notizie sui giornali, ma le respirava sotto forma di immagini, musica e movimento. Fordgates superava livelli di gioco sempre più difficili, però il nesso tra questi giochi e i luoghi visitati rimaneva incerto: non sapeva mai se Deckard volesse rappresentare un’avventura occorsagli in viaggio, una impresa del fondatore della Società, la profezia di un addetto alla Pianificazione. Ma, oscuro o palese che fosse, tutto quel che Deckard mostrava aveva il potere della realtà virtuale, che una volta sperimentata non si può dimenticare né confondere. Nella mente dell’Amministratore Delegato l’impresa si rifletteva in un deserto di dati labili e intercambiabili come grani di sabbia da cui emergevano i pixel che animavano le figure evocate dall’uomo delle risorse umane.”

Tutte le immagini raccolte nelle prime righe de Le Aziende In-Visibili  alludono al divenire reale della possibilità che vi sia nel vivere un momento in cui l’espandersi libero dell’esistenza si ferma e chiede di scoprire un ordine in ciò che è stato, un senso che lo attraversi. Non è un momento felice: ciascuno di noi, nel suo essere imperatore di se stesso, scopre prima o poi il vuoto, il senso di vertigine, lo sfacelo senza fine, la corruzione ─ il non senso, insomma, come una minaccia che si insinua nel nostro impero e ne sconvolge l’ordine, rendendoci incapaci di coglierne la geografia e di tracciarne una mappa soddisfacente. Proprio per questo sulle orme di Calvino, ne Le Aziende In-Visibili si  descrive il non senso come una minaccia che assume forme cosmiche di un terremoto che scuote la nostra immagine della vita e del mondo. La nostra mappa non ci permette più di orientarci e abbiamo il fondato timore di non saperne più disegnare un’altra che ci soddisfi. È a questa minaccia che la narrazione deve opporsi.

Come molti manager, anche Fordgates avverte la tentazione di sottrarsi alla fatica del sensemaking. Deckard parla, ma Fordgates sembra talvolta stanco di leggere i suoi racconti e vorrebbe stringere una volta per tutte il suo impero in una formula, averlo come un possesso chiuso per sempre: la vecchia utopia, si sottolinea in apertura di Nulla due volte, dello scientific manager come di quei generali romani immaginati da Szymborska che si sentono minacciati “da ogni nuovo orizzonte” e che, di fronte alla minaccia, non sanno che andare ciecamente avanti, nelle certezza disperata che “il mondo prima o poi deve pur finire” (Voci). Allo stesso modo, nonostante la sua ammirazione per il giovane Direttore del Personale, Fordgates non sopporta la trama aperta delle sue narrazioni e vorrebbe cose dove invece sono soltanto parole, proprio come i responsabili  delle organizzazioni descritte da me e Del Mare ne Le cose e le parole.[34] Ma, come osserva il Marco Polo calviniano, «non si deve mai confondere la città con il discorso che la descrive».

Per sfuggire al rischio del non senso Deckard tenta diverse strade, come diverse sono state le incarnazioni dello scientific management nel suo secolo di storia. Ad esempio ad un certo punto dice:

“Tutto sta nella tessitura, nella partitura, nel disegno architettonico. Il management è fatto di elementi da assemblare, come i fili di seta di un tappeto da cucire insieme, come le note musicalida comporre in una sinfonia, come i pesi, i volumi e le dimensioni di un ponte. Naturalmente questi elementi devono dare vita ogni volta ad un insieme coerente, ma non sono essi, in quanto tali, è il modo sempre diverso in cui si incastrano a definire la singolarità di una azienda. D’ora in poi quindi  sarò io a proporre schemi e modelli, da smontare e ricostruire, combinandone e variandone le strutture interne. Tu verificherai che a questi tutto sia ricondotto.

L’intento dell’imperatore è quello di proporre schemi e modelli, da smontare e ricostruire, combinandone e variandone le strutture interne, conferendo ad essi una sostanziale autonomia funzionalistica, schemi  d’ordine a cui tutto deve essere ricondotto. Ma Dekard risponde:

 - La forma della Corporation, aveva risposto Deckard, non è d’ordine logico, ma intuitivo. Prima va esperita e solo poi ordinata, poiché risiede all’interno del suo percorso di costituzione.

- E, dunque, quale è questa forma?, aveva replicato Fordgates, spazientito.

- È quella che si costruisce nel tempo divenendo l’ordito visibile dei progetti umani e, insieme, la loro persistenza a partire dal desiderio che li ha generati.

- Io non ho desideri, ma strategie, fondate su una formula, su una certa combinazione di prodotti e di mercati: sulla scelta di entrare in nuove aree di business, uscire da quelle vecchie, espandere la posizione attuale.

- La razionalità prescrittiva non basta: la Corporation assume una forma plasmata anche dai desideri di coloro che ne scrivono ogni giorno la storia; e i desideri cambiano col variare sempre diverso dell’istante. Danno vita ad una geografia mutante, la geografia dell’innovazione e della creatività, che non coincide con un‘immagine piatta del mondo.”

Il discorso deve infine chiudersi se Fordgates  vuole stringere in mano una volta per tutte l’atlante del suo impero. Di qui la sua volontà di stringere il nodo ─ una volontà da cui possiamo liberarci solo se lasciamo all’immaginazione il compito di circoscrivere la cornice di senso della narrazione e alla consapevolezza del narrare quella dimensione ironica cui in Nulla due volte si dedica un intero capitolo. In questo caso l’ironia si rivela nell’atteggiamento duplice che richiede la partecipazione al dialogo fra Deckard  e Fordgates: da un lato dobbiamo credere ai racconti come se davvero illustrassero le città dell’impero, dall’altro sapere che sono soltanto racconti e che quindi disegnano un mondo irreale che non può essere messo più di tanto alla prova dei fatti. Il senso è fragile e non può essere giudicati dai fatti, perché è soltanto il tentativo di animarli di una trama narrativa, un modo di intenderli e leggerli:

 ”Il giorno in cui conoscerò tutte le immagini, – chiese a Deckard, – riuscirò a possedere il mio impero, finalmente?

 E il Direttore delle Risorse Umane: – Non si illuda Fordgates: quel giorno lei stesso sarà realtà virtuale tra realtà virtuali.”

O un profilo di Facebook fra tutti gli altri profili. Perché il divenire inarrestabile del tempo non finisca per travolgere nel suo corso l’identità stessa della città/azienda, è necessario inoltre che questa sappia ritrovarsi costantemente continuando a rapportarsi col proprio passato e col proprio futuro dal punto di vista del presente sempre appena nato e sempre sul punto di scomparire nuovamente nel già stato. Nel descrivere le ‘città della memoria’ Calvino-Marco Polo vuole richiamare la nostra attenzione proprio sull’importanza che il passato della città ha per il costituirsi della fisionomia del suo presente; importanza che non si esaurisce nel semplice fatto che il presente è sempre in qualche misura determinato dal passato, ma si configura anche come una richiesta ben precisa, la richiesta che il passato sia espressamente ricordato, tenuto vivo nel presente della città sotto forma di memoria cosciente. Come dice Calvino, “una descrizione di Zaira quale è oggi dovrebbe contenere tutto il passato di Zaira”. Ed ecco che in Facebook c’è ad esempio il gruppo Banca della memoria, che raccoglie circa 1000 persone, che si descrive così: “Molti di noi probabilmente ricordano con piacere se stessi da bambini, accoccolati sulle gambe di un nonno, assorti, attenti a non perdere una parola delle storie che ci venivano raccontate. Queste, col passare degli anni, vengono comprese e ricordate come esperienze di vita vera, vissuta. Venivano raccontate per insegnare quello che l’esperienza aveva portato ad imparare, perché fossero di esempio o per mantenere la memoria di vite vissute secondo usanze e valori di un’altra epoca. Per molti di noi l’importanza di queste esperienze si è svelata ed è cresciuta man mano che si diventava “grandi”, quando abbiamo incominciato a capirne il vero valore. Capita allora di ritrovarsi alla ricerca, di inseguire quello che i “nostri vecchi” saprebbero raccontarci. Prima che scompaia. Quando questo succede, quando si ha la fortuna di riuscire a trovare il tempo fra i mille impegni della vita quotidiana per sedersi ad ascoltare, si scopre un mondo estremamente affascinante. Vorremmo con questo progetto riuscire a portare un po’ di questa magia a chiunque abbia dieci minuti di tempo da dedicare.” O ancora il gruppo “Archivio dei diari” , fondato nel 1984 da Saverio Tutino, dedicato al omonimo luogo pubblico dove si conservano diari, epistolari e memorie. Si trova a Pieve Santo Stefano, in Toscana. Ogni anno organizza un premio al quale tutti coloro che posseggono un diario o una memoria inedita possono concorrere gratuitamente. Sono oltre 6000 i diari conservati nell’Archivio. Il più celebre è scritto da una contadina su un lenzuolo a due piazze.

Oltre ai gruppi focalizzati sul tema della memoria ci sono eventi  come quella della Giornata della memoria (per ricordare gli orrori del nazismo) cui hanno partecipato 2000 persone invitate su Facebook, e “la sottoscrizione di cause” come quella relativa alla promozione di iniziative per ricordare Gabriele Sandri, il tifoso laziale rimasto ucciso in uno scontro.  Tutte esperienze (e ce ne sono moltissime) che  ci danno la misura di come questa piattaforma abbia in se una enorme valenza rammemorativa.

Tuttavia, se, da un lato, per non smarrire la propria identità, la città-azienda-persona deve riscoprire ogni giorno il legame con ciò che essa è stata (più o meno recentemente), d’altro lato questo non deve portarla ad appiattirsi sulla propria storia cristallizzandosi nelle sue forme. La sua orma naturale è quella del divenire, un perpetuo rinnovarsi ascoltando i desideri e le esigenze di un presente che del passato è figlio, non fratello gemello: chi non si adegua a questo movimento fluido e vitale è morto. E così come la calviniana Maurilia smette di essere se stessa in quanto è incapace di connettersi al proprio passato, in modo del tutto speculare è condannata a scomparire Zora, che dal proprio passato non riesce a distaccarsi.

Facebook riesce vincente, anche rispetto ad altri social network concorrenti,  proprio rispetto questo trade off: riesce a rendere la memoria, narrativa, vivente, conviviale.  Racconta Simonetta: “All’inizio volevo restare fedele a MySpace, poi mi sono convinta e a novembre mi sono iscritta. Mentre MySpace è più “espositivo”, efficiente quanto un sito internet personale, Facebook è più immediato, ci si trova, molti usano il proprio nome e non nick, ci si ritrova. Credo una sorta di utilità di FB: nel caso di noi del sud che spesso siamo tagliati fuori da certi meccanismi, può tornare utile conoscere  persone che altrimenti non avremmo mai conosciuto. Io ho conosciuto tanti scrittori di cui leggevo solo i libri e sono contenta di poter interagire con loro; idem per personaggi relativi all’editoria, giornalisti e quant’altro. Restare in contatto è già così difficile, avere tati amici sparsi in tante città è costruttivo, e dedicare dieci minuti a mandare o a rispondere a un loro messaggio su FB non può far male. Una sorta di messaggeria istantanea, tipo msn, solo un po’ più varia. “

Anche Facebook, come la mitica Corporation de Le Aziende In-Visibili, continua a esistere solo nella misura in cui accetta di riconoscere come proprio il volto in perenne evoluzione del sempre nuovo presente; da questo presente la realtà di oggi abbraccia quella di ieri e quella di domani nel suo orizzonte, orizzonte che solo in quanto cambia ogni giorno può assumere per ogni giorno lo stesso senso:

“La Corporation guadagna la propria consistenza dal duplice orizzonte di passato e di futuro all’interno del quale si colloca. Un orizzonte vero, perché mobile”. [35]

Il segreto di Facebook

E’ l’impermanenza  il segreto della Corporation così come lo è della calviniana Eutropia, città irrequieta, che continua a cambiare non solo la sua posizione geografica ma anche il suo assetto interno, stando attenta però a contenere questi mutamenti entro i limiti ben precisi dettati da alcuni elementi invarianti (il territorio in cui Eutropia si muove è sempre lo stesso, e anche i ruoli dei suoi abitanti permangono, pur essendo diversi gli attori che di volta in volta li interpretano). In questo modo Eutropia riesce a conservare ciò che Maurilia e Zora hanno irrimediabilmente perduto: l’identità con se stessa.

Lo stesso avviene nella comunità di Facebook: impermanente, sempre uguale e sempre diversa, in un frame che consente di mettere insieme a confronto architetti con medici, professori e casalinghe, manager e artisti. Per far funzionare bene Facebook occorre, ancora una volta, abbandonare il modello organizzativo (e prima ancora cognitivo) scientifico del lavoro, caratterizzato da un approccio che tende a distinguere e moltiplicare gli specialisti e teso verso la ricerca di one best way e best practice, a favore di un modello di management umanistico, caratterizzato al contrario da un approccio metadisciplinare (che garantisce la commistione di competenze, professionalità e profili curriculari diversi su progetti condivisi non parcellizzati). Soltanto la metadisciplinarietà può favorire non solo la nascita di un contesto creativogenico, ma anche una ampia visione della società in cui viviamo: delle sue premesse, dei suoi modi di essere, dei suoi fini. Il che non significa che tutti sappiano fare tutto, bensì che le persone siano in grado di relativizzare il proprio contributo rispetto a discipline diverse e competenze altrui, sentendosi profondamente arricchite da questa sinergia, per sviluppare attività e progetti fortemente improntati anche dal punto di vista etico.

Fra i segnali che indicano questa direzione di crescita porrei la sempre maggiore attenzione che il mondo del non profit sta dedicando al web 2.0 e a Facebook in particolare: realtà come Medici Senza Frontiere, Emergency, Avis, Banca Etica e molti altri stanno attrezzandosi con la creazione di gruppi e la promozione di cause,  eventi ed aree di discussione dedicate, tutte funzioni che già l’attuale piattaforma di Facebook prevede, anche se sicuramente esistono ampi spazi di ulteriore miglioramento. William Nessuno si chiede “quanto (almeno per ora) l’uso di Facebook per il conseguimento di fini sociali o etici abbia a che fare con un risultato concreto, a parte il ricevimento del messaggino “La tua causa Pincopallo ha raggiunto i 1500 membri e ha ottenuto un ometto-segnalino in più”. In questo i blog sono molto più “movimentisti”,  smuovono delle energie e spesso vedono la creazione di gruppi di persone che si incontrano nel reale.” Ancora volta, tutto condivisibile (basti pensare a come Beppe Grillo ha saputo valorizzare lo strumento del blog, al di là dei contenuti che diffonde e su cui si può essere o meno d’accordo) ma bisogna anche tener conto che l’affermazione di Facebook su larga scala è recentissima. Traguardando il futuro, ben vengano iniziative come quella Non-profit & Social Network la cui ideatrice, Gaia Saviotti, dichiara di aver  avviato “con l’intento di farne un gruppo di ricerca, poiché questo settore, in Italia, sta prendendo campo adesso, mentre in altri paesi è un fenomeno largamente diffuso già da tempo. Qui ci occuperemo di non-profit, reti sociali, social media, ICT e tutte quelle tecnologie che vengono impiegate nel Terzo settore.”

Interessante anche la testimonianza di chi, come Alice Cittone Mastroianni,  “arriva da un altro mondo, il metaverso di Second Life. In quel luogo, ci ha scritto,  oltre a mettere alla prova le mie personali capacità ed il mio ego, mi sono spinta a sperimentare. Una scommessa, su cui ho iniziato a lavorare a marzo 2008, e che ha preso forma poi a ottobre è stata quella di vedere quando Second Life possa essere un mezzo di comunicazione virale da utilizzare, non solo per le aziende che vogliono pubblicizzarsi, ma per l’appunto per fare informazione, condividere notizie e far conoscere cose. Nel caso specifico parlo di SecondlifexCBM, un progetto seguito dal mio gruppo WDT in second life per CBM Italia Onlus, associazione no profit che si occupa del problema della cecità nel mondo. L’obiettivo era, oltre alla raccolta di fondi, che però su Sl è quasi irrisoria dato il valore della moneta virtuale (ma comunque abbiamo raccolti 555 dollari in 2 mesi) era quello di diffondere la notizia, far conoscere l’associazione, quello che fa, al di fuori dei mezzi tradizionali : televisione, radio, carta stampata.

Anche se non ho ancora i numeri, posso affermare che la cosa ha funzionato e continua a funzionare. Oltre alle iniziative a catena che si sono venite a creare su Sl per l’associazione, ci sono anche tutti i vari blogger, giornalisti virtuali, proprietari di siti di notizie ed altro che hanno sparso la voce…e poi…eccomi al punto…Facebook. Qui abbiamo creato un gruppo ed una causa …ed è incredibile come la notizia giri, si evolva si faccia conoscere. Certo non è solo merito nostro, ma le visite sul sito di CBM www.cbmitalia.org si sono quintuplicate in questi ultimi 2 mesi.”

Altro caso di sinergie crossmediali non tradizionali è quello di Medici Senza Frontiere che, all’inizio del 2009,  su Facebook ha annunciato di avere raccolto  11.000 euro nel  solo mese di dicembre 2008. Cifra raccolta e devoluta utilizzando i canali Non convenzionali e tradizionali presenti sul web e soprattutto raccolta grazie al grande successo di vendite dicembrino del sito Youbuy.it., che ha deciso di non inviare gadget omaggio per Natale ai clienti, ma una pergamena attestante il loro contributo al miglioramento della salute Materno-Infantile in Indonesia attraverso Medici Senza Frontiere. Youbuy infatti, per ogni ordine ricevuto dai suoi clienti fino al 31/12/2008, ha donato 1 euro a Medici Senza Frontiere il Progetto Indonesia. Inoltre, è stato allestito un blog, dov’è ancora possibile trovare i dettagli del Progetto Indonesia, le foto, le notizie e gli aggiornamenti della donazione on line. Ultima iniziativa, quella progettata proprio su Facebook: è stato creato un gruppo e per ogni adesione a questo gruppo, YouBuy.it ha donato a Medici senza frontiere la cifra di 1 Cent di Euro. Cifra decuplicata, nel caso in cui chi avesse preso parte al gruppo, avesse deciso di iscriversi anche a YouBuy.it.

Come vivere  la mutazione (anche) tramite Facebook

Io penso dunque che Facebook possa contribuire alla crescita della società attuale a partire da ogni Singolarità Individuale, intesa come Identità Molteplice – di cui parlo nel Manifesto dello humanistic management -  facendola  emergere quasi come un enorme puzzle, o un caleidoscopio, che costruisce le sue immagini in impermanente mutazione riflettendosi in quelle generate  dalla mente collettiva.

Osservo, a questo proposito, come calzi alla perfezione a Facebook, un’altra parola chiave dello humanistic management: “Personigramma.”[36] Il concetto è semplice. “Organigramma”è una macchina; “personigramma” è un mondo vitale. Le caselle dell’organigramma sono cittadelle più o meno fortificate per la difesa e per l’attacco; al contrario, i flussi del personigramma sono umori di un melting pot e scambi discorsivi di un convivio. Narrativamente così nell’Episodio de Le Aziende In-Visibili che si intitola appunto Personigramma, viene descritto:

“La Hora & Laboratories è una ragnatela di rapporti umani che si disegna sul tracciato nascosto della familiarità, scaturente dalla memoria di esperienze professionalivissute insieme. È stata data loro una forma, sono state archiviate, analizzate, rese facilmente disponibili.

Tutto ciò è stato possibile a patto di scardinare strutture e gerarchie ormai obsolete. Nessuno ha inteso mettere in discussione la leadership ai vari livelli e rispetto alle responsabilità soggettive dei singoli individui. Tuttavia, l’organigramma qui diventa un personigramma, realizzando la trasformazione dall’impresa di organi, basata sul presupposto che ciascuno costituisce un meccanismo isolato e sostituibile, come l’ingranaggio di una macchina, all’impresa di persone, termine che coglie la dimensione originale ed integrale degli individui quale si esplica nella relazione fattiva con l’ambiente e con gli altri.

Adottare il personigramma non comporta il trionfo dell’anarchia. Al contrario, significa: favorire l’autosviluppo di capacità coerenti al business; disegnare una organizzazione dinamica in cui le strutture formalicorrispondano ai processi; associare all’autorità connessa al ruolo quella derivante dalle competenze; costruire fiducia tra gli individui e i gruppi di lavoro; mettere le persone in grado di utilizzare le leve operative e managerialial più alto livello di responsabilizzazione possibile. In sintesi, si tratta di costruire un mondo vitale di rapporti umani basati sulle reciproche influenze delle qualità individualiche non cancellano i ruoli ma neppure se ne lasciano schiacciare.

 Chi lavora in Hora & Laboratories sa che la decisione non può limitarsi a utilizzare conoscenze predeterminate, ma deve essere essa stessa parte di un percorso di apprendimento: soluzioni praticabili, competitive, vengono trovate interagendo con altri, assumendosi il rischio di operare in condizioni di elevata incertezza, misurando gli errori e mettendo a frutto l’apprendimento risultante.

Per fare questo va reso esplicito il sapere tacito, attraverso nuove metodologie e nuovi strumenti. La rete, intesa non solo come Internet e dintorni, ma anche come comunità epistemica che condivide i modi e il senso del conoscere, deve divenire la base dell’intelligenza aziendale. Una intelligenza esplorativa, fondata sulla complessità come opportunità di crescita, che rinuncia al controllo totale ma che collega visioni, progetti e comportamenti di tutti i partecipanti alla produzione di valore: i dipendenti, gli azionisti, i cittadini, le istituzioni.

I manager della Hora & Laboratories sanno che c’è ancora da fare. Occorre sostenere una maturazione culturale diffusa per promuovere lo scambio e la messa in comune delle esperienze acquisite. Raccogliere quanto viene appreso su ogni processo per distribuirlo negli spazi e nei tempi in cui è richiesto. Affrontare le sfide connesse all’utilizzo di tecnologie informatiche in continua evoluzione. Ma solo in questo modo il valore della conoscenza può crescere, fino a superare il valore tangibile dei materiali, degli immobili, delle strutture, delle gerarchie, dei capitali.”

Il cuore del “moderno” è la macchina, la sua logica quella meccanica; il cuore (auspicato) della contemporaneità è la persona, la sua logica la relazione tra soggetti che esprimono iniziativa e la sviluppano nella cooperazione. Il Personigramma è, pertanto, una sceneggiatura, da aggiornare continuamente, proprio come accade in Facebook, in relazione all’esercizio interattivo dell’iniziativa personale. Una iniziativa che, per dirsi umanistica, deve poi essere anche etica, concetto che per chiarezza è bene tener distinto da quelli di moralità e di diritto. Riprendiamo quanto scrive Simona Lo Iacono: “Sotto un profilo giuridico i problemi che fb pone sono almeno tre.

- Il cosiddetto “diritto all’oblio” (fb conserva i dati anche quando il frequentatore è uscito con grave danno soprattutto per i minori e il loro futuro lavorativo. Il rischio è di essere catalogato attraverso immagini appartenenti a periodi della vita superati) e il conseguente “diritto al cambiamento” di gusti, opinioni, tendenze sempre garantito sia dalla libertà di manifestazione del pensiero (art 21 cost )che dalla possibilità di esplicazione della propria personalità (art 2 cost).

- i furti di identità

- la difficoltà ad ottenere un immediato diritto di rettifica dei dati personali proprio a causa di questa “memoria lunga” del mezzo (legalizzato invece dalla legge sulla tutela della privacy e allo stato inconciliabile con la capacità di raccolta di fb).”

Sono punti rilevanti, lo abbiamo già detto, ma non essendo un giurista non posso entrare ulteriormente in dettaglio. La dimensione che mi interessa è piuttosto quella dell’eticità. In questo senso è bene  ricordare che la moralità ha come contenuto i valori personali che ci detta la nostra coscienza individuale: ciò che ciascuno di noi reputa, in cuor suo, giusto o sbagliato. Ad esempio, è in base alla propria moralità che è ammessa l’obiezione di coscienza di fronte a comportamenti che una parte significativa della società giudica leciti o, addirittura, doverosi.

Per converso, il diritto è, all’interno di questa distinzione concettuale, costituito da quelle norme che lo Stato sanziona con i propri tribunali e con la propria forza esecutiva. Ad esempio, molti doveri a cui un’impresa è tenuta sono di natura strettamente giuridica (come i reati di falso nelle comunicazioni sociali o gli illeciti commessi dagli amministratori, previsti dal titolo XI del libro V del codice civile).

Moralità e diritto sono da sempre stati distinti: si pensi alla tragedia greca Antigone, che è tutta giocata sul conflitto tra la moralità (rappresentata da Antigone) ed il diritto (personificato da Creonte). Grande merito di Hegel è avere individuato una terza fonte della normatività in qualche modo intermedia tra la moralità ed il diritto: l’eticità.

Nell’eticità i diritti/doveri non sono né liberamente scelti (come nella moralità), né imposti da un soggetto titolare dell’esercizio legittimo della forza (come nel diritto): nell’eticità i diritti/doveri sono condivisi in una relazione intersoggettiva che si sviluppa entro uno “stare-insieme” relativamente stabile. Così, con la filantropia, intesa come il gesto totalmente libero e discrezionale di chi dona (senza coinvolgimento del donatario e, soprattutto, senza una progettualità che si sviluppa nel tempo di una relazione), non si è nel campo dell’eticità, bensì in quello della moralità. Viceversa, molte delle attese normative della nostra vita quotidiana (ad esempio in famiglia) sono di natura strettamente etica: difficilmente azionabili davanti ad un giudice e non riducibili ai valori di uno solo dei soggetti coinvolti. Lo stesso vale per quanto riguarda i nostri comportamenti nel contesto di un social network come Facebook, dove l’eticità non è determinata tanto dal contenuto dei suoi comportamenti, quanto dalla fonte della doverosità di quei comportamenti, lo stare-insieme-per il raggiungimento di obiettivi comuni: di conoscenza, di sviluppo, di elaborazione creativa.

Facebook può far rivivere così il Convivio (o Simposio) platonico, un luogo dominato dall’eros  e dalla cooperazione discorsiva, regolata da un simposiarca. Il modello conviviale comporta l’attualizzazione del potere di parola e d’iniziativa attribuito a tutti i soggetti-persone presenti nel sistema dello “stare insieme per”. In questo quadro, l’”umanesimo digitale” diviene quello in cui l’Uomo si riappropria della tecnologia e la ripone al centro della sua vita sia come singolo “plurale”, sia come collettività. Scrive Garrapa: “la vitalità condivisa. Come un convivio. Forse la vitalità è connessa alla sua possibile-repentina (a volte ingiustificata) interruzione. La morte di un’idea collettiva mentre altre proliferano fascisticamente e con la complicità inconscia di certi amministratori. Io mi chiedo cosa possa essere la vitalità digitale, la spontaneità. Penso ad un’oralità elettrica, a Facebook come una palestra, un prefilmico, un preespressivo. Una prova generale.” E aggiunge: “io credo ad una certa transensorialità della rete, ad un’empatia che avvenga senza mettere in moto neuroni a specchio. Come uno scambio magnetico di sguardi che assumono la forma del linguaggio. Forse. Ma se così non fosse, come si potrebbe creare empatia tra interassenti? Tra noi senza vederci hic et nunc? o forse possiamo inventare un extralinguaggio emozionale? non solo questo :) o questo :( o ;) :D eccetera ma sfumature etiche di condivisione momento per momento sono auspicabili. comunque siamo agli esordi, no? io credo che quando SL girerà su tutti i pc, quando diventerà come l’ADSL, allora la quadrimensione del pensiero-linguaggio porrà altri problemi. Intanto quello che ho scritto non l’avrei mai potuto postare nel mio blog: perché le condizioni iniziali sono fondamentali nello sviluppo del discorso, è più probabile interagire qui su Facebook che su qualsiasi mio blog o altro blog collettivo (per questioni di immediatezza o moderazione): in questo senso è più facile non cadere in un monologo qui che altrove. Il discorso che nasce in interassenza, qui si realizza in pieno. Bello sarebbe farlo ‘mascherandomi’ di volta in volta di leo bloom di bimodale (uno dei nickname di Garrapa, ndr) di ramon di giuliano joyce… cioè fingendo altro da me e ponendo anche in questa ‘recita’ la stessa sincerità e onestà”. Grande Gianluca.

Prima di arrivare alla quarta dimensione del web 3(o 4, o 5…chi offre di più?).0, occorre insomma dare un fondamento etico alle interazioni in Rete, recuperando la dimensione narrativa, interpretante, analogica del digitale. Si tratta, però, di un processo di auto consapevolezza che pur dovendo emergere dal basso, dovrebbe essere agevolato con convinzione dalle organizzazioni private (aziende, associazioni, ecc.) e da quelle pubbliche (istituzioni, università, ecc.). E qui le responsabilità vanno oltre quel certo giornalismo giurassico di cui parlavamo in apertura. Prendiamo il dialogo sviluppatosi nell’ottobre del 2008 sulle pagine centrali del Corriere della Sera fra Alessandro Baricco e Claudio Magris, in cui i due discettavano delle ormai ben note tesi espresse dal primo sulla “civiltà dei barbari”. Uno scambio radical chic del tipo:

“Magris: Baricco cerca di descrivere — o, nei suoi romanzi, di raccontare — e soprattutto di capire il mondo, anziché deplorarlo, e sostiene giustamente, nel bellissimo finale de I barbari (Feltrinelli), che ogni identità e ogni valore si salvano non erigendo una muraglia contro la mutazione, bensì operando all’interno della mutazione che è comunque il prezzo, talora pesante, che si paga per un grande progresso, per la possibilità di accedere alla cultura data a masse prima iniquamente escluse e che non possono avere già acquisito una coerente signorilità «Se tutto va compreso — gli chiedo incontrandolo nella sua e un po’ anche mia Revigliasco — non tutto va accettato. Tu stesso scrivi che occorre sapere cosa salvare del vecchio — che dunque non è tale — in questa totale trasformazione. Questo implica un giudizio, che non identifica dunque, come oggi si pretende, il valore col successo. Anche Il piccolo alpino vendeva un secolo fa tante più copie delle poesie di Saba, ma non per questo chi lo leggeva capiva meglio la vita. Se i giornali — come dici — non parlano di una tragedia in Africa finché non diventa gossip di veline o di sottosegretari, non è una buona ragione per non correggere questa informazione scalcagnata prima ancora che falsa. Del resto è quello che fanno tanti blog, in cui si trova spesso più «verità» che nei media tradizionali. I barbari ci aiutano quindi forse anche a combattere la barbarica identificazione del valore col successo». Baricco — Certo, non tutto va accettato, hai ragione.”

Ok, ok, basta così. Era solo per dire che le tesi presentate in contesti come questi in sé per sé sono condivisibili anche se in buona parte prese con un abile copia-e-incolla da Bauman e altri (che non vengono mai citati). L’idea espressa da Magris sulla “verità” dei blog è pari pari quella sopra ricordata sullo stesso tema e proposta qualche anno prima nel Manifesto dello humanistic management. Inoltre nello sviluppare alcune considerazioni sulla poesia di Wislawa Szymborska  in Nulla due volte, mi sono permesso di richiamare (esplicitamente) I barbari  in un paio di occasioni.

Ma Baricco teorizza bene e razzola male. Nel senso che la mutazione che intuisce poi non mi sembra la sappia vedere e tanto meno praticare in quello che sta concretamente succedendo: in Internet, su Facebook, in Second Life. Non a caso è proprio Alessandro Baricco ad aprire il lungo elenco di celebrati romanzieri che, come ha scritto Gian Paolo Serino su Il Giornale, hanno con il social networking in Rete un rapporto “da Fiera delle Vanità con risultati esilaranti”. Nel mio piccolo, mentre altri ne discutono piacevolmente, ho lavorato per anni nel tentativo di entrare in sintonia con la mutazione richiesta dalla nuova civiltà dei “barbari”. Sotto questo aspetto, per ricondurre il discorso là dove era iniziato, ho cercato, con il Progetto Le Aziende In-Visibili,  di attualizzare l’auspicio espresso nel suo ruolo di critico “puro” della letteratura da Belardinelli, ovvero che si possa transitare dall’ormai usurato concetto di postmodernità ad una pratica narrativa radicalmente mutante, che sia in grado di dialogare con il patrimonio letterario del passato, prossimo e remoto, guardando tuttavia al futuro. Una pratica narrativa mutante che può credo più generalmente tradursi nella tensione verso un modo di leggere, interpretare ed infine gestire la realtà che sappia superare vecchie tassonomie e modelli mentali. L’approccio collettivo e metadisciplinare che ha presieduto alla stesura de Le Aziende In-Visibili, in maniera ancor più programmaticamente marcata che in tutte le precedenti esperienze dello humanistic management, il cui bagaglio concettuale ormai può tranquillamente proporsi quale vero e proprio humanistic mindset per la (tentativa) comprensione, a trecentosessanta gradi, del mondo in cui viviamo, ha l’ambizione di affermarsi come una possibile modalità pratica di scrittura mutante, che travalica le distinzioni fra scrittori e manager, fra sociologi e attori, fra musicisti e designer, fra filosofi ed economisti. La sua prosecuzione sotto forma di blog (sul sito de Il Sole 24 Ore), di social network (appunto su Facebook), di film (attualmente in progettazione), di talk show in Second Life, di video-clip (su You Tube), di Web Opera (tramite i canali delle Web Television) punta poi alla integrazione ulteriore di più percorsi narrativi, mirando anche a verificare quanto effettivamente si possa dire che “il mezzo è il messaggio”.

Un programma troppo ardito, ambizioso, pretenzioso? Peggio: velleitario? Forse. Anche se va doverosamente ricordato che fra i 99 della Living Mutants Society c’è Elena Varvello, che collabora attivamente alla Scuola Holden, la istituzione creata da Baricco che è sicuramente benemerita e per la cui esistenza dobbiamo essere tutti grati al suo ideatore, va pure detto che, se non altro, mentre altri chiacchierano, noi proviamo ad accettare la sfida mettendoci in gioco in prima persona. Uscendo dai salotti dove quelli che Stefano Disegni ha genialmente definito “atticisti” macinano parole omaggiandosi a vicenda per scendere nelle strade della vita (anche le strade virtuali del Web) alla ricerca di nuovi percorsi per narrarla, affrontando tutta la complessità della mutazione in atto.

 



[1]   Minghetti, Marco & The Living Mutants Society, Le aziende in-visibili, Libri Scheiwiller, Milano, 2008. Questo “Romanzo a colori”, poiché impreziosito dalle illustrazioni di Luigi Serafini, è stato scritto da un centinaio di personalità dell’economia e della cultura virtualmente costituenti la Living Mutants Society. La sfida che hanno accettato: racchiudere la propria conoscenza umana e professionale in un’opera narrativa collettiva, ispirata alle celebri Città Invisibili di Italo Calvino. Da una parte, infatti, ogni episodio è concepito quale travestimento di una delle Città; dall’altra, i sogni, le emozioni, le visioni dei personaggi danno vita ad una storia liquida, scaturente dalla conversazione fra l’Amministratore Delegato di una Corporation e il suo Direttore del Personale, riscrittura dei dialoghi calviniani fra Marco Polo e l’Imperatore Cinese. In accordo con la riflessione sullo humanistic management sviluppata negli ultimi anni da Marco Minghetti (ideatore e coordinatore dell’opera, nonchè autore di alcuni episodi), la struttura del volume riflette la molteplicità dei piani comunicativi: come in un impossibile “ipertesto barocco” il soundtrack, il link alle Città Invisibili, gli Esagrammi dal Libro dei Mutamenti Organizzativi, la posizione di ogni Azienda nell’Astrogramma, indicati nelle In-Visible Scorecards, tracciano innumerevoli percorsi di lettura. Una scrittura mutante, che travalica le distinzioni fra scrittori e manager, fra sociologi e attori, fra filosofi ed economisti, fra musicisti e designer.

[2] http://marcominghetti.nova100.ilsole24ore.com/

[4] http://www.brain2brain.net/

[5] Il Foglio, 7 ottobre 2008.

[6] La Repubblica, 27 agosto 2008.

[7] http://www.ilprimoamore.com/testo_1257.html

[8]http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/tecnologia/grubrica.asp?ID_blog=30&ID_articolo=5055&ID_sezione=38&sezione=News

[9] Cortina, 2007.

[10] Libri Scheiwiller, 2008

[11] Edizione italiana: Taylor  Frederick W., L’organizzazione scientifica del lavoro, a cura di Domenico De Masi, ETAS, 2004.

[12] Cfr. Zygmunt Bauman, Modernità liquida (2000) e Vita liquida (2005), entrambi pubblicati in Italia da Laterza.

[13] La psicoanalisi ha cercato di dare alcune interpretazioni all’area creativa, nelle sue diverse espressioni, la poesia, l’arte, la musica, pur nella difficoltà, sottolineata da Michael Balint (1968) d’interpretare un processo creativo imprevedibile “in cui non è presente nessun oggetto esterno e quindi senza la possibilità di sviluppare una relazione di transfert” (p. 145). “L’area della creazione” scrive M.Balint (1968) “può comportare inizialmente un ritiro regressivo dagli oggetti, che vengono considerati troppo rigidi e frustranti rispetto all’armoniosa mescolanza degli stati più precoci, a cui segue un tentativo di creare qualcosa di meglio”. Tra le interpretazioni, Hanna Segal (1952), che come Melanie Klein (1929), colloca la creatività nella posizione depressiva e nel superamento di essa, definisce la creatività un desiderio di riparare e rigenerare l’oggetto amato e perduto, sia all’interno che all’esterno dell’Io. Klein (1929), in un suo articolo sull’impulso creativo come riparativo di una situazione di angoscia, porta l’esempio, raccontato da Karin Michaelis in un articolo intitolato Lo spazio vuoto, di una pittrice Ruth Kjar, una donna gravemente depressa, che un giorno, davanti ad uno spazio lasciato vuoto sul muro, ripara il proprio vuoto depressivo dipingendo in questo spazio una figura di donna, sua madre.

[14] Libri Scheiwiller, 2006

[15] Mafia, su Facebook i fan dei padrini, 30 dicembre 2008

[16] FACEBOOK, L’OMBRA DELLA MAFIA, di Attilio Bolzoni

[17] Sempre il 7 gennaio La Stampa per parlare di Facebook non trovava di meglio che questo titolo: “Sotto inchiesta i medici di Facebook.” Ed ecco l’articolo di Marco Accossato: “Pugno duro contro gli infermieri che all’ospedale Molinette di Torino hanno messo online foto di pazienti in pronto soccorso, con tanto di commento aggiunto (grazie a Photoshop) sulla pancia di un uomo ubriaco: «Son ciucco perso». Il giorno dopo la scoperta che su Facebook circolano immagini scattate nel Dipartimento di emergenza del principale ospedale piemontese, il primario, professor Valerio Gai, annuncia una commissione disciplinare. E da Roma il garante della privacy, Francesco Pizzetti, fa sapere che invierà immediatamente a Torino i suoi ispettori. S’annunciano «sanzioni esemplari» – come dice il primario Gai – non solo per chi ha scattato o caricato le foto sul sito della comunità virtuale più famosa del momento. Ma anche per chi si è prestato a esser fotografato in posa mentre lavorava, magari sorridendo accanto a un paziente dolorante. «Intollerabile», sostiene il primario, che dipendenti pubblichino immagini rubate nelle sale visita. Passino gli scatti che propongono infermieri o medici rilassati durante la pausa fra un turno e l’altro, passino anche le foto dei brindisi in servizio la notte di Natale o Capodanno. «Ma i pazienti no, non è ammissibile», tuona Gai, che ha scoperto «solo adesso dell’esistenza di Facebook». «Abbiamo da anni in Internet un formidabile punto di confronto di esperienze cliniche e un alleato nell’aggiornamento – commenta il primario, riferendosi a quanto accaduto in ospedale -. Ma, come per i farmaci, va usato con cautela e per il giusto fine. Se al mondo d’oggi, per esistere, si deve apparire ad ogni costo, senza preoccuparsi di come e perché, vuol dire che anche l’imbecillità ha trovato spazio». La vicenda, rivelata ieri da La Stampa, avrà dunque conseguenze pesanti all’interno dell’ospedale torinese. La prima: il gruppo «Pronto soccorso and friends», dove comparivano 72 foto e aveva raccolto oltre cento fan, è scomparso. Cancellato dalla rete. Sparito da Facebook. Restano altri gruppi che raccolgono immagini dei dipendenti delle Molinette. Ma «nessuna – dicono ora in direzione – offensiva». Le immagini messe in rete all’ospedale raccontavano diversi momenti di vita quotidiana in pronto soccorso: una donna in barella in Sala Visita 1, due medici che suturano una ferita, un altro intervento di sutura, un medico e diversi infermieri che tentano di placare l’ira di un paziente in barella. C’era anche una foto in sala operatoria. Poi immagini di relax, proposte anche da un altro gruppo dello stesso ospedale, quello «A cuore aperto – amici Cardiologie e Cardiochirurgia». Evidentemente c’è chi si è spinto oltre. Troppo oltre. Qualcuno, prima di mettere le foto sul sito, ha aggiunto commenti, fra cui «Son ciucco perso» sulla pancia di un ubriaco in una sala visita. E accanto al paziente, due infermiere che ridono guardando l’obiettivo. Un’altra foto – scattata a sorpresa da un telefonino – rischia di mettere molto più seriamente nei guai due infermiere, immortalate mentre fumano in un corridoio all’interno dell’ospedale. Dove è vietato per legge. Alle Molinette, ieri mattina, molti infermieri del pronto soccorso ora nel mirino del garante della privaci e della direzione dell’ospedale stesso, si sono dissociati: «In questo pronto soccorso lavoriamo duro, giorno e notte. Non è nostra abitudine prenderci gioco dei pazienti. Quelle foto di malati offendono prima di tutto noi, che ora rischiamo di finire in un unico calderone: chi le ha pubblicate ha commesso un illecito, è giusto che ne risponda».

        Lo stesso giorno il TG1 proponeva un servizio sull’uso perverso di Facebook da parte dei genitori che lo utilizzano per controllare i figli, mentre il TG3 non mancava di sottolineare i pericoli per la produttività portati dai nuovi mezzi di comunicazione su Internet: 8 ore alla settimana sarebbero perse in media dai lavoratori italiani che le dedicherebbero a e-mail, chat e naturalmente Facebook.

[18] Cfr. Hamlet, Rivista AIDP, n. 1, marzo 1997.

[19] Minghetti e Cutrano, Le nuove frontiere della cultura d’impresa, ETAS, 2004

[20] http://www.nazioneindiana.com/2008/10/28/lorenzo-rustighi-is-wondering-why-facebook-wants-to-know-what-hes-doing/

[21] Episodio 81, La sfida del Labirinto Polivoco (Cibernetica e fantasmi).

[22] Le Aziende In-Visibili, ibidem.

[23] Come ampiamente dimostrato nel Manifesto dello humanistic management  – saggi di Varchetta,Notarnicola e Bertolino.

[24] Bollati Boringhieri, 2007

[25] http://katherjne.tumblr.com/post/62101218/la-vetrinizzazione-dellesistenza-non-ha

[26] Codeluppi, cit. (p. 8).

[27] Cit., p. 59.

[28] http://209.85.129.132/search?q=cache:BzVZfTECFI4J:librodellefacce.blogspot.com/2008/12/facebook-ads.html+facebook+ads&hl=it&ct=clnk&cd=4&gl=it

[29] Zen and the Art of Motorcycle Maintenance: An Inquiry into Values ,1974, traduzione italiana, Adelphi, 1981, cui successivamente ha fatto seguito una sorta di seconda parte intitolata Lila

[30] ETAS, 2002, con illustrazioni di Milo Manara.

[31] Cfr. Renè Girard, Shakespeare il teatro dell’invidia, Adelphi, 1998 (or. 1990)

[32] Cfr. Piero Trupia, Potere di convocazione, Liguori, 2002

[33] Le Aziende In-Visibili, Episodio 1.

[34] Sperling&Kupfer, 1995.

[35] Le Aziende In-Visibili, Episodio 35.

[36] Cfr. Marco Minghetti (a cura di), La metamorfosi manageriale, Sperling&Kupfer, 1995, pp- 54 e sgg.

 

7 Responses to Facebook come mondo vitale

  1. Write more, thats all I have to say. Literally,
    it seems as though you relied on the video to make your point.
    You clearly know what youre talking about, why waste your intelligence
    on just posting videos to your blog when you could be giving
    us something informative to read?

  2. Mary scrive:

    No, I’m not particularly sporty buying retin-a online and professional behavior is mandated and unethical behaviors will not be tolerated.

  3. drones scrive:

    This means that the gun has two attachments,
    at the end of the video, we see a gun with both a silencer and reflex sight.
    Call of Duty 4: Modern Warfare was the run away hit of the holiday season.
    Illegal immigration was a major campaign issue during the 2008 contest for the Republican Presidential nomination that
    was won, ironically, by U

  4. […] [2] Cfr. Marco Minghetti, Il Mondo Vitale di Facebook, Letteratitudine, gennaio 2009: http://www.marcominghetti.com/altre-pubblicazioni/facebook-come-mondo-vitale/ […]

  5. Johnd509 scrive:

    Hello there, I discovered your website by the use of Google while looking for a related subject, your web site came up, it seems good. I have bookmarked it in my google bookmarks. fgekdfafdkbf

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

L'intelligenza collaborativa. Verso la social organization

L'intelligenza collaborativa. Verso la social organization

Il libro spiega come trasformare una organizzazione tradizionale in una social organization, fondata su processi orizzontali, community e strumenti di lavoro collaborativo. La Prima Parte descrive le fasi del passaggio strategico a modelli di management 2.0. La Seconda mostra l'evoluzione della funzione HR per adeguarsi alle logiche del lavoro collaborativo.Nella Terza sono presentati i principi  sui quali edificare i nuovi comportamenti diffusi. Ogni capitolo propone la testimonianza di Top Manager di realtà che hanno  anticipato il cambiamento. 
Vai ad acquistare  il libro
E' disponibile l'edizione internazionale in lingua inglese del volume sul sito di Cambridge Scholars
 
 
Racconti invernali da spiaggia
 
Ecco, finalmente, una narrazione che vive nell’ecosistema digitale, un wikiromance che fa dei nuovi strumenti interattivi di lettura il fulcro del suo raccontare.
Il luogo narrativo di Racconti invernali è il lungomare di Rimini, ritratto attraverso 118 instantanee, ciascuna integrata da un testo e un apparato mutimediale: “(pseudo) instagrammi” tratteggianti un mondo fantastico che dai luoghi reali si allontana a volte sideralmente. E che è solo il punto di partenza per i viaggi personali che ogni lettore farà al suo interno. 
Si consiglia la lettura orizzontale su Ipad per fruire al meglio dell'esperienza transmediale.
Vai ad acquistare l'ebook 
Nulla due volte in ebook
Da molto tempo esaurito nella sua forma cartacea, rinasce come ebook Nulla due volte, il libro scritto da Marco Minghetti nel 2006 intorno a 25 poesie del Premio Nobel Wislawa Szymborska, illustrato dalle foto di Fabiana Cutrano e arricchito dai commenti di 25 personalità del mondo della cultura e dell'economia. 
Ha scritto Francesca Mazzucato: "Un testo complesso per raccontare una società densa, variegata e stratificata come la nostra, proponendo attraverso le poesie e le magnifiche fotografie uno sviluppo enorme, vastissimo, di alcuni temi come convivialità, motivazione individuale e sviluppo delle relazioni interpersonali, gestione della conoscenza, diversità e creatività, sensemaking".
Vai all'ebook