Il corso di Humanistic Management – Facoltà di Scienze della Comunicazione, Università di Pavia

Il Corso, attivato nel 2005,  si propone di avviare lo studente ad una modalità di interpretare l’azienda alternativa al tradizionale Scientific Management, fondata sulla centralità dei saperi umanistici nella costruzione di nuovi modelli organizzativi ispirati alle logiche del Management 2.0.

A livello internazionale le nuove frontiere del Management 2.0 e del lavoro collaborativo sono divenute sempre più oggetto non solo di riflessione intellettuale, ma di concreta azione manageriale. Il passaggio dalla teoria alla pratica è forse stato segnato dall’articolo postato da Gary Hamel sul suo blog nel novembre del 2011, dove afferma: “Il modello gestionale che predomina nella maggior parte delle organizzazioni risale ai primi anni del secolo ventesimo.  A quel tempo, gli innovatori del management erano focalizzati sulla sfida di ottenere larghe efficienze di scala. La soluzione che adottarono fu l’organizzazione burocratica, con una forte enfasi su standardizzazione, specializzazione, gerarchia, conformismo e controllo. Questi principi costituiscono i fondamenti filosofici del Management 1.0 (ovvero dello Scientific Management formalizzato da Taylor nel 1911[1], ndr)  e sono profondamente radicati nei processi cognitivi e operativi del management attuale. Praticamente in qualsiasi tipo di organizzazione  troviamo che il potere scende dall’alto in basso, che le strategie sono definite da un vertice ristretto, che gli obiettivi sono assegnati e non scelti, che è imposto un controllo ferreo e che sono i senior executives ad allocare le risorse. Prima del Web, era difficile immaginare alternative a questa ortodossia manageriale.  Ma Internet ha determinato l’esplosione di nuove forme di vita organizzativa – in cui il coordinamento si ottiene senza centralizzazione, il potere è il prodotto dalla capacità di contribuzione invece che dal ruolo occupato, dove la conoscenza condivisa da molti trionfa sull’autoritarismo di pochi, nuovi punti di vista sono valorizzati invece che soffocati, le comunità si formano spontaneamente intorno a specifici interessi, le opportunità di innovazione travalicano la ferrea distinzione fra vocazioni professionali e hobby personali, i titoli formali contano meno della capacità di fornire valore aggiunto, le performance sono valutate dai tuoi pari grado e l’influenza viene dalla abilità a diffondere informazioni invece che dal tenerle nascoste”[2].

Sembra una parafrasi quasi letterale delle tesi contenute nel Manifesto dello Humanistic Management[3] che ho scritto insieme ad un manipolo di visionari nel 2004,  ma di cui  solo adesso si comincia a comprendere la portata, soprattutto perché la sempre maggiore disponibilità di social software in molti casi gratuito e la massiccia introduzione sul mercato di piattaforme collaborative da parte di tutti i grandi player dell’ICT[4]rendono quella visione oggi realizzabile.



[1] Taylor, Frederick Winslow, The Principles of Scientific Management, New York, NY, USA and London, UK: Harper & Brothers, 1911. Traduzione italiana: Taylor, Frederick W., L’ organizzazione scientifica del lavoro, ETAS, 2004

[2] Marco Minghetti, Humanistic management 2.0: la visione di Gary Hamel, 26 NOVEMBRE 2011: http://marcominghetti.nova100.ilsole24ore.com/2011/11/humanistic-management-20-la-visione-di-gary-hamel.html

[3] Le nuove frontiere della cultura d’impresa. Manifesto dello Humanistic Management. A cura di Marco Minghetti e  Fabiana Cutrano. Etas, 2004. Per approfondimenti: http://www.marcominghetti.com/opere/il-manifesto-dello-humanistic-management/

Programma 2012-2013

Programma 2011-2012

Lezioni 1-4 (2008-2009)

Esempi di tesine

 

Torna a Humanistic Management

 

 

 

7 Responses to Il corso di Humanistic Management

  1. [...] ricerca promossa da Mission Continuity in collaborazione con le Cattedre di Humanistic Management dell’Università di Pavia (Marco Minghetti) e di Sistemi Organizzativi presso la facoltà di [...]

  2. Kristina scrive:

    Superb, what a webpage it is! This web site presents valuable
    data to us, keep it up.

  3. [...] di Management Enrico Mattei. Ha impostato un lavoro di ricerca sfociato nella creazione della cattedra di Humanistic Management all’Università di Pavia. Ha collaborato come giornalista pubblicista a testate che vanno da Mondo Economico a Il Sole [...]

  4. […] E’ un’opera che sintetizza l’esperienza maturata in questi ultimi anni sia come docente universitario sia come manager e consulente, oltre che come giornalista per NOVA100. E’ un lavoro di cui […]

  5. […] supporto le aziende nella loro trasformazione in social organization, mentre scrivo per NOVA100 e insegno Humanistic Management 2.0 alla facoltà di Scienze della Comunicazione di […]

  6. […] il Gruppo Facebook,   il laboratorio    di cineama.it), oltre che partecipando alle lezioni del corso di Humanistic Management 2011-2012). Nel secondo, è stata sviluppata una indagine sulla trasformazione in atto nelle organizzazioni, […]

  7. […] caso del progetto di ricerca svolto in collaborazione fra la mia Cattedra di Humanistic Management dell’Università di Pavia e Mission Continuity  La rivoluzione social e le aziende, il metodo […]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

L'intelligenza collaborativa. Verso la social organization

L'intelligenza collaborativa. Verso la social organization

Il libro spiega come trasformare una organizzazione tradizionale in una social organization, fondata su processi orizzontali, community e strumenti di lavoro collaborativo. La Prima Parte descrive le fasi del passaggio strategico a modelli di management 2.0. La Seconda mostra l'evoluzione della funzione HR per adeguarsi alle logiche del lavoro collaborativo.Nella Terza sono presentati i principi  sui quali edificare i nuovi comportamenti diffusi. Ogni capitolo propone la testimonianza di Top Manager di realtà che hanno  anticipato il cambiamento. 
Vai ad acquistare  il libro
E' disponibile l'edizione internazionale in lingua inglese del volume sul sito di Cambridge Scholars
 
 
Racconti invernali da spiaggia
 
Ecco, finalmente, una narrazione che vive nell’ecosistema digitale, un wikiromance che fa dei nuovi strumenti interattivi di lettura il fulcro del suo raccontare.
Il luogo narrativo di Racconti invernali è il lungomare di Rimini, ritratto attraverso 118 instantanee, ciascuna integrata da un testo e un apparato mutimediale: “(pseudo) instagrammi” tratteggianti un mondo fantastico che dai luoghi reali si allontana a volte sideralmente. E che è solo il punto di partenza per i viaggi personali che ogni lettore farà al suo interno. 
Si consiglia la lettura orizzontale su Ipad per fruire al meglio dell'esperienza transmediale.
Vai ad acquistare l'ebook 
Nulla due volte in ebook
Da molto tempo esaurito nella sua forma cartacea, rinasce come ebook Nulla due volte, il libro scritto da Marco Minghetti nel 2006 intorno a 25 poesie del Premio Nobel Wislawa Szymborska, illustrato dalle foto di Fabiana Cutrano e arricchito dai commenti di 25 personalità del mondo della cultura e dell'economia. 
Ha scritto Francesca Mazzucato: "Un testo complesso per raccontare una società densa, variegata e stratificata come la nostra, proponendo attraverso le poesie e le magnifiche fotografie uno sviluppo enorme, vastissimo, di alcuni temi come convivialità, motivazione individuale e sviluppo delle relazioni interpersonali, gestione della conoscenza, diversità e creatività, sensemaking".
Vai all'ebook