Metodologia

La prima parte del volume (Le variazioni impermanenti) è stata realizzata utilizzando come base di partenza una variante del metodo Delphi, impiegato nell’ambito della ricerca sociologica per effettuare indagini di tipo previsionale.

Tale metodo consiste nella consultazione di un gruppo di prestigiosi esperti, eterogenei per ambito disciplinare e percorso professionale, con l’obiettivo di rilevare previsioni basate sulla convergenza di opinioni relative al futuro reale (non auspicato) del fenomeno che si vuole indagare.

Nella prima fase viene somministrato un questionario a domande aperte a ciascun esperto, che ignora l’identità degli altri componenti del panel fino al completamento dell’indagine, per evitare reciproche influenze, e a cui viene chiesto di rispondere in forma scritta.

Nella seconda fase, queste previsioni di base vengono rielaborate, tradotte in item e mixate dopo avere eliminato eventuali ridondanze e sottoposte in forma di testo collettivo alla valutazione degli esperti per rilevare se concordano o meno sui concetti espressi dall’intero gruppo.

Infine, con le sole ipotesi previsionali che hanno registrato la maggioranza dei consensi viene redatto il testo finale. Il risultato di questo confronto di gruppo garantisce un’analisi del fenomeno sotto vari punti di vista.

I curatori del volume si sono ispirati a tale metodo per proporre un approccio umanistico e metadisciplinare al management, che fosse frutto di un lavoro congiunto fra un gruppo di studiosi e professionisti italiani che, singolarmente e talvolta perfino inconsapevolmente, con la propria attività di studio sulle imprese o lavorando all’interno delle imprese stesse, stavano elaborando le basi di una nuova visione del management, testimoniata e sviluppata da Marco Minghetti sulla rivista Hamlet nel corso di un settennio (1997-2003).

L’intuizione alla base del Manifesto dello Humanistic Management (e quindi delle Variazioni Impermanenti che ne costituiscono l’elemento di sintesi) è stata di dare una veste unitaria a questo insieme di riflessioni e pratiche, attraverso l’applicazione di una metodologia ispirata al Delphi.

Differenze rispetto al metodo originale.

Gli esperti conoscevano sin dall’inizio l’identità degli altri: i curatori hanno volontariamente favorito il confronto e le reciproche influenze fra loro; i curatori non hanno perseguito affatto l’ambizione di fornire indicazioni previsionali sul fenomeno indagato: le Variazioni sono appunto impermanenti; il testo finale delle Variazioni raccoglie sia i consensi che i dissensi, la scelta degli items è stata effettuata a libera discrezione dei curatori: a ciascun autore è stato però dato modo di prenderne le distanze e di esprimere le eventuali divergenze nel proprio personale intervento pubblicato nella seconda parte del volume.

Torna a Il Manifesto dello Humanistic Management

 
L'intelligenza collaborativa. Verso la social organization

L'intelligenza collaborativa. Verso la social organization

Il libro spiega come trasformare una organizzazione tradizionale in una social organization, fondata su processi orizzontali, community e strumenti di lavoro collaborativo. La Prima Parte descrive le fasi del passaggio strategico a modelli di management 4.0. La Seconda mostra l'evoluzione della funzione HR per adeguarsi alle logiche del lavoro collaborativo.Nella Terza sono presentati i principi  sui quali edificare i nuovi comportamenti diffusi. Ogni capitolo propone la testimonianza di Top Manager di realtà che hanno  anticipato il cambiamento. 
Vai ad acquistare  il libro
E' disponibile l'edizione internazionale in lingua inglese del volume sul sito di Cambridge Scholars
 
 

Ariminum Circus

copertina-ac1-1024x1024 
Ariminum Circus è un romanzo in progress.
Sul social network letterario Typee sono state testate alcune Stagioni di Ariminum Circus, che hanno registrato un buon accoglimento da parte della community di Scrittori e appassionati di letteratura (migliaia di visualizzazioni, con ottime recensioni).
L’Episodio Jay e Daisy è stato inserito nel TypeeBook 2019 (che raccoglie il meglio di quanto pubblicato sul sito).
Successivamente gli è stato assegnato il Premio letterario The Good Paper (è uno dei dieci racconti pubblicati sulla rivista The Good Life scelti fra gli undicimila presenti su Typee).
Gli Episodi sono stati quindi proposti su Wattpad arricchiti da immagini e video.
GLI EPISODI PUBBLICATI SU TYPEE e WATTPAD DA FEDERICO D. FELLINI SONO ILLUSTRATI DA MARCELLO D. MINGHETTI.
 
E' disponibile sul sito di AIE (Associazione Italiana Editori) l'ebook Dal libro analogico agli ecosistemi digitali, lettura sintetica della straordinarialibrare_marcominghetti_2020 ricchezza di contenuti offerti dai partecipanti alle Dieci Conversazioni sul futuro del libro pubblicate sul blog di NOVA100 -Il Sole 24 Ore.
Lo si può facilmente scaricare a questo link. 
L'ebook, in coerenza con il titolo, è costituito da un testo scritto fruibile anche come un ecosistema digitale: grazie a un semplice sistema di collegamenti ipertestuali, è possibile tornare alle singole conversazioni e ad altri contenuti reperibili in Rete .